Spiegato: cosa funziona (e non funziona) nella cura del Covid - Giugno 2022

Gli esperti spiegano ~ Farmaci usati nel trattamento di Covid-19: con l'aumento dei casi e dei decessi, i medici hanno provato una serie di trattamenti. Sulla base delle prove attuali e di ciò che dicono gli scienziati, ecco un compendio di ciò che funziona (o non funziona) e in quali circostanze specifiche

coronavirus, trattamento del coronavirus, trattamento del coronavirus in india, trattamento del coronavirus in india, medicina del coronavirusIl farmaco idrossiclorochina viene visualizzato da un farmacista in una farmacia a Provo, Utah, Stati Uniti, 27 maggio 2020. (Foto Reuters: George Frey)

Come un ospite di nozze che accumula cibo da un buffet sul piatto fino a quando non c'è più posto, i medici hanno prescritto manciate di farmaci nel tentativo di gestire i pazienti con Covid-19. Riassumiamo sulla base delle prove attuali provenienti da tutto il mondo, ciò che gli scienziati dicono che funziona e che non funziona, tra i trattamenti attualmente in voga in India.

Azitromicina:Questo deve essere l'antibiotico più ampiamente prescritto e utilizzato in modo improprio in questa pandemia. L'azitromicina, come con tutti gli altri antibiotici, non funziona nelle infezioni virali. Gli antibiotici sono giustificati solo nei pazienti che hanno evidenza di un'infezione batterica secondaria come alcuni pazienti ospedalizzati avranno nelle fasi successive della loro malattia. L'uso indiscriminato (come avveniva anche prima della pandemia) nella speranza che prevengano l'infezione batterica peggiora solo la resistenza agli antibiotici, a cui l'India contribuisce frequentemente.

Anticoagulanti: è stato osservato che i pazienti ospedalizzati con Covid-19 hanno un'incidenza molto elevata di coaguli di sangue. C'è un consenso globale attuale sul fatto che tutti i pazienti ospedalizzati Covid-19 trarranno beneficio da fluidificanti del sangue iniettati quotidianamente appena sotto la pelle (come le iniezioni di insulina). Sebbene esista un solido ragionamento meccanicistico, sono attesi studi randomizzati controllati.


patrimonio netto di taylor lautner 2016

Da non perdere da Explained | I farmaci con cui l'India sta combattendo il Covid-19

BCG e altri vaccini esistenti:Mentre il mondo attende con impazienza un nuovo vaccino specifico per SARS-CoV-2, l'uso dei vaccini esistenti (vaccini BCG, Polio, MMR) nella speranza che funzionino è inappropriato. Sono in corso prove per vedere se aumenteranno l'immunità innata. Sappiamo che BCG è già stato somministrato alla nascita a tutti gli indiani e non sembra aver contribuito a mantenere basso il numero dei nostri casi.

Vitamina C:Potrebbe essere stata consumata più vitamina C delle arance dall'inizio del Covid-19! Non funziona.

Vitamina D:Un'ampia meta-analisi appena pubblicata mostra che la vitamina D non protegge dal Covid-19.

coronavirus, trattamento del coronavirus, trattamento del coronavirus in india, trattamento del coronavirus in india, medicina del coronavirusTecnici di laboratorio lavorano sul farmaco sperimentale Remdesivir per il trattamento della malattia da coronavirus (COVID-19) presso l'Eva Pharma Facility al Cairo, in Egitto, 25 giugno 2020. (Foto Reuters: Amr Abdallah Dalsh)

Favipiravir:Questo è un farmaco antivirale orale che è stato rapidamente monitorato dall'Indian Drug Controller ma non è ancora stato approvato nell'UE o negli Stati Uniti. Il suo uso dovrebbe essere limitato alle sole infezioni lievi o moderate. I dati disponibili a supporto del suo utilizzo sono scarsi, ma gli studi indiani sono appena stati completati e si attendono i risultati.


patrimonio netto di johnny bananas

Idrossiclorochina solfato (HCQS):Ora disponiamo di dati convincenti da numerosi studi clinici di grandi dimensioni, tra cui gli studi SOLIDARITY dell'OMS e RECOVERY del Regno Unito, per affermare categoricamente: HCQS non funziona. Anche Donald Trump potrebbe aver smesso di prenderlo ormai, e anche tu dovresti.

ivermectina:Questo è un farmaco antiparassitario ampiamente prescritto in India e in alcune parti del Sud America per curare le infezioni da vermi. Non ci sono prove che abbia un ruolo nel Covid-19. Non dovrebbe essere usato.

Cure varie:La macchina statale è stata utilizzata per distribuire pozioni erboristiche e ayurvediche non provate (Ukalo), gocce omeopatiche ( Arsenicum album ), e trattamenti spacciati da uomini-dio. Aneddoti e osservazioni non costituiscono prove scientifiche. In assenza di prove generate da studi clinici rigorosamente controllati, la distribuzione di queste sostanze deve essere condannata. Spingere trattamenti non provati e presumibilmente innocui e distribuirli a centinaia di migliaia di persone non è solo in malafede, ma fornisce alle persone false speranze e rischia di abbassare la guardia. Non ci sono pillole magiche per aumentare l'immunità e riparare anni di malnutrizione, arresto della crescita, obesità e polmoni cronicamente infiammati.

Oseltamivir:Questo è un agente antivirale prescritto per mitigare i sintomi del virus che causa l'influenza. Non ha alcun ruolo nel trattamento dell'infezione da Covid-19 causata da un coronavirus.

coronavirus, trattamento del coronavirus, trattamento del coronavirus in india, trattamento del coronavirus in india, medicina del coronavirusUn donatore della banca del plasma di Delhi. (Foto espresso: Tashi Tobgyal)

Plasma:Il nostro sangue è composto da cellule e plasma. Il plasma di coloro che si sono ripresi da Covid-19 trasporta anticorpi acquisiti naturalmente e, se trasfuso a pazienti critici con Covid-19, può aiutare a migliorare i risultati. Questa forma di terapia viene utilizzata in tutto il mondo e sono in corso sperimentazioni per accedere alla sua efficacia.

Remdesivir:Un farmaco antivirale somministrato per via endovenosa, ha dimostrato di essere efficace in studi ben progettati. Sembra abbreviare i tempi di recupero e la degenza ospedaliera, ma non riduce la possibilità di morte. Attualmente deve essere utilizzato solo in pazienti ospedalizzati con malattia grave.

Steroidi:L'unico farmaco finora dimostrato di avere un impatto notevole sulla mortalità è vecchio e poco costoso. Le prove attuali mostrano chedesametasonepuò ridurre i decessi di un terzo nei pazienti con grave infezione da Covid-19 che necessitano di ossigenoterapia o ventilatori. Il loro uso dovrebbe, tuttavia, essere limitato ai pazienti ospedalizzati. Se vengono somministrati troppo presto nel corso di un'infezione o somministrati a qualcuno con solo un'infezione lieve, potrebbero impedire al sistema immunitario del corpo di combattere efficacemente il virus.


charlamagne tha dio stipendio annuale

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Tocilizumab:Questo farmaco è un'iniezione originariamente utilizzata nei pazienti con artrite reumatoide. È ampiamente utilizzato per contrastare la grave infiammazione (tempesta di citochine) che si verifica in alcuni pazienti Covid-19. Il suo utilizzo può aumentare il rischio di infezioni batteriche, e quindi deve essere usato con cautela, se non del tutto, in pazienti accuratamente selezionati.

coronavirus, trattamento del coronavirus, trattamento del coronavirus in india, trattamento del coronavirus in india, medicina del coronavirusUn vaccino per il Covid-19 può essere pronto solo entro il prossimo anno, è stato detto a un panel del Parlamento. (Foto d'archivio)

Zinco:Questo minerale è anche comunemente prescritto, nonostante non ci siano prove che sia efficace.

In conclusione, a sei mesi dall'inizio della pandemia, dobbiamo quindi riconoscere quattro fatti:

    1. Ci sono pochi trattamenti provati per Covid-19 fino ad oggi e la maggior parte aiuterà i pazienti più malati. Desametasone, remdesevir e fluidificanti del sangue si stanno dimostrando utili: ciascuno in circostanze molto specifiche.
    2. La maggior parte dei pazienti guarirà da sola senza alcun trattamento. Nella maggior parte dei casi, un sistema immunitario sano metterà in piedi la propria difesa contro il virus e sconfiggerà la malattia. Si dice, tuttavia, che i medici in India si siano sempre sentiti in dovere di prescrivere farmaci ai loro pazienti, perché i pazienti se lo aspettavano. Questa è una profezia che si autoavvera. Come con altre cattive abitudini durante la pandemia, ora è un buon momento per romperlo, una volta per tutte.
    3. La maggior parte degli attuali studi sui farmaci Covid sono rapporti aneddotici o studi osservazionali, che non sono uguali e inferiori agli studi randomizzati controllati (RCT) in cui l'impatto sulla malattia è studiato in due gruppi comparabili con e senza intervento. Il semplice annuncio di una sperimentazione, in qualsiasi parte del mondo, anche se un RCT, non è una luce verde per iniziare a prescrivere questi farmaci nella disperata speranza che funzionino.
    4. È probabile che alcuni dei farmaci attualmente in uso finiscano per fare più male che bene. Ora, più che mai, non abbandoniamo l'ingiunzione ippocratica primaria della Medicina: 'primum non nocere' - primo, non nuocere.

(Il dott. Zarir Udwadia è consulente medico toracico, PD Hinduja Hospital & Medical Research Centre, Mumbai. Il dott. Satchit Balsari è assistente professore in medicina d'urgenza e in salute globale presso le scuole mediche e di salute pubblica dell'Università di Harvard.)