Spiegato: 5 anni dopo l'attacco terroristico, perché Charlie Hebdo ha ristampato le caricature del Profeta - Ottobre 2022

Charlie Hebdo: All'inizio del processo ai complici dei terroristi nell'attentato del 2015, la rivista satirica francese afferma che i disegni appartengono alla storia che non può essere cancellata.

Charlie Hebdo, processo terroristico di Charlie Hebdo, caricatura di Maometto di Charlie Hebdo, attacco terroristico di Charlie Hebdo, cartone animato del profeta Maometto, notizie dal mondoUna persona solleva un cartello con la scritta 'Je Suis Charlie' (Io sono Charlie) durante una cerimonia per rendere omaggio alle vittime della sparatoria al quotidiano satirico francese Charlie Hebdo, a Parigi (Reuters/File)

Cinque anni dopo che i terroristi islamisti hanno preso d'assalto i suoi uffici a Parigi, massacrando 12 persone e ferendone almeno 11, la rivista satirica francese Charlie Hebdo martedì (1 settembre) ripubblicato cartoni controversi raffigurante il Profeta, che aveva provocato quell'attacco.



Tra quelli uccisi nel Attacco del 7 gennaio 2015 dei fratelli Saïd e Chérif Kouachi, sono stati diversi fumettisti, tra cui alcuni dei più celebri di Francia. Il massacro ha lasciato una profonda cicatrice e ha acceso dibattiti globali su libertà di parola, blasfemia e religione.

Le caricature sono state ristampate il giorno prima dell'apertura prevista del processo a carico di 14 sospetti complici, accusati di aver fornito supporto logistico e materiale ai due terroristi. Gli stessi fratelli Kouachi sono stati uccisi dai gendarmi francesi in una situazione di stallo fuori Parigi il 9 gennaio 2015.





I sospetti saranno processati con molteplici accuse, tra cui complicità in omicidio e cospirazione terroristica, in un tribunale nel nord-ovest di Parigi nei prossimi mesi.

Perché Charlie Hebdo ha ripubblicato le vignette?

Molti credono che ripubblicando le vignette il giorno prima del processo storico, la pubblicazione iconoclasta francese abbia cercato di fare una dichiarazione forte e provocatoria a sostegno della libertà di parola e di espressione. Alcuni altri hanno affermato che con la sua azione provocatoria, Charlie Hebdo sta riaprendo inutilmente vecchie ferite.



In una nota editoriale che accompagna la nuova edizione, il direttore editoriale Laurent 'Riss' Sourisseau, che ha subito lesioni nell'attacco del 2015, ha scritto: Non ci arrenderemo mai. L'odio che ci ha colpito è ancora lì e, dal 2015, ha impiegato del tempo per mutare, per cambiare aspetto, per passare inosservato e per continuare tranquillamente la sua spietata crociata.

attacco FranciaTra le persone uccise nell'attentato del 7 gennaio 2015 dai fratelli Saïd e Chérif Kouachi, c'erano diversi fumettisti, tra cui alcuni dei più celebri di Francia. (Foto d'archivio)

Sourisseau, che ha nominato ciascuna delle vittime dell'attacco nella prefazione, ha affermato che gli unici motivi per non pubblicare nuovamente le vignette deriverebbero dalla codardia politica o giornalistica, secondo i resoconti dei media. I disegni appartengono alla storia e la storia non può essere riscritta né cancellata, ha affermato la rivista.




patrimonio netto di jeff gordon

Charlie Hebdo ha avuto una storia di provocazioni

La copertina dell'ultima edizione della rivista presenta tutte e 12 le vignette, che sono state criticate in tutto il mondo e hanno scatenato violente proteste in alcuni paesi musulmani.

Le vignette sono state pubblicate per la prima volta dal quotidiano danese Jyllands-Posten il 30 settembre 2005 e successivamente ristampate da Charlie Hebdo l'anno successivo. Jyllands-Posten ha affermato che le caricature dovevano servire come commento sulla cultura della paura e dell'autocensura all'interno dei media danesi.




liza huber età

Le vignette sono state condannate da gruppi musulmani, che si sono dichiarati blasfemi. Sono stati anche duramente criticati per aver promosso stereotipi sui musulmani e per averli etichettati ingiustamente come terroristi.

Nei mesi successivi alla pubblicazione delle vignette su Jyllands-Posten e Charlie Hebdo, sono scoppiate violente proteste in tutta l'Asia e il Medio Oriente. I leader religiosi dei paesi musulmani hanno chiesto il boicottaggio delle merci danesi. Il caporedattore del giornale alla fine si è scusato a lungo per la pubblicazione delle vignette, che secondo lui aveva causato gravi incomprensioni.



In Francia, un tentativo di citare in giudizio Charlie Hebdo per incitamento all'odio è stato respinto in tribunale. Nel 2011 e nel 2012, la rivista ha nuovamente pubblicato illustrazioni offensive per i musulmani e ha suscitato critiche e reazioni che includevano un attacco con una bomba incendiaria al suo ufficio.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clic qui per unirti al nostro canale (@ieexplained) e rimani aggiornato con le ultime



Cosa è successo nell'ufficio di Charlie Hebdo nel 2015?

I fratelli Kouachi, figli di origine francese di immigrati algerini, hanno preso d'assalto l'ufficio di Charlie Hebdo a Parigi armati di fucili d'assalto Kalashnikov, granate e pistole. Tra le 12 persone che hanno ucciso c'era l'allora editore Stéphane Charbonnier, il caricaturista satirico e giornalista ampiamente noto come 'Charb'.

attacco FranciaIn questa foto d'archivio del 2012, Charb, direttore editoriale del settimanale satirico Charlie Hebdo, mostra la prima pagina del giornale mentre posa per i fotografi a Parigi. (AP)

I resoconti dei media dell'epoca dicevano che molti testimoni avevano sentito gli uomini armati gridare Abbiamo vendicato il Profeta e Dio è grande in arabo, mentre chiamavano per nome i giornalisti e i fumettisti. Al-Qaida con sede nello Yemen nella penisola arabica (AQAP), noto anche come Ansar al-Sharia, ha rivendicato l'attacco.

La polizia è arrivata sul posto proprio mentre i terroristi stavano uscendo dall'edificio. I video girati da giornalisti e altri hanno mostrato gli aggressori che sparavano a un veicolo della polizia prima di partire.

Il 9 gennaio 2015, lo stesso giorno in cui i fratelli Kouachi sono stati uccisi da agenti francesi a Dammartin-en-Goële, a circa 30 km a nord-est del centro di Parigi, uno dei loro amici, Amedy Coulibaly, ha attaccato un supermercato ebraico a Parigi e ucciso almeno quattro uomini ebrei e una poliziotta prima di essere ucciso.

Qual è stata la reazione alla decisione della rivista di ripubblicare le vignette?

Attraverso il suo account Twitter ufficiale, lunedì il Foreign Office pachistano ha condannato con la massima fermezza la decisione della rivista francese Charlie Hebdo di ripubblicare (la) caricatura profondamente offensiva del Santo Profeta. Il portavoce Zahid Hafeez Chaudhri ha dichiarato: Un atto così deliberato per offendere i sentimenti di miliardi di musulmani non può essere giustificato come esercizio di libertà di stampa o di espressione. Tali azioni minano le aspirazioni globali alla coesistenza pacifica e all'armonia sociale e interreligiosa.

In questa foto del file del 14 gennaio 2015, i fiori giacciono fuori dalla sede di Charlie Hebdo a Parigi (AP Photo/Jacques Brinon, File)

Mohammed Moussaoui, presidente del Consiglio francese del culto musulmano (CFCM) ha esortato le persone a ignorare le vignette. La libertà di fare le caricature è garantita per tutti, anche la libertà di amare o non amare (le caricature). Niente può giustificare la violenza, ha detto Moussaoui AFP .

Cosa accadrà al processo Charlie Hebdo?

Quattordici persone – 13 uomini e una donna – accusate di aver fornito armi e supporto logistico agli uomini armati al momento degli attacchi saranno processate mercoledì. Inizialmente il processo doveva iniziare a marzo, ma è stato rinviato a causa della pandemia di coronavirus. Ora dovrebbe durare fino a novembre.

Secondo l'emittente francese RFI, è probabile che tutti i sopravvissuti all'attentato testimonieranno nell'aula del tribunale di Parigi nei prossimi mesi. Si ritiene che ci siano circa 200 querelanti nel processo, ha riferito la BBC.

Il ministro dell'Interno francese Gérard Darmanin ha definito il processo storico e ha affermato che la lotta al terrorismo islamista è una delle principali priorità del governo.

Martedì il presidente francese Emmanuel Macron avrebbe affermato che non spettava a lui giudicare la decisione di Charlie Hebdo di ripubblicare le vignette.


patrimonio netto di hank williams

Parlando durante una visita in Libano, Macron ha affermato che è importante che i cittadini francesi siano rispettosi gli uni verso gli altri ed evitino un dialogo di odio, ma non criticherà la decisione della rivista di ripubblicare la vignetta, ha riferito DW, citando l'emittente francese TV BFM.