Spiegazione: tutto quello che devi sapere sull'elezione della Danimarca - Luglio 2022

Le elezioni di mercoledì potrebbero essere un raro caso in cui la Danimarca viene lasciata con un risultato inconcludente poiché i tradizionali raggruppamenti politici vengono abbandonati, aprendo la porta a nuove coalizioni che potrebbero richiedere lunghi colloqui per forgiare.

Spiegazione: tutto quello che devi sapere sulla DanimarcaMette Frederiksen, leader del partito socialdemocratico, parla con una persona durante la campagna elettorale in vista delle elezioni generali ad Albertslund, in Danimarca, sabato 25 maggio 2019. (Bloomberg: Carsten Snejbjerg)

La Danimarca potrebbe presto avere il suo primo ministro più giovane di sempre, poiché gli elettori sembrano pronti a scegliere un governo di sinistra guidato da una donna che promette più benessere, tasse più alte e regole più severe per le banche.

La maggior parte dei sondaggi indica una vittoria per i socialdemocratici, che sono pronti a cacciare il governo di centrodestra del primo ministro Lars Lokke Rasmussen nelle elezioni di mercoledì.



I socialdemocratici, un partito con un forte sostegno nel movimento sindacale, hanno guidato 20 dei 34 gabinetti danesi del dopoguerra. Il loro leader di 41 anni, Mette Frederiksen, ha restaurato le fortune del partito combinando una gamma tradizionale di impegni di sinistra con un approccio più restrittivo all'immigrazione. Questo si è rivelato fondamentale per aiutarla ad allontanare gli elettori dal populista Partito popolare danese su cui Rasmussen ha fatto affidamento.



Il 55enne Rasmussen ha recentemente dichiarato di voler rompere con i suoi tradizionali alleati. Dice che potrebbe includere la formazione di un governo con i socialdemocratici, sebbene Frederiksen sia stato rapido nel respingere tale alleanza.

Ma le elezioni di mercoledì potrebbero essere un raro caso in cui la Danimarca viene lasciata con un risultato inconcludente poiché i tradizionali raggruppamenti politici vengono abbandonati, aprendo la porta a nuove coalizioni che potrebbero richiedere lunghi colloqui per forgiare.



Ecco cosa devi sapere sulle elezioni in Danimarca

Rasmussen, il cui partito Venstre significa Sinistra in danese e che è indicato come il Partito Liberale nel mondo di lingua inglese, ha promesso 69 miliardi di corone (10,4 miliardi di dollari) in spese extra per lo stato sociale. I suoi sforzi per formare una grande coalizione in stile tedesco con i socialdemocratici hanno incontrato l'opposizione del suo stesso partito.

Lo scenario post-elettorale più probabile vede il partito di Frederiksen governare da solo e cercare il sostegno parlamentare dei conservatori su temi come l'immigrazione e di altri partiti di sinistra per tutto il resto, secondo Kasper M. Hansen, professore di politica all'Università di Copenaghen .

Ci sono un totale di 13 partiti in corsa per le elezioni, inclusi due nuovi movimenti nazionalisti - l'anti-musulmano Hard Line di Rasmus Paludan e il libero mercato New Right di Pernille Vermund - che sono visti frantumare il voto anti-immigrazione e indebolire il voto di Rasmussen alleato, il Partito popolare danese.



Ecco una guida ai principali partiti in lizza per i seggi nel parlamento di 179 membri di Copenaghen:

socialdemocratici

Ideologia: centro-sinistra progressista
Leader: Mette Frederiksen
Priorità della campagna: maggiore spesa per sanità e istruzione, pensione
Seggi (risultato elettorale 2015): 46 (26,3%)
Fatto chiave: fondato nel 1871, il partito ha dominato la politica danese per gran parte del XX secolo



Alleanza Rosso-Verde

Ideologia: socialista, ambientalista
Leader: Pernille Skipper (portavoce politico)
Priorità della campagna: uguaglianza sociale, uno stato sociale più forte, lasciare la NATO
Posti a sedere: 14 (7,8%)
Fatto chiave: il partito è stato fondato nel 1989 dalla fusione di diversi partiti comunisti e socialisti



L'alternativa

Ideologia: ambientalismo, pro-UE
Leader: Uffe Elbaek
Priorità della campagna: combattere il cambiamento climatico
Posti: 10 (4,8%)
Fatto chiave: il partito è stato fondato nel 2013 a seguito di una scissione dai social liberali

Partito Social Liberale

Ideologia: centrista, europeista
Leader: Morten Ostergaard
Priorità della campagna: riforma fiscale, politiche a favore dell'immigrazione
Posti a sedere: 8 (4,6%)
Fatto chiave: una volta il partito era guidato da Margrethe Vestager, il commissario europeo per la concorrenza

Partito Popolare Socialista

Ideologia: socialismo, ambientalismo
Direttrice: Pia Olsen Dyhr
Priorità della campagna: combattere la disuguaglianza
Posti: 7 (4,2%)
Fatto chiave: il partito è stato fondato nel 1959 dopo la scissione dal Partito Comunista locale

Partito Popolare Danese

Ideologia: anti-immigrazione, nazionalista, conservatrice sociale
Leader: Kristian Thulesen Dahl
Priorità della campagna: legge e ordine, spesa sociale, preservare il patrimonio danese
Posti a sedere: 37 (21,1%)
Fatto chiave: il partito è stato il paria della politica danese fino all'inizio del nuovo millennio

Partito liberale

Ideologia: liberalismo, libero mercato
Leader: Lars Lokke Rasmussen
Priorità della campagna: spese extra per welfare e difesa; nessun aumento delle tasse
Posti a sedere: 34 (19,5%)
Fatto chiave: fondata nel 1870 come La Sinistra in opposizione ai conservatori pro-aristocrazia

Alleanza Liberale

Ideologia: libertaria
Leader: Anders Samuelsen
Priorità della campagna: tagliare le tasse, ridurre la burocrazia
Posti: 13 (7,5%)
Fatto chiave: fondato nel 2007, il partito fa parte della coalizione in carica di centrodestra


"jeany spark"

Partito Popolare Conservatore

Ideologia: conservatrice
Leader: Soren Pape Poulsen
Priorità della campagna: abolire l'imposta sulle società, ridurre la burocrazia, migliorare il servizio sanitario nazionale
Posti a sedere: 6 (3,4%)
Fatto chiave: fondato nel 1916, il partito è membro del Partito popolare europeo