Potrebbe Planet Nine essere un buco nero? Una nuova teoria e il caso intorno ad essa - Gennaio 2022

Nel corso degli anni, gli scienziati hanno cercato di spiegare diversi aspetti sconcertanti del Sistema Solare attribuendoli all'influenza del Pianeta Nove.

Pianeta X, Pianeta Nove, Pianeta X Buco nero, buco nero, pianeta nove buco nero, espresso spiegatoRappresentazione artistica della vista dal Pianeta Nove verso il sole. (Fonte: Caltech)

Nascosta nel sistema solare esterno si cela una presenza, ritenuta un pianeta gigantesco in orbita attorno allo stesso Sole e che esercita un'influenza visibile sul comportamento di numerosi altri oggetti. Sebbene non sia stato ancora individuato, questo comportamento sarebbe difficile da spiegare se tale presenza non esistesse. Viene comunemente chiamato Planet Nine, il presunto nono pianeta del Sistema Solare, e occasionalmente come Planet X.


famiglia keith morrison

E se questa misteriosa presenza fosse invece un minuscolo buco nero? Questa è un'idea proposta da due fisici, che hanno dimostrato che il comportamento di certi Oggetti Transnettuniani - quelli oltre l'orbita di Nettuno - può essere spiegato anche dalla presenza di un buco nero primordiale.



Un buco nero primordiale è quello che si ritiene si sia formato subito dopo la creazione dell'universo. Come il Pianeta Nove, anche i buchi neri primordiali sono stati previsti – incluso dal compianto Stephen Hawking – ma nessuno è stato ancora individuato.



Neanche i fisici escludono un pianeta. Tutto ciò che stiamo suggerendo è che se le anomalie persistono, mentre nessun pianeta viene trovato nello spettro visibile, dovremmo iniziare a cercare scenari alternativi, afferma Jakub Scholtz della Durham University in un post online. L'altro fisico è James Unwin dell'Università dell'Illinois a Chicago.

Cosa sappiamo finora del Pianeta Nove?

Nel corso degli anni, gli scienziati hanno cercato di spiegare diversi aspetti sconcertanti del Sistema Solare attribuendoli all'influenza del Pianeta Nove. In un articolo del 2016, i ricercatori della California University of Technology Konstantin Batygin e Michael Brown hanno sostenuto l'esistenza del Pianeta Nove sostenendo che potrebbe essere responsabile del peculiare allineamento degli oggetti ghiacciati alla periferia del Sistema Solare.



Di nuovo, il piano equatoriale del Sole è allineato di sei gradi rispetto al piano orbitale dei pianeti. E se non fosse il Sole ad essere fuori allineamento ma gli otto pianeti? Questa proposta è arrivata da un altro team Caltech, sempre nel 2016; hanno sostenuto con calcoli che la massa del Pianeta Nove ha causato l'oscillazione del loro piano orbitale.

Da allora, sempre più particolarità sono state attribuite al Pianeta Nove, tra cui l'estrema inclinazione di un oggetto chiamato 2015 BP519 e l'orbita di un pianeta nano chiamato Goblin. L'anno scorso,questo sito webaveva inviato via e-mail domande su Planet Nine a un certo numero di ricercatori. Batygin di Caltech aveva ritenuto che la probabilità di falso allarme con l'attuale set di oggetti fosse di circa lo 0,1%. Juliette Becker dell'Università del Michigan, che aveva studiato BP519 e aveva sostenuto il Pianeta Nove, aveva detto che l'unico modo per dimostrare l'esistenza del Pianeta Nove era rilevarlo direttamente. E Scott Sheppard del Carnegie Institution for Science, parte del team che ha scoperto il Goblin, era sicuro all'85% circa dell'esistenza del pianeta.

Qual è, allora, la base della nuova ipotesi su un buco nero?

Scholtz e Unwin, che hanno pubblicato le loro scoperte su un server di prestampa, basano la loro teoria su due note anomalie gravitazionali, entrambe attribuibili alla stessa massa. Uno sono le orbite insolite degli asteroidi oltre l'orbita di Nettuno, che hanno alimentato la previsione del Pianeta Nove, stimato tra le 5 e le 20 volte la massa della Terra.



L'altra anomalia è stata osservata a migliaia di anni luce di distanza, da un progetto chiamato OGLE (Optical Gravitational Lensing Experiment). In sei osservazioni, un oggetto ha piegato la luce di una stella. Questo si chiama microlensing, hanno detto Scholtz e Unwin a The Indian Express in una e-mail congiunta. Questi sei eventi corrispondono a oggetti le cui masse sono comprese tra 0,5 e 20 volte la massa della Terra. Scholtz e Unwin li interpretarono come buchi neri primordiali ed esplorarono se uno di questi buchi neri potesse essere stato catturato dal Sistema Solare e causasse anche le orbite insolite degli asteroidi.

Abbiamo calcolato che la probabilità di catturare un pianeta libero (che è una delle possibili spiegazioni per l'origine del Pianeta 9) è molto simile alla probabilità di catturare uno di questi buchi neri. Questo è il motivo per cui riteniamo che questo sia uno scenario in qualche modo ragionevole, hanno scritto nella loro e-mail.

È possibile trovare il buco nero?

Il problema è che è molto più difficile cercare un buco nero che cercare un pianeta, specialmente quando si prevede che il buco nero sia di piccole dimensioni. Tuttavia, è ragionevole aspettarsi che un alone di materia oscura circondi questo buco nero. Se la materia oscura può annichilirsi in particelle che conosciamo, l'alone che circonda il buco nero irradierebbe fotoni ad alta energia e l'alone sarebbe visibile nei raggi X e gamma, hanno detto Schotz e Unwin. Propongono di guardare attraverso un set di dati di telescopi a raggi gamma e cercare di trovare prove di queste annichilazioni.