Spiegato: Leggere il censimento del bestiame - Luglio 2022

La popolazione di bovini indigeni è ulteriormente diminuita mentre i numeri di incroci sono aumentati. L'ultimo censimento mostra anche uno spostamento verso est mentre il Bengala occidentale supera UP con il più alto numero di capi di bestiame. Uno sguardo a queste tendenze.

Il censimento mostra un ulteriore calo della popolazione bovina autoctona.

Mercoledì, il Dipartimento di zootecnia e allevamento di animali ha rilasciato ilrisultati dell'ultimo censimento del bestiame, che fornisce dati sull'organico degli animali domestici nel paese. Il censimento mostra un ulteriore calo della popolazione bovina autoctona. Mostra anche che la cintura di mucche del paese si è spostata verso est con il Bengala occidentale che emerge come uno stato con la più grande popolazione di bovini, lasciandosi alle spalle l'Uttar Pradesh.

Cos'è il censimento del bestiame?



In base al censimento del bestiame, vengono contate in loco varie specie di animali posseduti da famiglie, imprese domestiche o imprese e istituzioni non domestiche, sia nelle aree rurali che urbane. In altre parole, copre tutti gli animali domestici in un dato periodo di tempo. L'India conduce periodicamente censimenti del bestiame dal 1919-20. Questo è il 20°, iniziato nell'ottobre 2018. L'ultimo censimento del bestiame è stato condotto nel 2012.



Quali animali e uccelli sono contati in questo censimento?

Il censimento tiene traccia della popolazione di varie specie di animali domestici come bovini, bufali, mithun, yak, pecore, capre, maiali, cavalli, pony, muli, asinelli, cammelli, cani, conigli ed elefanti e uccelli da cortile (uccelli, anatra, emu , tacchini, quaglie e altri volatili da cortile). L'organico per razza di animali e volatili da cortile è stato effettuato in circa 6,6 lakh di villaggi e 89.000 quartieri urbani in tutto il paese, coprendo più di 27 milioni di famiglie e non.



Tuttavia, i risultati chiave rilasciati mercoledì non includono l'ultimo conteggio degli animali per Delhi poiché le operazioni di censimento nella capitale nazionale non sono ancora state completate. Quindi le cifre specifiche di Delhi provengono dal censimento precedente.

Per la prima volta, i dati sugli animali sono stati raccolti online tramite tablet.

Quali sono i principali risultati e cambiamenti rispetto all'ultimo censimento?



Nel 2019, la popolazione totale di bestiame è di 535,78 milioni; bovini (192,90 milioni) è il più grande gruppo di animali del paese, seguito da capre (148,88 milioni), bufali (109,85 milioni), pecore (74,26 milioni) e suini (9,06 milioni). Tutti gli altri animali presi insieme contribuiscono solo allo 0,23 per cento della popolazione zootecnica totale del paese.

Come mostra il grafico 1, nel 2019, la popolazione zootecnica totale ha registrato una crescita del 4,6 per cento rispetto all'ultimo censimento del 2012 (512,06 milioni). La popolazione totale era di 529,70 milioni al momento del 18° censimento nel 2007.

Tuttavia, il numero di alcuni animali come maiali, yak, cavalli e pony, muli, asini e cammelli è diminuito drasticamente.



La popolazione di bovini è cresciuta marginalmente dello 0,83% e quella di bufali dell'1,06%. Le popolazioni di pecore (14,13%), capre (10,14%) e mithun (26,66%) sono aumentate in modo significativo, sottolineando la preferenza degli allevatori per l'allevamento di animali da latte.



Quali sono le tendenze demografiche per i diversi tipi di bestiame?

Come mostra il grafico 2, mentre la popolazione bovina complessiva è aumentata dello 0,8 per cento tra il 2012-19, la popolazione di bovini indigeni è diminuita del 6 per cento, da 151 milioni a 142,11 milioni. Tuttavia, questo ritmo di declino è molto più lento del calo del 9% tra il 2007 e il 2012.

Al contrario, la popolazione totale dei bovini esotici/merci incrociati è aumentata di quasi il 27% raggiungendo i 50,42 milioni nel 2019.

In che modo i dati mostrano uno spostamento del bestiame verso est, come accennato in precedenza?

Il Bengala occidentale è emerso come lo stato con il maggior numero di bovini nel 2019 (grafico 2), seguito da Uttar Pradesh e Madhya Pradesh. Nel 2012, l'Uttar Pradesh aveva il maggior numero di bovini, ma da allora questa popolazione è diminuita di quasi il 4%.

La popolazione bovina è diminuita anche in Madhya Pradesh (4,42%), Maharashtra (10,07%) e Odisha (15,01%).

Gli Stati che hanno registrato gli aumenti massimi tra il 2012 e il 2019 sono stati il ​​Bengala occidentale (15,18%), il Bihar (25,18%) e il Jharkhand (28,16%).

Quali sono le implicazioni del calo del numero di bovini indigeni?

A causa del continuo calo della produttività, le razze bovine autoctone sono diventate un onere per gli allevatori, costringendoli ad abbandonare le mucche improduttive. Gli agricoltori trovano altri animali come bufali, capre e pecore molto più produttivi. A differenza delle mucche, se questi animali diventano improduttivi, possono essere venduti e macellati per un'ulteriore lavorazione.

Gli esperti ritengono che ciò potrebbe avere impatti a lungo termine sulla salute e sull'ambiente perché il latte di razza autoctona ha un valore nutritivo più elevato rispetto a quello degli incroci. Inoltre, c'è il pericolo di perdere queste razze autoctone, che sono state sviluppate e sostenute da generazioni da tempo immemorabile.

Quali sono le tendenze della popolazione di bestiame diverso dai bovini?

La popolazione totale di bufali nel paese è passata da 108,70 milioni nel 2012 a 109,85 milioni nel 2019. Gli stati che hanno visto un aumento della popolazione di bufali durante questo periodo includono Uttar Pradesh, Rajasthan, Gujarat, Madhya Pradesh, Bihar, Maharashtra e Telangana. Tuttavia, alcuni stati tra cui Andhra Pradesh, Haryana e Punjab hanno visto un calo delle rispettive popolazioni di bufali.


chantel jeffries prima e dopo

Nel 2019, il pollame totale nel paese è di 851,81 milioni, di cui 317,07 milioni sono pollame da cortile e 534,74 milioni sono pollame commerciale. Mentre il pollame totale ha registrato un aumento del 16,8 per cento rispetto al censimento precedente, il pollame da cortile è aumentato di circa il 46 per cento e il pollame commerciale di appena il 4,5 per cento.

Il Tamil Nadu è lo stato leader nella popolazione di pollame seguito da Andhra Pradesh, Telangana, Bengala occidentale, Maharashtra, Karnataka, Assam, Haryana, Kerala e Odisha. L'Assam ha registrato la crescita maggiore (71,63%) della popolazione avicola.