'Per me, The Bohri Kitchen è sempre stata una storia da raccontare': Munaf Kapadia sul suo libro e viaggio - Gennaio 2022

In una conversazione esclusiva, Munaf Kapadia parla del suo rapporto con il cibo, di sua madre e del motivo per cui vuole che TBK sia più di una startup sopravvissuta alla pandemia

munaf kapadia, cucina bohri cucina bohri munaf kapadia, munaf kapadia, la cucina bohri, la cucina bohir, indiano express, notizie espresse indianeIn How I Quit Google to Sell Samosas - un libro estremamente leggibile che funge anche da spedizione personale di sua madre - Munaf e sua moglie Zahabia Rajkotwala mappano il viaggio di The Bohri Kitchen (TBK) usando l'umorismo come lingua scelta.

In un altro mondo, la storia imprenditoriale di Munaf Kapadia sarebbe un film di formazione: un ragazzo lascia un lavoro di alto livello per avviare un'attività in proprio. La costrizione a convincere i suoi genitori avrebbe costituito il nucleo emotivo e l'approvazione da parte di estranei, il colpo d'addio decisivo. Ma la vita inizia dove finiscono i film.

Crescendo, l'identità religiosa di Munaf era radicata nel mangiare Bohrathaala casa. Il cibo era l'accesso e il vestigio della sua comunità. Mentre era ancora in Google, ha lavorato per espandere le sue radici, facendo conoscere alle persone il cibo di Bohri. L'attività è iniziata in casa. Ha inviato un invito WhatsApp a tutti quelli che conosceva. La maggior parte ha risposto chiedendo di non inviare spam. Ma venne domenica, e il primo gruppo di sconosciuti arrivò a casa sua Colaba. Si sedettero insieme e mangiarono cibo Bohri da unthaal. Credendo di avere ospiti, i genitori di Munaf erano entusiasti. Sua madre Nafisa era la star. La faccenda del sotterfugio ha funzionato e il passaparola ha viaggiato.



Questo è stato nel 2016. Da allora, il viaggio consiste nell'espandersi in catene di consegna, affittare posti più grandi, celebrità che chiedono visite a domicilio, chiudere le operazioni e infine tornare da dove avevano iniziato: una piccola cucina a Worli.



È una storia incredibile, sceneggiata meglio dalla vita di qualsiasi abbellimento cinematografico. InCome ho lasciato Google per vendere Samosa— un libro estremamente leggibile che funge anche da spedizione personale di sua madre, Munaf e sua moglie Zahabia Rajkotwala mappano il viaggio di The Bohri Kitchen (TBK) usando l'umorismo come lingua scelta.

Durante una conversazione telefonica e video con indianexpress.com , Munaf parla del suo rapporto con il cibo, del motivo per cui vuole che TBK sia più di una startup sopravvissuta alla pandemia e che, contrariamente alla credenza popolare, sua madre lo ha salvato.




stipendio del cast sottocoperta per episodio

estratti:

Il tuo libro sembra in parte un libro di memorie e in parte un autoaiuto. Il fatto che non si prenda sul serio contribuisce alla lucidità della scrittura. Era questo il piano fin dall'inizio?

Il libro ha subito molte evoluzioni. La prima volta che le pubblicazioni hanno mostrato interesse, volevano un ricettario. Aveva senso dato che esiste un mercato pronto per questo. Ma la mia visione era quella di raccontare il mio viaggio e scrivere qualcosa che le persone possano leggere in un paio d'ore e sentirsi felici. La percezione comune di un imprenditore di successo è quello che raccoglie molti soldi. Ma nel mio caso, il viaggio è stato fenomenale e volevo condividerlo. Anche quella può essere una vittoria.



Puoi guidarci attraverso il processo di presentazione e scrittura del libro?

Per me, The Bohri Kitchen è sempre stata una storia da raccontare. In passato, ogni volta che creavo una pagina sui social media, raccontavo la storia come un esperimento sociale per vedere come avrebbero reagito le persone. Una volta che l'ho fatto per 4-5 anni, ho continuato a pensare a come espanderlo. In quel periodo un amico mi convinse a scrivere un libro. La mia ricerca è iniziata cercando su Internet come scrivere un libro. Fu allora che mi imbattei in Kanishka Gupta (agente letterario). Gli ho mandato una bozza e mi ha detto che era spazzatura. Il fatto è che l'idea del libro era nella mia testa, ma mi mancano le capacità di scrittura a lungo termine. Mia moglie Zahabia è una lettrice e scrittrice fenomenale. È intervenuta e quando abbiamo incontrato Kanishka nel 2019 l'idea gli è piaciuta. Ha fatto un ottimo lavoro nel presentarlo a varie case editrici. Ad HarperCollins è piaciuto e Sonal Nerurkar (l'editore) ci ha accompagnato durante l'intero processo.

Scrivere durante il lockdown era terapeutico, dato che professionalmente le cose avevano preso una brutta piega?



La scrittura era sia terapeutica che stressante. Per tutto il 2020 abbiamo scritto il libro. Anche se avevo un'idea chiara dell'indice - un progetto di pietre miliari - è stato travolgente. Ciò che era confortante era ricordare fino a che punto eravamo arrivati. Zahabia ha fatto un ottimo lavoro nel confezionare il libro, chiudendo i loop. Ha anche scritto un paio di capitoli.

Quando è avvenuto il blocco, avevamo la struttura del libro ma poi i miei affari quando attraversavano un giro pazzesco. Non sapevo come concludere il libro. Anche quando stavo scrivendo la bozza finale, stavo pensando di chiudere TBK. Ma ho concluso con una nota aperta e fortunatamente ha funzionato.



Com'è stata l'accoglienza?

In termini di affari, non va bene. Avevo enormi aspettative nella mia testa, ma la pandemia ha significato che nessuna libreria è stata aperta. Questa è la parte cattiva. La parte buona è il feedback. È stato sorprendentemente buono. Sappiamo di essere scrittori per la prima volta, non finiamo nemmeno con una nota di successo. Il fatto che alla gente piaccia il libro è una grande sorpresa


patrimonio netto tony romo

Munaf Kapadia con i suoi genitori.

NonostanteCome ho lasciato Google per vendere Samosamappa il tuo viaggio, è, in parti uguali, la storia di tua madre. La tua idea di aprire The Bohri Kitchen l'ha resa una donna d'affari. È stato gratificante?

La cosa interessante è che tutti pensano che io sia quel figlio figo che ha tirato fuori sua madre dalla cucina. In realtà, è il contrario. Non l'ho salvata io, i miei genitori hanno salvato me. Quando ero in Google, la migliore azienda al mondo, ero annoiato a morte. Avevo diverse idee in mente, una di queste era avviare The Bohri Kitchen. Mia madre sta bene. Non avevano alcun interesse finanziario nel progetto, ma per quattro anni hanno sacrificato per me il loro spazio personale e il loro tempo nei fine settimana.

Munaf e madre Nafisa Kapadia con Shilpa Shetty e Shaan.

Non abbiamo mai apprezzato le abilità culinarie di mia madre come le facciamo ora. Quando gli ospiti sono arrivati ​​per la prima volta, hanno finito di mangiare e hanno abbracciato mia madre. E all'improvviso, Shilpa Shetty le stava dando un premio. La cosa divertente è che in tutto questo non è cambiata per niente. È ancora la persona identica che era: sincera e genuina. Se ci fosse un articolo su di noi sul giornale, mio ​​padre ne comprerebbe 10 copie. Ora sono come, 'Allora, cos'altro sta succedendo?' Sono la ragione per cui potrei farlo.


patrimonio netto di rick grimes

La Bohri Kitchen ha cambiato il tuo rapporto con tua madre?

Sono sicuro di sì, ma devo non averlo riconosciuto. Uno dei motivi dietro l'avvio di TBK era la mia colpa. Essendo il più giovane di quattro fratelli ero convinto che mia madre avesse dovuto sacrificare molto per noi. Non me l'ha mai detto, ma ho pensato. Quindi ho continuato a spingerla a monetizzare i suoi hobby, a essere una donna d'affari. Ma quello che mi rendo conto oggi è che lei non vuole esserlo. Vuole fare le cose al proprio ritmo e scala. Ha un talento fenomenale ed è in grado di gestire un'azienda se lo desidera, ma non lo fa, e in questa fase della sua vita chi sono io per decidere per lei?

Ricordo che c'è stato un periodo stressante in cui ho cercato disperatamente qualcuno che supervisionasse le produzioni. Continuavo a dire a mamma di farlo. Ha detto: 'no, non mi interessa andare in quella tua cucina sporca e replicare il mio cibo. Sono pronto a mettermi all'estremo qui.' Non l'ha mai visto come un business. Lo vedeva come 30 persone che tornavano a casa e sarebbe stata felice di dar loro da mangiare il suo cibo.

Munaf Kapadia e la famiglia con il regista Sanjay Leela Bhansali.

Mi ci sono voluti due anni per venire a patti con esso. Alla fine la lezione che ho imparato è che devo essere quella persona. Così ho imparato a fare il biryani di mia madre per supervisionare i ragazzi. Una volta ottenuto il finanziamento, ho assunto qualcuno per standardizzare la ricetta di mia madre. Volevo che fosse chi volevo che fosse, ma alla fine mi sono avvicinato a quello che è.

Qual è la situazione adesso?

Mia madre è il mio capo chef. Ogni pochi giorni i miei genitori gestiscono il gusto di TBK. Hanno una soglia molto bassa se qualcosa non è carino. Operativamente tutto avviene nella cucina di Worli. In un certo senso, la vita ha chiuso il cerchio. Nel 2017 ho raccolto fondi, aperto una cucina più grande. Entro il 2020 tutto era fermo e in qualche modo siamo riusciti a rimetterci in piedi e a riprendere le operazioni dalla prima cucina. Stiamo facendo profitti per la prima volta.

Abbiamo un modello di business completamente diverso ora, in cui inseguiamo valori anziché numeri. L'idea è quella di trasferirsi in una cucina migliore ed essere più di un'azienda sopravvissuta durante una pandemia.