Spiegazione: Il viaggio di 100 anni di SGPC, 'madre di SAD' - Luglio 2022

Non ci sono state elezioni SGPC negli ultimi nove anni e la leadership non ha dato seguito al rapporto sulle 328 copie mancanti di Guru Granth Sahib, probabilmente il problema più grande che attanaglia il corpo negli ultimi tempi.

I devoti sikh offrono preghiere al Tempio d'oro di Amritsar, martedì 17 novembre 2020, quando il Comitato Shiromani Gurdwara Parbandhak (SGPC) ha celebrato il suo centesimo giorno di fondazione. (Foto PTI)

Rivolgendosi a una riunione per celebrare il centesimo giorno di fondazione del Comitato Shiromani Gurudwara Parbandhak (SGPC) il 17 novembre, Akal Takht Jathedar Giani Harpreet Singh ha chiamato il corpo la madre dello Shiromani Akali Dal. Non è una sorpresa considerando che il corpo è stato spesso accusato di essere l'ombra di Shiromani Akali Dal (SAD). Ecco uno sguardo al suo tumultuoso viaggio dell'SGPC, un tempo considerato un forte potere politico nello stato.

La formazione di SGPC




phyllis grissim theroux

L'improvviso aumento delle attività dei missionari cristiani e di Arya Samaj dopo l'annessione del Punjab da parte degli inglesi ha portato il movimento Singh Sabha tra i sikh a fermare quella che allora era definita la 'degradazione del pensiero e dei principi sikh' nella vita quotidiana. La fondazione del Khalsa College ad Amritsar nel 1892 fu una fusione di questo attivismo.



Ma il controllo del Tempio d'Oro e dei gurdwara continuava ad essere nelle mani dei 'mahants' (sacerdoti) che godevano del tacito sostegno del governo britannico. Questi 'mahant' spesso trattavano i gurdwara come loro feudi personali e incoraggiavano pratiche come il culto degli idoli e discriminavano i dalit, entrambi in violazione dei principi del sikhismo.

Dopo molte discussioni tra i leader di pensiero della comunità, un grande raduno fu convocato a Jallianwala Bagh il 12 ottobre 1920 per ripristinare i diritti dei Dalit Sikh di offrire il parshad al Tempio d'Oro. Presto, la gente riunita si trasferì al Tempio d'Oro e rimosse i mahant che avevano poco sostegno di massa.



Lo stesso giorno è stato formato un comitato di 25 membri dominato da Dalit Sikh. Questo comitato incoraggiò i membri della comunità a organizzarsi e alla fine portò alla formazione di un corpo di 175 membri chiamato Shiromani Gurudwara Parbandhak Committee (SGPC) il 15 novembre 1920.

È interessante notare che due giorni prima il governo britannico aveva istituito un proprio comitato composto da 36 sikh per gestire il Tempio d'oro. L'SGPC includeva anche membri del comitato britannico. Il primo incontro dell'SGPC si tenne all'Akal Takht il 12 dicembre 1920.

L'SGPC ha sede presso la Teja Singh Samundri Hall, nel Complesso Sri Harmandir Sahib.



Relazione tra l'SGPC e Shiromani Akali Dal

L'Akali Dal fu formato il 14 dicembre 1920 come task force del Comitato Shiromani Gurudwara Parbandhak. Con l'SGPC, la comunità è riuscita presto a prendere il controllo di molti gurdwara, anche se a costo di molte vite, poiché i mahants hanno resistito a questa spinta.

I loro sforzi furono applauditi dal Congresso Nazionale Indiano che approvò una risoluzione alla sua assemblea annuale tenutasi a Gaya nel dicembre 1921 che diceva: È una questione di orgoglio e apprezzamento che Akalis abbia mostrato un coraggio senza precedenti nel movimento non violento per la benevolenza dell'intera comunità.



Il governo britannico approvò finalmente il Gurudwaras Act nel 1925, rendendo l'SGPC un organismo democratico.

Almeno 500 sikh hanno sacrificato le loro vite e 4.000 sono stati arrestati durante il movimento quinquennale che ha reso l'SGPC l'ente legale dei sikh per gestire gli affari dei gurdwara. Il movimento ha anche rafforzato lo Shiromani Akali Dal come partito politico.



Per quanto strano possa sembrare, il 30 settembre 1956 il SAD approvò una risoluzione in cui convenne che 'non avrebbe avuto un'agenda politica separata'. Il SAD proteggerà le preoccupazioni religiose, accademiche, culturali, sociali ed economiche del panth, si legge nella risoluzione che ha anche sottolineato che il funzionamento dell'SGPC e gli affari religiosi erano più importanti dell'agenda politica di Akali. Dopo questo incontro, il SAD ha annunciato il reclutamento di 2 lakh Akali lavoratori nel partito del Congresso. Tuttavia, non è potuto accadere poiché il rapporto tra il Congresso e i leader di Akali è stato di breve durata.

Da non perdere da Explained | Con i treni sospesi, cosa succede se i campi del Punjab non ricevono l'urea in tempo?

Elezioni SGPC e politica del Punjab

Prima della formazione del Punjabi Suba nel 1966, l'SGPC democraticamente eletto aveva una grande influenza sull'agenda politica di Shiromani Akali Dal nella politica del Punjab. La sconfitta del Maestro Tara Singh nelle elezioni del presidente SGPC nel 1958 fu decodificata come la sconfitta del movimento Punjabi Suba.

Poi, nel gennaio 1960, lo Shiromani Akali Dal fu lanciato contro il 'Sadh Sangat Board' e il partito Desh Bhagat di sinistra del Congresso, nelle elezioni del SGPC. In effetti, i membri SGPC di sinistra avevano svolto un ruolo fondamentale nella rimozione del maestro Tara Singh dalla carica di presidente nel 1958. È stato affermato che l'allora primo ministro del Punjab Partap Singh Kairon aveva usato la sua influenza per rimuovere il maestro Tara Singh.

Fu anche il motivo per cui la performance di Shiromani Akali Dal nelle elezioni SGPC del 1960 fu considerata un referendum sul movimento Punjabi Suba. SAD ha vinto 132 dei 139 seggi SGPC con una grande maggioranza e il 24 gennaio 1960, il maestro Tara Singh ha salutato questo come un referendum a favore del movimento Punjabi Suba.

Nel 1965 c'erano due fazioni dell'SGPC, sotto il Maestro Tara Singh e Sant Fateh Singh. Nelle elezioni di quell'anno, Sant Fateh Singh vinse con una schiacciante maggioranza. Circa sei mesi dopo, il maestro Tara Singh decise di unire entrambe le fazioni.

Il dominio di SAD su SGPC

Il SAD aveva vinto le elezioni SGPC del 1979 in cui anche gli intransigenti Damdami Taksal e Dal Khlasa si erano sfidati senza successo. Questa è stata seguita dall'Operazione Blue Star del 1984 e dalla militanza. Il periodo travagliato ha permesso a Gurcharan Singh Tohra di diventare il presidente più longevo della SGPC. Tohra è stato il suo capo per 26 anni. Le successive elezioni SGPC si sono svolte nel 1996 e sono state seguite dalla formazione del governo SAD nello stato in alleanza con il Bhartiya Janata Party nel 1997.

Questo ha anche iniziato una nuova era in cui la nomina del presidente SGPC è stata decisa dall'alto comando del partito. L'alto comando SAD ha permesso ad Avtar Singh Makkar, che era quasi sconosciuto nella politica di Akali, di diventare presidente dell'SGPC nel 2005 ed è rimasto in carica per 11 anni. Anche il presidente in carica Gobind Singh Longowal è stato nominato dall'alto comando del partito nonostante la sua limitata esperienza con l'SGPC. Clicca per seguire Express spiegato su Telegram

La crisi attuale


patrimonio netto di hank williams

Non ci sono state elezioni SGPC negli ultimi nove anni e la leadership non ha dato seguito al rapporto sulle 328 copie mancanti di Guru Granth Sahib, probabilmente il problema più grande che attanaglia il corpo negli ultimi tempi. Questo è il motivo per cui ci sono state proteste senza precedenti fuori dall'ufficio dell'SGPC ad Amritsar.