Spiegato: Da Rhea Chakraborty a Naomi Osaka, decodificando la politica della moda - Gennaio 2022

La maglietta di Rhea Chakraborty con lo slogan 'Le rose sono rosse, le viole sono blu, distruggiamo il patriarcato, io e te' è virale. Non è la prima volta che viene fatta una dichiarazione attraverso i vestiti. Ecco alcune occasioni precedenti in cui è successo

Rhea Chakraborty presso l'ufficio NCB nella Ballard Estate di Mumbai. La sua maglietta recita 'Le rose sono rosse, le viole sono blu, distruggiamo il patriarcato, io e te'. (Foto PTI)

Quando l'attrice Rhea Chakraborty è entrata nell'ufficio del Narcotics Control Bureau a Mumbai la scorsa settimana ed è stata di conseguenza arrestata per il suo presunto 'collegamento con la droga' nel caso della morte di Sushant Singh Rajput, le fotografie di lei con indosso una maglietta nera con uno slogan che diceva 'Le rose sono rosse, le viole sono blu, distruggiamo il patriarcato, io e te' immediatamentediventato virale sui social. Lo stesso messaggio è stato successivamente pubblicato da diversi attori di Bollywood, tra cui Sonam Kapoor, Vidya Balan, Dia Mirza, Shibani Dandekar e Kareena Kapoor Khan.

Non è la prima volta che viene fatta una dichiarazione attraverso i vestiti. Diamo un'occhiata ad alcune occasioni precedenti in cui le celebrità hanno condiviso i loro pensieri attraverso i loro vestiti:



Su una maglietta



La maglietta indossata da Chakraborty faceva parte della campagna 'Roses Are Red' avviata dal negozio di merchandising di cultura pop online The Souled Store, in collaborazione con l'ONG GiveHer5, nel 2018. L'ONG educa e fornisce alle donne dell'India rurale servizi di sicurezza e soluzioni sostenibili per l'igiene mestruale attraverso Saafkins, un assorbente riutilizzabile e conveniente. Per ogni T-shirt venduta, questa campagna ha soddisfatto il fabbisogno di una donna mestruata per un anno intero.

Gli slogan sulle magliette possono essere fatti risalire agli anni '60, quando le magliette con slogan ispirate alla Disney venivano vendute da una boutique di abbigliamento chiamata Mr Freedom a Londra. Negli anni '70, la stilista Vivienne Westwood ha iniziato a stampare messaggi politici sulla tela bianca delle magliette. Ha affermato, notoriamente, che io uso la moda come scusa per parlare di politica. Perché sono uno stilista di moda, mi dà una voce, il che è davvero buono. Una delle sue creazioni popolari include una t-shirt raffigurante due cowboy che toccano parti intime del corpo, richiamando l'obsoleta posizione degli inglesi sull'omosessualità.



Negli Stati Uniti, l'umile T-shirt era uno strumento importante per combattere lo stigma contro l'AIDS. Sei attivisti hanno dipinto distintivi e magliette con un triangolo rosa invertito - il simbolo usato nei campi di concentramento per identificare gli omosessuali - per attirare l'attenzione dell'amministrazione Reagan sull'incombente crisi dell'AIDS e sullo stigma legato all'essere apertamente queer negli Stati Uniti del anni '80. Le t-shirt e i loro slogan hanno fatto nuovamente notizia nel 2017, quando Maria Grazia Chiuri, direttore creativo di Dior, ha presentato una t-shirt con il titolo di un famoso saggio di Chimamanda Ngozi Adiche, 'We Should All Be Feminists', per la sua collezione inaugurale per l'azienda francese di beni di lusso.


quanto vale kandi

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

politica della moda, maglietta rhea chakraborty, maschera naomi osaka, letNaomi Osaka indossa una maschera con il nome di Philando Castile. (Foto AP: Seth Wenig)

mascherarlo



La star del tennis giapponese Naomi Osaka ha adottato un nuovo modo per creare consapevolezza sulla morte dei neri e riflettere sull'ingiustizia razziale negli Stati Uniti. Classificata numero 3 dalla Women's Tennis Association, indossavauna maschera viso diversa ogni giornoal campionato di tennis US Open recentemente concluso - ogni maschera portava il nome di una persona di colore che è morta a causa dell'ingiustizia razziale.


patrimonio netto di dr luke

Al tempo degli antichi greci, gli atleti indossavano le insegne e i colori dei loro clienti ricettivi per condividere la loro posizione politica. Abbiamo anche visto in precedenza giocatori di calcio e cricket indossare bracciali neri in segno di lutto per tragici incidenti e per la scomparsa di giocatori leggendari.

politica della moda, maglietta rhea chakraborty, maschera naomi osaka, letSerena Williams indossa una tuta (a sinistra) e un tutù. (Archivia foto)

Un vestito per i secoli



La tuta nera Nike della tennista Serena Williams si è distinta contro il campo in terra rossa-arancio del Roland-Garros nel 2018. La tuta completamente nera con una cintura a fascia rosso vivo era considerata troppo audace e audace ed è stata bandita dalla Federazione francese di tennis presidente Bernardo Giudicelli. Ha chiamato l'outfit, affermando, credo che a volte siamo andati troppo oltre... L'outfit di Serena quest'anno, ad esempio, non sarebbe più accettato. Devi rispettare il gioco e il luogo.

Secondo quanto riferito, Williams aveva indossato la tuta per necessità medica, una misura preventiva contro i coaguli di sangue che aveva durante il parto del suo bambino all'inizio di quell'anno. Sembra che questo vestito rappresenti tutte le donne che hanno attraversato molto mentalmente, fisicamente, con il loro corpo per tornare, avere fiducia e credere in se stesse... Lo chiamo, tipo, il mio catsuit ispirato al Wakanda, ha detto Williams. Ha spiegato come la tuta abbia anche invocato la mitica terra del fumetto di supereroi Marvel 'Black Panther'. La Williams è apparsa agli Open di Francia l'anno prossimo indossando un abito Tutu, che è considerato più femminile.




Scott Sandler Stanley Sandler

politica della moda, maglietta rhea chakraborty, maschera naomi osaka, letLa First Lady americana Melania Trump cammina dal suo aereo al corteo dell'auto indossando una giacca firmata Zara con la frase I Really Don't Care. tu? sul retro il 21 giugno 2018. (Foto Reuters: Kevin Lamarque)

Lapsus freudiano

La First Lady degli Stati Uniti sa sicuramente come far girare la testa. Nel 2018, Melania Trump è stata vista indossareuna giacca verde oliva da 39 dollaridal marchio globale spagnolo di fast fashion Zara. Stampata con la frase 'I Really Don't Care, Do You?', la maglietta ha fatto notizia mentre Trump la indossava quando stava salendo su un aereo per visitare un centro di detenzione in Texas che ospitava figli di immigrati. Molti hanno criticato il suo atteggiamento sprezzante e, per estensione, l'atteggiamento dell'amministrazione Trump nei confronti della crisi dei migranti in generale. Successivamente, in un'intervista televisiva, ha chiarito la sua posizione sulla scelta dell'abbigliamento, affermando di aver indossato la giacca solo per il viaggio in aereo e non quando ha effettivamente incontrato i bambini al centro di detenzione.

Da non perdere da Explained |Il nome è Bond, Tracy Bond, l'eredità della moglie di James Bond e dell'attore che l'ha interpretata

politica della moda, maglietta rhea chakraborty, maschera naomi osaka, letNatalie Portman arriva agli Oscar domenica 9 febbraio 2020 al Dolby Theatre di Los Angeles. (Foto AP: Jordan Strauss/Invision)

Tappeto rosso degno

Il tappeto rosso, che è di rigore nella maggior parte delle funzioni dei premi cinematografici internazionali, ha spesso definito le tendenze. Alla cerimonia degli Academy Awards nel 2020, Natalie Portman ha indossato un mantello Dior nero impreziosito da ricami dorati, nomi sportivi di registe che erano state snobbate agli Oscar quest'anno. Tra questi Greta Gerwig per Piccole donne, Lorene Scafaria per Hustlers e Lulu Wang per The Farewell. Nel 2017, sulla scia del movimento #MeToo, diversi attori maschi hanno indossato smoking completamente neri ai Golden Globe Awards.

politica della moda, maglietta rhea chakraborty, maschera naomi osaka, letLady Gaga indossa un abito di carne agli MTV Video Music Awards 2010. (Instagram/@ladygagavn)

Risposta carnosa

La politica del 'non chiedere, non dire' prevalente nell'esercito degli Stati Uniti è stata criticata dall'icona pop Lady Gaga quando ha indossato un vestito fatto di carne - in questo caso manzo - agli MTV Video Music Awards 2010. Disegnato da Franc Fernandez, l'abito asimmetrico con scollo ad anello è stato disegnato da Nicola Formichetti. Il materiale scelto per il vestito era la bistecca sul fianco ed è stato cucito sulla sua persona nel backstage, proprio prima che la vincitrice del Grammy salisse sul palco per prendere il suo premio. Parlando del suo vestito all'Ellen Degeneres Show, Lady Gaga ha detto: Se non difendiamo ciò in cui crediamo e se non lottiamo per i nostri diritti, molto presto avremo tanti diritti quanti ne carne sulle nostre ossa.