Spiegazione: quando una donna viene molestata sul lavoro - Luglio 2022

In che modo la legge definisce le molestie sessuali sul posto di lavoro? Uno sguardo alle linee guida per riconoscere le molestie sessuali e le azioni che i datori di lavoro devono intraprendere.

Quando una donna viene molestata sul lavoroL'identità della donna, convenuta, testimone, qualsiasi informazione sull'inchiesta, raccomandazione e azione intrapresa, afferma la legge, non dovrebbe essere resa pubblica.

Negli ultimi giorni, un certo numero di donne in India ha denunciato uomini influenti - attori, comici, giornalisti senior - per presunte molestie sessuali. Alcune di queste accuse si riferiscono ad azioni di allora colleghi delle donne. In che modo la legge definisce le molestie sessuali sul posto di lavoro? Uno sguardo alle linee guida per riconoscere le molestie sessuali e le azioni che i datori di lavoro devono intraprendere:

In base a quale legge sono coperte le molestie sessuali sul posto di lavoro?

La legge sulle molestie sessuali delle donne sul posto di lavoro (prevenzione, divieto e risarcimento) è stata approvata nel 2013. Definisce le molestie sessuali, stabilisce le procedure per una denuncia e un'indagine e le azioni da intraprendere. Amplia le linee guida Vishaka, che erano già in vigore.



Quali erano le linee guida di Vishaka?

Questi sono stati stabiliti dalla Corte Suprema in una sentenza nel 1997. Si trattava di un caso presentato da gruppi per i diritti delle donne, uno dei quali era Vishaka. Avevano intentato una causa di interesse pubblico per il presunto stupro di gruppo di Bhanwari Devi, un'assistente sociale del Rajasthan. Nel 1992 aveva impedito il matrimonio di una bambina di un anno, portando al presunto stupro di gruppo per vendetta.



Leggi | Movimento #MeToo: sei donne parlano, accusano il ministro M J Akbar di molestie sessuali quando era redattore

Cosa dicono queste linee guida?



Legalmente vincolanti, queste definivano le molestie sessuali e imponevano tre obblighi chiave alle istituzioni: divieto, prevenzione, riparazione. La Corte Suprema ha ordinato di istituire un Comitato per i reclami, che esamini le questioni relative alle molestie sessuali delle donne sul posto di lavoro.

In che modo la legge del 2013 li amplia?

Prescrive che ogni datore di lavoro costituisca un Comitato per i reclami interni (ICC) presso ogni ufficio o filiale con 10 o più dipendenti. Stabilisce procedure e definisce vari aspetti delle molestie sessuali, inclusa la vittima offesa: una donna di qualsiasi età, occupata o meno, che afferma di essere stata sottoposta a qualsiasi atto di molestia sessuale, il che significa i diritti di tutte le donne che lavorano o visitano qualsiasi luogo di lavoro, a qualsiasi titolo, sono tutelati dalla legge.



Opinione espressa | Alcuni momenti della vita di un patriarcato forniscono punti di confronto e anche aperture per il cambiamento

Quando una donna viene molestata sul lavoroPrescrive che ogni datore di lavoro costituisca un Comitato per i reclami interni (ICC) presso ogni ufficio o filiale con 10 o più dipendenti. (Illustrazione: C R Sasikumar)

Come si definisce la molestia sessuale?

La molestia sessuale include uno o più dei seguenti atti o comportamenti sgraditi commessi direttamente o implicitamente:
* Contatto fisico e avances
* Una richiesta o richiesta di favori sessuali
* Osservazioni sessualmente colorate
* Mostrando la pornografia
* Qualsiasi altra condotta fisica, verbale o non verbale sgradita di natura sessuale.

Il Ministero dello sviluppo delle donne e dell'infanzia ha pubblicato un manuale sulle molestie sessuali delle donne sul posto di lavoro con esempi più dettagliati di comportamenti che costituiscono molestie sessuali sul posto di lavoro. Questi includono, in linea di massima:




alicia minshew marito

* Osservazioni o allusioni sessualmente allusive; commenti offensivi gravi o ripetuti; domande o commenti inappropriati sulla vita sessuale di una persona
* Visualizzazione di immagini, poster, MMS, SMS, WhatsApp o e-mail sessisti o offensivi
* Intimidazioni, minacce, ricatti per favori sessuali; inoltre, minacce, intimidazioni o ritorsioni contro un dipendente che ne parli
* Inviti sociali sgraditi con sfumature sessuali, comunemente visti come flirt
* Avance sessuali sgradite.

Il Manuale afferma che il comportamento indesiderato viene sperimentato quando la vittima si sente male o impotente; provoca rabbia/tristezza o autostima negativa. Aggiunge che il comportamento sgradito è illegale, umiliante, invadente, unilaterale e basato sul potere.



Inoltre, la legge menziona cinque circostanze che equivalgono a molestie sessuali: promessa implicita o esplicita di un trattamento preferenziale nel suo impiego; minaccia implicita o esplicita di trattamento lesivo; minaccia implicita o esplicita sul suo stato lavorativo presente o futuro; interferenza con il suo lavoro o creazione di un ambiente di lavoro offensivo o ostile; trattamento umiliante che potrebbe incidere sulla sua salute o sicurezza.

Affinché l'ICC agisca, la vittima deve scrivere una denuncia?

Tecnicamente, questo non è obbligatorio. La legge dice che la vittima lesa può presentare, per iscritto, una denuncia per molestie sessuali. Se non può, qualsiasi membro dell'ICC dovrà fornirle tutta l'assistenza ragionevole per presentare il reclamo per iscritto. E se la donna non è in grado di sporgere denuncia a causa della sua incapacità fisica o mentale o morte o altro, può farlo il suo erede legale.

Leggi | Alok Nath sulle accuse di aggressione sessuale: 'Deve essere successo (stupro), ma lo avrebbe fatto qualcun altro'

Esiste un termine entro il quale deve essere presentato il reclamo?

La legge stabilisce che la denuncia per molestie sessuali deve essere presentata entro tre mesi dalla data dell'incidente. Per una serie di incidenti, deve essere effettuata entro tre mesi dalla data dell'ultimo incidente. Tuttavia, questo non è rigido. L'ICC può prorogare il termine se ritiene che le circostanze fossero tali da impedire alla donna di sporgere denuncia entro il suddetto termine. L'ICC deve registrare questi motivi.

Quando una donna viene molestata sul lavoro

Segue immediatamente una richiesta?


john o korn

L'articolo 10 della legge riguarda la conciliazione. L'ICC può, prima dell'inchiesta, e su richiesta della donna lesa, prendere provvedimenti per risolvere la questione tra lei e il convenuto attraverso la conciliazione, a condizione che non vi sia alcuna transazione monetaria come base di conciliazione.

Come si svolge l'inchiesta?

L'ICC può inoltrare la denuncia alla polizia ai sensi della Sezione 509 dell'IPC (parola, gesto o atto inteso a insultare la modestia di una donna; pena massima un anno di reclusione con multa). In caso contrario, l'ICC può avviare un'inchiesta che deve essere completata entro 90 giorni. L'ICC ha poteri simili a quelli di un tribunale civile per quanto riguarda le seguenti questioni: convocazione ed esame di qualsiasi persona sotto giuramento; che richiedono la scoperta e la produzione di documenti. Mentre l'indagine è in corso, se la donna fa una richiesta scritta, l'ICC può raccomandarle il trasferimento, un congedo di tre mesi o qualsiasi altro sollievo prescritto. Quando l'indagine è completata, l'ICC deve fornire un rapporto dei suoi risultati al datore di lavoro entro 10 giorni. La relazione è inoltre messa a disposizione di entrambe le parti.

L'identità della donna, convenuta, testimone, qualsiasi informazione sull'inchiesta, raccomandazione e azione intrapresa, afferma la legge, non dovrebbe essere resa pubblica.

Leggi | Mancano al movimento #MeToo indiano: gli uomini

Cosa succede dopo il rapporto ICC?

Se le accuse sono provate, l'ICC raccomanda che il datore di lavoro agisca per molestie sessuali per cattiva condotta in conformità con le disposizioni delle regole di servizio dell'azienda. Questi ovviamente varieranno da azienda ad azienda. Raccomanda inoltre che la società deduca dal salario della persona giudicata colpevole, come riterrà opportuno. Il risarcimento è determinato in base a cinque aspetti: sofferenza e disagio emotivo causati alla donna; perdita di opportunità di carriera; le sue spese mediche; situazione reddituale e finanziaria del convenuto; e la fattibilità di tale pagamento.

Dopo le raccomandazioni, la donna lesa o il convenuto possono presentare ricorso in tribunale entro 90 giorni

Cosa succede se si scopre che una denuncia è falsa?

L'articolo 14 della legge riguarda la punizione per la denuncia falsa o dolosa e le prove false. In tal caso, l'ICC può raccomandare al datore di lavoro di agire nei confronti della donna, o della persona che ha sporto denuncia, secondo quanto previsto dalle regole del servizio. La legge, tuttavia, chiarisce che non si può intraprendere un'azione per la semplice incapacità di motivare il reclamo o fornire prove adeguate.