Sounds of the Deep: prime registrazioni dal punto più profondo della Terra - Luglio 2022

Dai gemiti delle balene al put-put-put delle eliche delle navi, dal rombo dei terremoti al rombo dei tifoni: gli scienziati pubblicano le prime registrazioni dal punto più profondo della Terra.

Lo scorso luglio, un microfono subacqueo è stato calato nel Challenger Deep, il punto più profondo della Fossa delle Marianne, la depressione lunga 2.550 km e larga 70 km sul fondo dell'Oceano Pacifico a est delle Filippine, la parte più profonda del gli oceani del mondo. Gli scienziati, della National Oceanic and Atmospheric Administration, dell'Oregon State University e della US Coast Guard, si aspettavano un profondo silenzio; invece, hanno sentito una cacofonia di suoni, sia naturali che creati dagli umani.

Il progetto finanziato dalla NOAA aveva lo scopo di stabilire una linea di base per il rumore ambientale nella parte più profonda del Pacifico. Il rumore creato dall'uomo è aumentato costantemente negli ultimi decenni e gli scienziati in futuro hanno bisogno di dati per determinare come questo potrebbe influenzare gli animali marini che usano il suono per comunicare, navigare e nutrirsi: balene, delfini e pesci. L'idrofono è rimasto sott'acqua per circa 3 settimane; la prossima missione, all'inizio del 2017, lo dispiegherà più a lungo e collegherà anche una telecamera per le profondità oceaniche.




patrimonio netto di ellie goulding 2015

Il sito



Challenger Deep si trova all'estremità meridionale della Fossa delle Marianne, vicino alla Micronesia, vicino al territorio insulare statunitense di Guam, l'hub regionale per il trasporto di container statunitensi con la Cina e le Filippine.

[articolo correlato]



i suoni

COME sono arrivati ​​i suoni all'idrofono? Il suono viaggia più velocemente nell'acqua che nell'aria; la distanza percorsa dipende dalla temperatura e dalla pressione dell'oceano. La pressione continua ad aumentare con la profondità, ma la temperatura smette di diminuire dopo un certo punto. Le onde sonore simili a increspature provenienti, ad esempio, dal richiamo di una balena, rallentano all'aumentare della profondità (e la temperatura diminuisce), provocandone la rifrazione verso il basso. Una volta che le onde raggiungono il fondo dello strato termoclino (600 piedi-3.300 piedi, corrispondenti alle zone disfotiche e mesopelagiche; a destra) la loro velocità raggiunge il minimo. Al di sotto del termoclino, la temperatura è costante, ma la pressione continua ad aumentare. Ciò fa sì che la velocità del suono aumenti e le onde si rifrangano verso l'alto. Questa canalizzazione consente alle onde sonore di viaggiare per migliaia di chilometri senza che il segnale perda troppa energia. Posizionati a una profondità adeguata, gli idrofoni possono captare i canti delle balene e i rumori artificiali come le eliche delle navi a molte miglia di distanza.

L'idrofono



Realizzato in ceramica, rivestito in particolare in titanio per resistere all'enorme pressione sottomarina. È stato abbassato e tirato su 36.000 piedi, o circa 11 km, a una velocità non superiore a 5 m/secondo (o 18 km/h) per assicurarsi che non fosse schiacciato da rapidi cambiamenti di pressione.

L'idrofono

Realizzato in ceramica, rivestito in particolare in titanio per resistere all'enorme pressione sottomarina. È stato abbassato e tirato su 36.000 piedi, o circa 11 km, a una velocità non superiore a 5 m/secondo (o 18 km/h) per assicurarsi che non fosse schiacciato da rapidi cambiamenti di pressione.



L'esplorazione

L'idrofono è rimasto 23 giorni a partire da luglio 2015 sul fondo del Profondo, registrando il suono quasi costante sia da lontano che da vicino fino a quando la sua chiavetta non si è riempita. È rimasto legato al fondo, tuttavia, fino a quando le condizioni meteorologiche e un'interruzione del traffico oceanico hanno permesso agli scienziati di tornare a recuperarlo a novembre. I risultati sono stati comunicati a marzo. Il campo sonoro ambientale è dominato dal suono dei terremoti, sia vicini che lontani, nonché dai gemiti dei balenotteri e dal clamore di un tifone di categoria 4 che è passato sopra la testa, ha affermato Robert Dziak, capo scienziato del progetto.



La profondità


benjamin millepied altezza

La profondità media degli oceani del mondo è di circa 12.100 piedi. Il Challenger Deep è tre volte la media, circa 36.200 piedi di profondità. Prende il nome dall'HMS Challenger, il cui equipaggio ha sondato per la prima volta le profondità della trincea nel 1875.

La pressione

La pressione a livello del mare è di 14,5 PSI (libbre/pollice quadrato), qualcosa che non sentiamo perché i fluidi all'interno del corpo respingono con la stessa forza. Tuttavia, immergersi anche a una certa profondità provoca un aumento della pressione sui timpani. La discesa ogni 33 piedi (10 m) sotto la superficie aumenta la pressione di 14,5 PSI, il che significa che la pressione nell'oceano più profondo è di 16.000 PSI. Questo è più o meno equivalente al peso di un elefante che agisce su un'area grande quanto un francobollo o di una persona che cerca di reggere 50 jumbo jet. Questa pressione, tuttavia, non schiaccia le balene, le cui costole sono racchiuse in una cartilagine libera e flessibile e i cui polmoni sono in grado di collassare per non rompersi con i cambiamenti di pressione.