Shinzo Abe si dimette: uno sguardo al mandato del Primo Ministro giapponese e cosa succede dopo - Gennaio 2022

Il premier giapponese Shinzo Abe si dimette: Shinzo Abe si è dimesso da primo ministro giapponese per motivi di salute. I media locali affermano che soffre di una condizione medica cronica con cui convive da quando era un adolescente, ma che si è esacerbata più di recente.

shinzo abe, shinzo abe si dimette, giappone pm, giappone nuovo pm, giappone, notizie giappone, indian expressIl primo ministro giapponese Shinzo Abe si toglie la maschera all'inizio di una conferenza stampa presso la residenza ufficiale del primo ministro a Tokyo, Giappone, 28 agosto 2020. (Franck Robichon/Pool via Reuters)

Il premier giapponese Shinzo Abe si dimette:Il primo ministro giapponese Shinzo Abe, 66 anni,venerdì dimessocitando problemi di salute. Questo annuncio arriva giorni dopo che ha effettuato almeno due visite in ospedale in una settimana. Abe è recentemente diventato giapponese leader più longevo , battendo il record di trascorrere il numero massimo di giorni in carica che era stato precedentemente stabilito dal suo prozio, Eisaku Sato, che è stato Primo Ministro del Giappone dal 1964 al 1972.

Le discussioni sulla salute di Abe e sulla sua successiva capacità di ricoprire cariche pubbliche erano continuate per mesi, ma il Partito Liberal Democratico al governo ha tentato di reprimerle come voci infondate, insistendo sul fatto che Abe sarebbe stato in grado di completare il suo incarico che doveva concludersi il prossimo anno nel Settembre.




patrimonio netto di diesel brothers

Perché il premier giapponese Shinzo Abe si è dimesso?

Secondo le notizie locali, Abe soffre di colite ulcerosa, una condizione medica cronica con cui convive da quando era un adolescente, ma che si è esacerbata più recentemente. Durante il suo primo mandato come primo ministro del paese, Abe si è dimesso nel 2007, solo un anno dopo aver assunto l'incarico di vertice. A quel tempo, gli osservatori politici avevano affermato che le improvvise dimissioni di Abe erano una combinazione di fattori esteri e interni, incluso uno stallo politico in Giappone sul sostegno logistico del paese all'invasione americana dell'Afghanistan. Internamente, molti degli incaricati politici di Abe erano stati coinvolti in uno scandalo politico e anche il suo partito politico, il Partito Liberal Democratico, era stato testimone di una massiccia sconfitta alle elezioni.



Tuttavia, anni dopo, gli osservatori hanno affermato che oltre a queste sfide, anche le condizioni di salute di Abe avevano influito sulla sua decisione di dimettersi e avevano indicato una dichiarazione che il leader aveva fatto nel 2007, ammettendo di essere stanco.

Di recente, la scorsa settimana, gli alleati politici e i rappresentanti del partito di Abe avevano insistito sul fatto che il primo ministro avrebbe completato il suo mandato l'anno prossimo. Yoshihide Suga, il portavoce del governo, aveva anche detto che non vi era alcuna indicazione che il primo ministro stesse male.



Leggi anche |Perché a New Delhi mancherà Shinzo Abe, che ha dato nuova forma ai legami con l'India del Giappone?

In un'intervista aReuters, alto funzionario del partito e alleato di Abe, Akira Amari aveva detto che il primo ministro sembrava più sano di quello che era qualche mese fa, aggiungendo che la voce di Abe era più forte e il colore era tornato sulla sua pelle, indicando che era probabile che il leader fosse mentalmente esausto.

shinzo abe, shinzo abe si dimette, giappone pm, giappone nuovo pm, giappone, notizie giappone, indian expressShinzo Abe, il primo ministro più longevo del Giappone, si è dimesso perché è riemersa una malattia cronica. (Foto AP/PTI)

Com'è stato il mandato di Shinzo Abe?

Abe è stato un deciso politico conservatore ed è noto per le sue politiche nazionaliste, in particolare per le sue inclinazioni verso la storia revisionista. Questi punti di vista sono stati visibili nelle decisioni di politica interna ed estera di Abe per gran parte del suo mandato da quando è diventato primo ministro nel 2012, ma ancora di più nel caso di contendere con la storia coloniale del Giappone, e in particolare nel suo ruolo di sfruttamento sessuale in tempo di guerra, violenza e schiavitù delle 'donne di conforto' in Corea e altrove nell'est e nel sud-est asiatico.



Il mandato di Abe sarà particolarmente noto per le sue politiche economiche aggressive note come 'Abenomics' incentrate sul rilancio economico del Giappone e sulla riforma strutturale combinata, allentamento monetario ed espansione fiscale, con l'obiettivo di aumentare la domanda interna.

Tra i suoi piani di politica estera, Abe è noto per essersi avvicinato alla Corea del Nord con una posizione più ferma. Nel 2014, Abe ha iniziato a concentrarsi sulla costruzione di legami tra il Giappone e l'ASEAN, India, Australia. Alcuni osservatori ritengono che queste mosse di politica estera siano state un tentativo di compensare l'influenza della Cina nella regione, così come i suoi controversi legami con la Corea del Sud su diverse controversie territoriali e diplomatiche. Come esempio di miglioramento dei legami con l'India, Abe è diventato il primo primo ministro giapponese a partecipare alla parata della Festa della Repubblica indiana come ospite principale durante il mandato del primo ministro Narendra Modi.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime



shinzo abe, shinzo abe si dimette, giappone pm, giappone nuovo pm, giappone, notizie giappone, indian expressIl Primo Ministro Narendra Modi con Shinzo Abe a Nuova Delhi nel 2015. (Foto Express: Renuka Puri)

Nonostante le riserve sulla crescente influenza della Cina, dopo il 2014, Abe è stato anche visto tentare di stabilire legami con Pechino incontrando Xi Jingping e in seguito aveva annunciato di aver proposto l'istituzione di una linea diretta tra Tokyo e Pechino per discutere e tentare di risolvere problemi come come controversie marittime.

Più di recente, la gestione da parte di Abe della pandemia di coronavirus in Giappone è stata oggetto di un attento esame, in particolare a seguito di un forte aumento delle infezioni. La pandemia ha anche avuto un impatto sulla capacità del Giappone di ospitare le Olimpiadi del 2020 che è stata rinviata all'estate del 2021. Gran parte dei piani della nazione per continuare a tenere le Olimpiadi il prossimo anno dipende dalla disponibilità di un vaccino contro il coronavirus in tempo per i giochi del prossimo anno.



Per Abe, e per altri alti funzionari del governo giapponese, il fatto che Tokyo fosse il paese ospitante per le Olimpiadi era stato motivo di orgoglio, insieme alla questione dell'importo degli investimenti che il paese aveva versato per ospitare i giochi, e c'era stata la riluttanza iniziale a vederlo rinviato. Gran parte dell'immagine politica di Abe si basava anche sulla capacità del suo governo di realizzare uno spettacolo di successo.

Leggi anche | Chi subentra ora che il primo ministro giapponese Shinzo Abe si è dimesso?

Quali sono state le politiche di Abe riguardo all'articolo 9 della Costituzione giapponese?

Sebbene Abe abbia preso diverse decisioni politiche per quanto riguarda la costruzione della difesa e della sicurezza, una delle mosse più sorprendenti è stata il suo tentativo di riformare e rivedere l'articolo 9 della Costituzione giapponese.

L'articolo 9 della Costituzione giapponese è stato il risultato della brutalità della seconda guerra mondiale ed è entrato in vigore nel maggio 1947. Questa clausola, inclusa per volere degli Stati Uniti, recita quanto segue: Aspirando sinceramente a una pace internazionale basata sulla giustizia e ordine, il popolo giapponese rinuncia per sempre alla guerra come diritto sovrano della nazione e alla minaccia o all'uso della forza come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali.

Ciò significa che, in base alle disposizioni di questa clausola, al Giappone non è consentito mantenere un esercito, un'aeronautica o una marina per scopi diversi dalla difesa personale. Il paese ha la Forza di autodifesa, che alcuni critici ritengono operi come una forza militare di fatto. Attualmente, il Giappone dispone di uno dei più grandi budget per la difesa al mondo.

shinzo abe, shinzo abe si dimette, giappone pm, giappone nuovo pm, giappone, notizie giappone, indian expressLa pandemia ha avuto un impatto sulla capacità del Giappone di ospitare le Olimpiadi del 2020 che è stata rinviata all'estate del 2021. (Foto AP: Ivan Fernandez, file)

La revisione dell'articolo 9 della Costituzione giapponese è stato uno dei tanti obiettivi di Abe per i quali ha spinto duramente durante il suo mandato, ma non è stato in grado di raggiungere. Abe e il suo partito politico hanno dichiarato apertamente di aver voluto rivedere questa clausola e per farlo, nel luglio 2014, Abe ha aggirato le leggi giapponesi e ha approvato una reinterpretazione dell'articolo 9 della Costituzione per conferire maggiori poteri alle forze di autodifesa. Questa mossa è stata fatta, ironia della sorte, con l'approvazione degli Stati Uniti, con grande costernazione dei suoi vicini, Corea del Sud, Corea del Nord e Cina, che si sono opposti alla mossa.

Questo non vuol dire che questi tentativi di Abe abbiano trovato supporto anche in Giappone. Alcuni cittadini e politici avevano criticato i piani di Abe, ritenendoli incostituzionali, affermando che Abe aveva deliberatamente aggirato le procedure di modifica costituzionale per promuovere i propri obiettivi politici.


neal già altezza

Cosa succede dopo?

Secondo la BBC, dopo le dimissioni di Abe, secondo le disposizioni della legge giapponese, sarebbe subentrato un primo ministro ad interim e non ci sarebbe stato alcun limite di durata per quanto tempo il primo ministro in carica sarebbe rimasto nel ruolo. Abe sarebbe sostituito dal vice primo ministro Taro Aso, che è anche ministro delle finanze del Giappone. Il prossimo in linea sarebbe il segretario capo di gabinetto Yoshihide Suga.

Un primo ministro ad interim ha poteri limitati in qualche modo. Per una volta, la BBC riferisce di non poter indire elezioni anticipate. Fino a quando non verrà selezionato un nuovo leader, il primo ministro ad interim avrebbe poteri su bilanci e trattati. All'interno del Partito Liberal Democratico, di cui Abe è presidente, le sue dimissioni porterebbero alle elezioni per votare per un nuovo leader del partito. Sono queste elezioni che porterebbero a un voto parlamentare per eleggere il nuovo primo ministro il cui mandato sarebbe durato fino a settembre 2021, data di fine del mandato di Abe.