Siero-indagini durante il Covid-19: perché sono importanti e cosa dicono - Gennaio 2022

Il virus SARS-CoV2, comunemente indicato come 'virus corona', ha chiaramente infettato un gran numero di persone, ma non è ancora chiaro esattamente quante persone siano state infettate finora.

Gli operatori sanitari raccolgono campioni di sangue durante un sondaggio sul siero a Nuova Delhi il 4 agosto 2020. (Foto espressa: Abhinav Saha)

Scritto da Vineeta Bal e Satyajit Rath

Da dicembre 2019, il mondo è stato coinvolto nella pandemia causata dal virus SARS-CoV-2, che ha portato alla malattia chiamata Covid-19. Una pandemia di questo tipo è per noi una nuova realtà. Nuove intuizioni sull'infezione stanno ancora arrivando. Di conseguenza, continua ad esserci molta incertezza su come progredirà la pandemia e cosa deve essere fatto.



Il virus SARS-CoV2, comunemente indicato come 'virus corona', ha chiaramente infettato un gran numero di persone, ma non è ancora chiaro esattamente quante persone siano state infettate finora.




valore netto di ryan toy review

Abbiamo utilizzato i cosiddetti test RTPCR per rilevare il materiale genetico virale, o i cosiddetti 'test rapidi dell'antigene' per rilevare le proteine ​​virali, nel fluido del naso, della gola e della bocca per trovare 'casi' di malattia. Questi sono i numeri che sono stati ampiamente riportati e discussi finora. Ma stanno emergendo sempre più anche nuove informazioni basate su 'siero-indagini'.

Cosa sono i siero-indagini e cosa ci dicono?

I siero-indagini utilizzano test che esaminano la parte liquida del sangue, o 'siero', non il naso, la gola e il fluido della bocca. E questi test rilevano una risposta immunitaria al materiale virale, non al materiale virale SARS-CoV-2 stesso.



Dopo l'infezione da virus, il corpo ha molte risposte immunitarie. Uno di questi è la produzione di proteine ​​chiamate anticorpi che si attaccano (o 'legano') al virus, che si manifestano entro pochi giorni dall'infezione. L'infezione stessa in genere scompare dopo un paio di settimane. Ma gli anticorpi anti-virus, in particolare il tipo IgG, rimangono nel sangue per un tempo abbastanza lungo, almeno per mesi. Questi anticorpi vengono prodotti se la persona infetta era asintomatica o aveva una malattia reale. E, naturalmente, nessuno che non abbia incontrato il virus avrà questi particolari anticorpi.

Sondaggio Sero, risultati del sondaggio Sero, risultati del sondaggio Pune Sero, sondaggio Coronavirus Sero, cosRaccolta di campioni nell'ambito di un'indagine sierologica in corso a Nuova Delhi. (Foto espresso: Praveen Khanna)

Quindi, se una persona è stata infettata, il materiale virale sarebbe rilevabile nel naso, nella gola e nel liquido della bocca per un paio di settimane al massimo. Se i test non fossero stati eseguiti in quel momento, non avremmo mai saputo se la persona fosse stata infettata dal virus. Ma gli anticorpi IgG rimangono a lungo nel sangue di una persona simile. Quindi, se esaminiamo il sangue per questi anticorpi in qualsiasi momento e li troviamo (rendendo la persona 'sieropositiva'), possiamo dire che questa persona era stata effettivamente infettata nelle ultime settimane/mesi.

I test sierologici testano campioni di sangue di persone sane per gli anticorpi IgG anti-SARS-CoV-2. Non tutti possono essere testati, solo poche persone scelte a caso vengono testate. I risultati sono una stima della percentuale di persone che sono state infettate in passato. Queste informazioni forniscono un quadro ampio nel tempo di come il virus si è diffuso nella comunità.



Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Cosa non ci dicono i siero-indagini?

Se i siero-indagini rilevano 'immunità' a SARS-CoV-2, ci dicono se siamo 'protetti' contro il virus? No. Tutte le risposte immunitarie non sono protettive. Il test sierologico non rileva gli anticorpi 'protettivi', ma solo tutti gli anticorpi (quelli 'protettivi' sono molto più difficili da testare su larga scala).

Inoltre, anche se ha rilevato anticorpi 'protettivi', non abbiamo idea di quali livelli di anticorpi 'protettivi' siano necessari per una protezione effettiva.



'Immunità di gregge', una frase ricorrente in questo contesto, è una situazione in cui così tante persone nella comunità sono immuni e protette dal virus che la trasmissione da persona a persona semplicemente si arresta, anche se non tutti sono immuni e protetti .

La proporzione della comunità che dovrebbe essere protetta dal sistema immunitario per raggiungere il punto di 'immunità di gregge' varia da situazione a situazione. Non abbiamo idea di quale sia il punto per COVID-19. Sebbene i siero-indagini siano utili per esaminare l'immunità di gregge, non ci dicono se quel punto è stato raggiunto o meno.




patrimonio netto di deadmaus

Sondaggio Sero, risultati del sondaggio Sero, risultati del sondaggio Pune Sero, sondaggio Coronavirus Sero, cosGli operatori sanitari raccolgono campioni di sangue durante un'indagine sierologica a Majnu ka Tila, Nuova Delhi, il 4 agosto 2020. (Foto espressa: Abhinav Saha)

Siero-sondaggi in India

Sono state segnalate siero-indagini SARS-CoV-2 da molte aree del mondo, con ampie variazioni nelle proporzioni di individui sieropositivi. Finora, sono stati segnalati almeno cinque siero-indagini dall'India: una prima indagine in tutta l'India, indagini in Delhi ,MumbaieBerhampura Odissa, e ora dacittà di Pune. Tra i primi sondaggi condotti sulla città, Delhi ha mostrato una sieropositività del 23% circa, Mumbai ha mostrato un 40% circa e Berhampur ha mostrato un 31% circa. Questi numeri sono delle medie, con molta variazione tra i quartieri; variando a Mumbai, ad esempio, dal 16% al 57%.

La prima fase dell'indagine sulla città di Pune ha testato campioni di sangue di 1.664 adulti scelti a caso da cinque prabhag della Pune Municipal Corporation. Questi prabhag avevano un'alta incidenza di 'casi' positivi alla RT-PCR. Il test per gli anticorpi IgG che riconoscono il dominio di legame del recettore della proteina spike SARS-CoV2 è altamente specifico. La sieropositività complessiva è del 51,5% della popolazione, variando in aree diverse tra il 36-65%.

C'è più sieropositività nei quartieri affollati come capanne e case popolari. D'altra parte, il numero totale di 'casi' COVID-19 segnalati da questi prabhag durante la pandemia arriva a circa il 4% della popolazione.

Da non perdere da Explained |Un paziente guarito può essere nuovamente contagiato dal Covid-19?

Cosa ci dicono e cosa non ci dicono i numeri della siero-indagine di Pune?

IlNumeri del siero-sondaggio di Punenon sono sorprendenti e coerenti con i numeri di Delhi, Mumbai e Berhampur. Insieme, affermano che SARS-CoV-2 si è diffuso ampiamente nelle nostre comunità urbane, in particolare nelle località affollate. Chiaramente bisognerà ripensare, anche ufficialmente, alla “trasmissione comunitaria”.

Questi numeri sembrano anche confermare l'impressione generale che la maggior parte delle infezioni da SARS-CoV-2 siano asintomatiche (alcune stime dicono che circa l'80% è asintomatico). La maggior parte dei volontari che hanno partecipato a questo sondaggio non ha riportato alcuna malattia negli ultimi mesi. Naturalmente, il virus potrebbe diffondersi anche da persone infette asintomaticamente, specialmente all'interno delle famiglie.

Ma i numeri di Pune ci dicono esattamente quante infezioni sono realmente asintomatiche? La risposta dipende dal fatto che stiamo effettivamente identificando tutti i casi di malattia COVID-19. La risposta probabile è che non lo siamo.

Nonostante l'aumento della capacità di test RT-PCR, i volumi di test sono ancora bassi. Nonostante questi aumenti, le proporzioni dei test RT-PCR-positivi sono ancora invariate, suggerendo che mancano casi. Vengono utilizzati test antigenici rapidi, convenienti ma forse meno sensibili, e quindi casi mancanti.

Ancora più importante, la paura malriposta della morte generata, la possibilità reale di una miseria quarantena e la perdita di reddito e sostegno, la stigmatizzazione sociale e l'ostracismo, gli aneddoti diffusi che sottolineano la mancanza di chiarezza sulle risorse e sui costi ospedalieri, si combinano per rendere le persone riluttanti a vai a fare il test.


quanto costa john cenas house

Finché manterremo i casi mancanti, non saremo in grado di utilizzare al meglio le siero-indagini per pianificare politiche di salute pubblica efficaci per la pandemia.

Direzioni future basate su siero-indagini

Certo, abbiamo bisogno di più siero-indagini. Abbiamo bisogno di testare più persone e più località, e abbiamo bisogno di testare le stesse località nel tempo, in modo da poter seguire le impronte del virus che si muovono attraverso le nostre comunità. Abbiamo bisogno di testare questi campioni di sangue per i livelli effettivi di anticorpi e per gli anticorpi 'protettivi' e i loro livelli, in modo da iniziare a capire come sarebbe l'effettiva 'protezione'.

Dobbiamo smettere di distinguere tra 'noi' e 'loro'. Chiunque può essere infettato; il virus è un equalizzatore e dobbiamo uscire dalla mentalità di ostracismo delle persone che hanno bisogno della quarantena. E abbiamo bisogno di queste siero-indagini per pianificare e valutare le sperimentazioni sui vaccini, nonché l'eventuale distribuzione del vaccino.

(Gli autori erano ex scienziati del NII, Delhi e specializzati in infezioni e immunità; Vineeta Bal è attualmente all'IISER Pune).