Spiegato: gli indiani sono più legati alla loro identità regionale o nazionale? - Dicembre 2022

Le risposte ci mettono in guardia sul fatto che il linguaggio rimane un importante fattore emotivo, ma la sua espressione politica potrebbe essere un po' meno prevedibile di quanto dovrebbe essere.

Con il movimento delle persone attraverso le regioni, la lingua diventa sia un fattore di legame che un punto di conflitto.

Gli indiani sono più legati alla loro identità regionale o nazionale? Questa è una domanda pertinente in un momento in cui nazione, identità nazionale e nazionalismo hanno assunto un ruolo centrale nella retorica politica. Ma si scambia necessariamente la sua identità linguistica regionale per rivendicare l'identità nazionale? Utilizzando i dati di 'Politics and Society Between Elections', uno studio collaborativo tra Lokniti-CSDS e Azim Premji University tra il 2016 e il 2018, cerchiamo di esplorare le preferenze delle persone.



Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

A quale identità si relazionano di più le persone?






valore netto di joseph fiennes - networth

Alle persone è stato chiesto se si riferissero maggiormente alla propria identità regionale o nazionale. Complessivamente, quasi uno su tre (36%) riguarda l'identità nazionale e il 30% la propria identità statale. Poco più di un quarto (27%) delle persone ha dato uguale preferenza ad entrambi (Figura 1).

Cosa mostrano i dati degli stati?



Ci sono alcuni stati in cui il sentimento regionale è più forte. Ad esempio, più persone in Jammu e Kashmir (65%), Tamil Nadu (56%), Mizoram (51%), Odisha (47%), Nagaland (46%) e Gujarat (37%) si riferivano alle loro identità statali rispetto a identità regionali (Figura 2).


patrimonio netto di deloris jordan

Alcuni stati sono prevalentemente nazionali nell'identificarsi. La maggior parte di questi si trova nel cuore dell'hindi: Haryana (66%), Delhi (63%), MP (61%), Rajasthan (51%), Bihar (48%), UP (47%) e Jharkhand (46%) . Ci sono anche alcuni stati al di fuori del cuore dell'hindi in cui una percentuale più elevata di persone si è identificata come 'indiano': Maharashtra (57%), Bengala occidentale (44%) e Tripura (42%). In alcuni stati, le persone hanno dato uguale preferenza a entrambe le identità: Chhattisgarh (50%), Uttarakhand (44%), Punjab (43%), Kerala (38%) e Assam (37%).



ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Quale lingua è preferita negli spazi pubblici: lingua locale o qualsiasi lingua?



Con il movimento delle persone attraverso le regioni, la lingua diventa sia un fattore di legame che un punto di conflitto. Spesso ci si aspetta che i lavoratori migranti imparino e parlino le lingue regionali. Le persone sono flessibili nell'uso della lingua nelle interazioni pubbliche o insistono solo sulla lingua locale? Abbiamo scoperto che le persone sono quasi equamente divise, con poco più di due quinti (42%) che affermano di non preoccuparsi dell'uso di alcuna lingua e una percentuale leggermente più alta (44%) che afferma di preferire l'uso della lingua locale (Figura 3).



L'accettazione di una lingua diversa da quella regionale è stata la più bassa in Karnataka, dove l'83% ha affermato che le persone dovrebbero usare la lingua locale nei luoghi pubblici. Altri stati in cui l'enfasi sulla lingua locale era maggiore rispetto ad altre lingue erano: Odisha (62%), Bihar (59%), J&K (58%) e Gujarat (57%). Al contrario, in stati come il Nagaland e il Kerala, che hanno identità regionali distinte, circa i due terzi delle persone erano d'accordo con l'uso di qualsiasi lingua nei luoghi pubblici. È interessante notare che in alcuni stati del sud come Telangana, Tamil Nadu e Andhra Pradesh, la preferenza per qualsiasi lingua era maggiore rispetto alla lingua locale. Haryana è stato l'unico stato in cui poco più di un terzo (37%) degli intervistati ha affermato categoricamente di non avere problemi con l'uso dell'hindi nei luoghi pubblici, ma di non accettare l'uso dell'inglese (Figura 4).


coniuge carota superiore

Le risposte ci mettono in guardia sul fatto che il linguaggio rimane un importante fattore emotivo, ma la sua espressione politica potrebbe essere un po' meno prevedibile di quanto dovrebbe essere.