Spiegazione: gli animali domestici o gli animali randagi possono diffondere l'infezione da coronavirus? - Dicembre 2022

C'è stato un caso solitario a Hong Kong in cui un cane è risultato positivo. Gli esperti pensano che il debole positivo del cane sia stato in realtà un caso di trasmissione da uomo ad animale e affermano che i cani dovrebbero essere tenuti lontani da chi soffre di COVID-19.

coronavirus, coronavirus in India, coronavirus nei cani, infezione da coronavirus, COVID-19, Express Explained, Indian ExpressAd Hong Kong la scorsa settimana. (AP)

Non ci sono prove, né dalla storia dei casi di COVID-19 in tutto il mondo, né dalla storia dell'evoluzione genetica del virus stesso, che ci siano animali domestici (o anche animali randagi) che contraggano o trasmettano il virus all'uomo. Ecco cosa dice l'Organizzazione Mondiale della Sanità su questo: Al momento, non ci sono prove che animali da compagnia/animali domestici come cani o gatti possano essere infettati dal nuovo coronavirus. Tuttavia, è sempre una buona idea lavarsi le mani con acqua e sapone dopo il contatto con gli animali domestici. Questo ti protegge da vari batteri comuni come E. coli e Salmonella che possono passare tra animali domestici e umani.



C'è stato un caso solitario a Hong Kong in cui un cane è risultato positivo. Gli esperti pensano che il debole positivo del cane sia stato in realtà un caso di trasmissione da uomo ad animale e affermano che i cani dovrebbero essere tenuti lontani da chi soffre di COVID-19. A seguito di questo caso, l'Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) ha rilasciato una dichiarazione. L'attuale diffusione del COVID-19 è il risultato della trasmissione da uomo a uomo. Ad oggi, non ci sono prove che gli animali da compagnia possano diffondere la malattia. Pertanto, non vi è alcuna giustificazione per l'adozione di misure contro gli animali da compagnia che potrebbero comprometterne il benessere. I servizi veterinari nazionali di Hong Kong hanno riferito all'OIE le prove che un cane era risultato positivo al virus COVID-19 a seguito di una stretta esposizione ai suoi proprietari che erano malati di COVID-19, afferma la nota.


patrimonio netto di jeremy renner

… Il cane non mostrava alcun segno clinico della malattia. Non ci sono prove che i cani svolgano un ruolo nella diffusione di questa malattia umana o che si ammalino. Sono necessari ulteriori studi per capire se e come diversi animali potrebbero essere colpiti dal virus COVID-19, ha affermato.





Quello che sappiamo per certo ora è che si tratta di un'infezione zoonotica, cioè che proveniva dagli animali all'uomo. Sembra che la fonte intermedia sia il pipistrello, ma le nostre conoscenze sul virus si stanno evolvendo, quindi questo potrebbe cambiare domani. Ecco perché quello che stiamo dicendo è che non avvicinarsi agli animali selvatici. Non ci sono problemi con gli animali domestici e non consigliamo di stare lontano da loro, ha affermato il dottor S Chatterjee, consulente, dipartimento di medicina, Indraprastha Apollo Hospital.

Per quanto tempo il virus è vivo e attivo su una superficie infetta?

Normalmente i coronavirus, a una temperatura favorevole alla loro sopravvivenza, possono rimanere attivi/vivi su una superficie infetta fino a nove ore, hanno affermato i migliori scienziati del National Center for Disease Control. Tuttavia, in caso di COVID-2019, la novità del virus significa che in realtà ne sappiamo molto poco. Vedi, generalmente per il coronavirus su una superficie dura, rimane in vita per circa nove ore; su una superficie morbida può sopravvivere anche più a lungo. Dipende anche dal calore, dalla temperatura e dall'umidità. Ma la longevità dei virus è molto variabile, alcuni possono vivere fino a nove giorni. Ecco perché ogni volta che sospettiamo una contaminazione, disinfettiamo con ipoclorito di sodio e chiudiamo il locale per quattro o sei ore. Non effettuiamo fumigazioni, disinfettiamo, ha affermato un alto funzionario dell'istituto nazionale per il controllo delle malattie all'apice.