Spiegazione: come funziona il sussidio ai fertilizzanti - Ottobre 2022

Il governo propone di limitare la quantità di fertilizzanti che ogni agricoltore può acquistare durante la stagione del raccolto. Qual è l'obiettivo di questa mossa e quali saranno le sue implicazioni, anche sul disegno di legge sui sussidi?

Gli agricoltori acquistano fertilizzanti a prezzi MRP (prezzo massimo al dettaglio) inferiori ai normali tassi di mercato basati su domanda e offerta o al costo di produrli/importarli.

Il Centro sta lavorando a un piano per limitare il numero di sacchi di fertilizzante che i singoli agricoltori possono acquistare durante qualsiasi stagione di raccolta. Quali sono le implicazioni, anche per la bolletta del sussidio per i fertilizzanti?



Che cos'è il sussidio per i fertilizzanti?


quanto vale Jenna Fischer

Gli agricoltori acquistano fertilizzanti a prezzi MRP (prezzo massimo al dettaglio) inferiori ai normali tassi di mercato basati su domanda e offerta o al costo di produrli/importarli.





L'MRP dell'urea rivestita di neem, ad esempio, è fissato dal governo a Rs 5.922,22 per tonnellata, mentre il suo prezzo medio maggiorato da pagare ai produttori e importatori nazionali è di circa Rs 17.000 e Rs 23.000 per tonnellata, rispettivamente. La differenza, che varia in base al costo di produzione per impianto e al prezzo all'importazione, è pagata dal Centro come sovvenzione.

Gli MRP dei fertilizzanti non ureici sono decontrollati o fissati dalle società. Il Centro, tuttavia, paga un sussidio forfettario per tonnellata su questi nutrienti per garantire che abbiano un prezzo ragionevole. Il sussidio per tonnellata è attualmente di Rs 10,231 per il di-ammonio fosfato (DAP), Rs 6,070 per il muriato di potassio (MOP) e Rs 8,380 per il popolare fertilizzante complesso '10:26:26', con i corrispondenti MRP medi a Rs 24.000, Rs 17.500 e Rs 23.500 per tonnellata, rispettivamente.



I fertilizzanti non controllati, quindi, vendono al dettaglio molto al di sopra dell'urea, mentre attirano anche sussidi inferiori.

Come viene pagato il sussidio e chi lo riceve?



Il sussidio va alle aziende di fertilizzanti, sebbene il suo beneficiario finale sia l'agricoltore che paga MRP meno delle tariffe determinate dal mercato. Le aziende, fino a poco tempo fa, venivano pagate dopo che il loro materiale in sacchi era stato spedito e ricevuto presso un punto ferroviario di un distretto o un godown approvato.

Da marzo 2018 è stato introdotto un nuovo sistema cosiddetto di trasferimento diretto dei benefici (DBT), in cui il pagamento delle sovvenzioni alle aziende avverrebbe solo dopo le vendite effettive agli agricoltori da parte dei rivenditori. Ogni rivenditore - ce ne sono oltre 2,3 lakh in tutta l'India - ora ha una macchina POS (Point of Sale) collegata al portale e-Urvarak DBT del Dipartimento dei fertilizzanti. Chiunque acquisti fertilizzanti sovvenzionati è tenuto a fornire la propria identità univoca Aadhaar o il numero della carta di credito Kisan. Le quantità dei singoli fertilizzanti acquistati, insieme al nome dell'acquirente e all'autenticazione biometrica, devono essere acquisite sul dispositivo PoS. Solo una volta che la vendita viene registrata sulla piattaforma e-Urvarak, un'azienda può richiedere il sussidio, con l'elaborazione di questi su base settimanale e i pagamenti rimessi elettronicamente sul proprio conto bancario.



Anche in Spiegato | Cos'è SVAMITVA – la carta di proprietà per le famiglie rurali?

Qual era lo scopo alla base del nuovo sistema di pagamento?



Il motivo principale è quello di frenare la diversione. Questo è naturale con qualsiasi prodotto a basso prezzo, soprattutto per l'urea, il cui MRP di base (tasse escluse e costo del rivestimento in neem) è stato aumentato di appena l'11% da Rs 4.830 a Rs 5.360 per tonnellata dall'aprile 2010. Lo stesso periodo — da quando tutti gli altri fertilizzanti furono decontrollati — ha visto l'MRP per tonnellata di DAP aumentare da Rs 9.350 a Rs 24.000, mentre è aumentato in modo simile per MOP (Rs 4.455 a Rs 17.500) e '10:26:26' (Rs 7.197 a Rs 23.500 rupie).

Essendo super-sovvenzionata, l'urea è sempre soggetta a diversione per usi non agricoli - come legante dai produttori di compensato/truciolare, fonte di proteine ​​a basso costo dai produttori di mangimi o adulterante dai venditori di latte - oltre ad essere contrabbandata in Nepal e Bangladesh. La possibilità di perdite era maggiore nel sistema precedente, dal punto di spedizione fino alla fine del rivenditore. Con DBT, il furto avviene solo a livello di rivenditore, poiché non vi è alcun pagamento di sussidio fino a quando le vendite non vengono effettuate tramite POS e soggette all'autenticazione biometrica degli acquirenti.



Qual è il prossimo passo proposto?

Al momento, il Centro sta seguendo una politica di no denial. Chiunque, compresi i non agricoltori, può acquistare qualsiasi quantità di fertilizzante attraverso le macchine PoS. Ciò consente ovviamente l'acquisto all'ingrosso da parte di beneficiari non intenzionali, che non sono agricoltori autentici o meritevoli. Sebbene vi sia un limite di 100 borse che un individuo può acquistare in una volta, non impedisce a nessuno di acquistare un numero qualsiasi di volte. Un piano in discussione è quello di limitare il numero totale di sacchi di fertilizzanti sovvenzionati che chiunque può acquistare durante un'intera stagione di raccolta del kharif o del rabi. Questo, si prevede, porrebbe fine anche alla diversione a livello di vendita al dettaglio e agli acquisti da parte di grandi acquirenti mascherati da agricoltori.

Clicca per seguire Express spiegato su Telegram

Qual è il fabbisogno di fertilizzanti di un tipico agricoltore?

Dipende dal raccolto. Un agricoltore che coltiva grano o riso irrigato può utilizzare circa tre sacchi da 45 kg di urea, un sacco da 50 kg di DAP e mezzo sacco (25 kg) di MOP per acro. Un totale di 100 sacchi coprirebbe facilmente il fabbisogno stagionale di un agricoltore di 20 acri. E questo potrebbe essere un limite ragionevole da imporre; chi vuole di più può permettersi di pagare le tariffe non agevolate per i bagagli extra.

Quanti sussidi riceve realmente un agricoltore per acro?


patrimonio netto di larry mahan

Per tre sacchi di urea, un sacco DAP e mezzo sacco MOP per acro, l'agricoltore spenderebbe un totale di Rs 2.437 a MRP esistenti. Il valore della sovvenzione corrispondente – a una media di Rs 13.000 per tonnellata (Rs 585/sacco) per l'urea, Rs 511,55/sacco per DAP e Rs 303,5/sacco per MOP – ammonterà a Rs 2.418,3 per acro.

Ma poi, gli agricoltori sono tassati anche su altri input. Prendete il diesel, dove l'incidenza delle accise e dell'imposta sul valore aggiunto è Rs 42,19 su un litro al dettaglio a Rs 70,46 a Delhi. Su 30 litri di consumo medio per acro di risone o grano, questo sarà di quasi Rs 1.266. Quindi, per ogni Re 1 speso per il sussidio ai fertilizzanti, più della metà viene recuperata come tassa sul gasolio.

Inoltre, gli agricoltori pagano l'imposta sui beni e sui servizi (GST) sugli input, che va dal 12% su trattori, attrezzi agricoli, pompe e sistemi di irrigazione a goccia/aspersione al 18% sui prodotti chimici per la protezione delle colture. Il fertilizzante stesso è tassato al 5%. E poiché non c'è GST sui prodotti agricoli, non possono richiedere alcun credito d'imposta a monte sulle loro vendite, a differenza di altri uomini d'affari.

Qual è la strada da seguire?

È giunto il momento di prendere seriamente in considerazione la possibilità di pagare agli agricoltori un sussidio forfettario in contanti per acro che possono utilizzare per acquistare qualsiasi fertilizzante. L'importo può variare, a seconda del numero di colture coltivate e se il terreno è irrigato o meno. Questa è, forse, l'unica soluzione sostenibile per prevenire la diversione e incoraggiare anche un'applicazione giudiziosa di fertilizzanti, con la giusta combinazione di nutrienti (macro e micro) basata su analisi del suolo adeguate e requisiti specifici della coltura.