Spiegato: qual è il processo antitrust contro Big Tech negli Stati Uniti? - Gennaio 2022

Le aziende tecnologiche come Google, Facebook, Amazon e Apple sono state sotto il radar dei governi in molti paesi per essere grandi spendaccioni e cercare di schiacciare la concorrenza.

Congresso degli Stati Uniti, Google, misure antitrust di Google, Apple, Facebook, Amazon, Indian Express spiegato, udienza antitrust del Congresso degli Stati Uniti, Congresso degli Stati Uniti delle aziende tecnologicheIl CEO di Google Sundar Pichai ha testimoniato durante un'audizione della sottocommissione giudiziaria della Camera sull'antitrust a Capitol Hill mercoledì, a Washington. (Mandel Ngan/Piscina tramite AP)

Il Congresso degli Stati Uniti mercoledì ha interrogato i massimi capi delle quattro grandi aziende tecnologiche, Google, Facebook, Amazon e Apple, e ha cercato di sapere seerano diventati troppo grandi per falliree se stessero soffocando la concorrenza di altre società più piccole.

In cosa consiste il processo antitrust?




quanto vale Jodie Sweetin

Le aziende tecnologiche come Google, Facebook, Amazon e Apple sono state sotto il radar dei governi in molti paesi per essere grandi spendaccioni e cercare di schiacciare la concorrenza acquistandoli o spingendo altri fornitori a evitare di lavorare con i loro concorrenti.



Nel giugno dello scorso anno, il Congresso degli Stati Uniti e un comitato antitrust della Commissione giudiziaria della Camera hanno avviato un'indagine sulla natura e sul funzionamento di quattro grandi nomi dello spazio tecnologico. Il panel ha raccolto documenti e testimonianze di lavoratori di queste aziende e di rivali sul fatto che le big four avessero in qualche modo cercato di espellerle dal mercato con mezzi sleali.

Ad esempio, il Congresso degli Stati Uniti ha voluto sapere da Apple se, nel tentativo di promuovere la propria app che consente ai genitori di limitare il tempo di utilizzo dello schermo per i bambini, ha lanciato un'app rivale con la pretesa di non essere sicura. Allo stesso modo, i senatori statunitensi hanno chiesto alle società se non avessero permesso ad altri giocatori più piccoli di farsi strada nello spazio dei pagamenti digitali citando la mancanza di una caratteristica di sicurezza o dell'altra.



Al gigante dei motori di ricerca Google è stato spesso chiesto del suo dominio sul servizio e se promuove i propri prodotti sulla sua piattaforma invece dei rivali, anche se quest'ultimo fornisce un servizio migliore.

Cosa hanno detto i capi delle prime quattro aziende?

L'udienza di lunedì ha visto il fondatore di Amazon Jeff Bezos affrontare per la prima volta il panel della casa. Nella sua dichiarazione al Congresso, Bezos ha difeso l'azienda come americana e ha affermato che non solo hanno assunto scienziati informatici e MBA (Master of Business Administration) altamente istruiti a Seattle e nella Silicon Valley, ma hanno anche formato centinaia di migliaia di persone negli stati di tutto il paese per i lavori di livello iniziale.



Su una domanda specifica che cercava di sapere se Amazon avesse mai utilizzato i dati del venditore a proprio vantaggio, Bezos ha affermato che sebbene la società avesse una politica contro lo stesso, non poteva garantire che la politica non fosse mai stata violata.

D'altra parte Tim Cook, quando è stato interrogato sul motivo per cui alcune app con funzionalità simili a quelle delle app di Apple, sono state avviate dallo store iOS, ha preso la linea della privacy e della sicurezza e ha affermato che l'azienda era preoccupata per i dati di bambini piccoli e minorenni abusati.


patrimonio netto di kimora lee simmons

Congresso degli Stati Uniti, Google, misure antitrust di Google, Apple, Facebook, Amazon, Indian Express spiegato, udienza antitrust del Congresso degli Stati Uniti, Congresso degli Stati Uniti delle aziende tecnologicheL'amministratore delegato di Amazon Jeff Bezos parla in videoconferenza durante un'audizione della sottocommissione giudiziaria della Camera sull'antitrust, il diritto commerciale e amministrativo sulle piattaforme online e il potere di mercato, a Washington. Foto Reuters

Il CEO di Google Sundar Pichai si è impegnato con il panel della Camera a non inclinare o distorcere le ricerche a favore di un candidato o di un altro prima delle imminenti elezioni di novembre. Pichai ha anche detto che questo non era mai stato praticato in azienda e che lo stesso sarebbe continuato anche in futuro.



Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg, le cui società avevano acquistato Instagram e WhatsApp in alcuni dei più grandi affari nello spazio tecnologico, era stato accusato di usare il potere del denaro per acquistare a titolo definitivo la concorrenza e quindi spingerli in modo aggressivo contro altri concorrenti sul mercato.

Zuckerberg, tuttavia, ha affermato che la società ha ottenuto le autorizzazioni dalla Federal Trade Commission. IlAnche il fondatore di Facebook ha dettoche nessuno avrebbe potuto fare nel 2012, quando la sua azienda ha acquistato Instagram per $ 1 miliardo, prevedeva che l'app sarebbe diventata una piattaforma grande quanto otto anni dopo.



Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Che succede ora?

A partire dallo scorso anno, il panel ha parlato con vari dipendenti che lavorano presso queste organizzazioni, i loro rivali, e ha raccolto fino a 1,3 milioni di documenti da udienze pubbliche e interviste di questo tipo.

Dopo la deposizione dei massimi vertici delle quattro grandi, il panel della Camera terrà conto delle dichiarazioni rilasciate da loro e poi uscirà con un rapporto sul fatto che queste società abbiano evitato ogni responsabilità di seguire pratiche commerciali eque.

Il panel della casa ha anche esaminato l'uso dei dati da parte di queste società e se avessero seguito le norme sulla protezione dei dati sensibili stabilite da vari stati degli Stati Uniti.