Spiegato: perché la questione dei garanti personali sotto IBC è in SC? - Giugno 2022

Il tribunale di vertice ascolterà ora, il 2 dicembre, i motivi di impugnazione delle disposizioni del codice fallimentare e fallimentare relative all'apertura di procedure concorsuali nei confronti dei garanti personali.

codice fallimentare e fallimentare, questione insolvenza bancaria, questione banca IBC, insolvenza garanti personali, questione corte suprema ibcLa Corte Suprema venerdì ha trasferito a sé tutte le istanze che impugnano le disposizioni del Codice Fallimentare e Fallimentare (IBC) relative all'avvio di procedure concorsuali nei confronti dei garanti personali.

Venerdì la Corte Supremaha trasferito a sé tutte le istanze di impugnazione del Codice Fallimentare e Fallimentare (IBC)disposizioni relative all'apertura di procedure concorsuali nei confronti dei garanti personali. Ora esaminerà questi casi il 2 dicembre.

Che cos'è una garanzia personale?



Per ottenere prestiti in modo semplice ed efficace e per mostrare la loro intenzione di rimborsare le quote bancarie in tempo, i promotori di alcune delle grandi case d'affari presentano una garanzia personale ai finanziatori. È una sorta di assicurazione da parte del proprietario o dei proprietari dell'azienda che i soldi presi in prestito dalla loro azienda per vari scopi saranno rimborsati in tempo secondo il programma concordato.



È diverso dalla garanzia che le aziende danno alle banche per prendere prestiti, poiché le leggi aziendali indiane affermano che gli individui come i promotori sono diversi dalle imprese e le due sono entità molto separate. È più probabile che una garanzia personale venga fornita da un promotore o da un ente promotore quando le banche richiedono garanzie pari al rischio che stanno assumendo prestando all'impresa, che potrebbe non funzionare così bene.

Allora perché la questione delle garanzie personali e dei garanti è in Cassazione?



Con le procedure di recupero sotto l'IBC che non si muovono al ritmo che dovrebbe, il governo ha sempre voluto responsabilizzare i promotori di inadempienti, intenzionali o meno, delle loro azioni quando erano al timone di società che ora sono in fase di risoluzione dell'insolvenza .


frankie muniz worth

Nel dicembre 2019, il governo ha emanato una nuova disposizione che autorizzava le banche a trasferire ai debitori aziendali una domanda di apertura di insolvenza nei confronti dei garanti personali. Nei casi della maggior parte delle grandi aziende che erano nella lista della Reserve Bank of India per essere grandi inadempienti, le azioni dei promotori di un tempo sono state sotto l'obiettivo del governo e delle sue agenzie di indagine.

Pertanto, al fine di garantire il massimo recupero per gli istituti di credito unitamente alla risoluzione dei debiti delle imprese, il Ministero delle Finanze ha sollecitato le banche a perseguire anche procedure di insolvenza personale nei confronti di promotori che avevano prestato garanzie personali per i finanziamenti assunti dalle loro imprese, che successivamente non è stato rimborsato secondo il programma concordato. Express Explained è ora su Telegram



La nuova disposizione, però, è stata impugnata da ben 19 promotori davanti a diverse alte giurisdizioni, sostenendo che a dirigere la società era sempre un consiglio di amministrazione e, quindi, i soli promotori non dovevano essere ritenuti responsabili per l'inadempienza nel rimborso del debito.

Quali sono le problematiche oggetto di contestazione in questi casi?

Una delle principali argomentazioni è che se i tribunali fallimentari iniziano ad accettare l'istanza delle banche sull'insolvenza personale, ciò potrebbe portare all'apertura dell'insolvenza due volte per lo stesso debito. Sebbene il Tribunale d'appello del diritto societario nazionale (NCLAT) abbia, in passato, ritenuto che l'insolvenza aziendale non può essere avviata due volte per la stessa serie di inadempienze, le banche hanno sostenuto che, oltre a ottenere le offerte appropriate per le società cariche di debiti, i proprietari che dichiarati dolosi inadempienti dovrebbero essere ritenuti responsabili e invocate le loro garanzie personali.



Ad esempio, nel caso di Bhushan Power and Steel, l'ex promotore della società Sanjay Singhal e sua moglie Aarti Singhal avevano fornito garanzie personali fino a Rs 24.550 crore per prendere prestiti da un consorzio di banche guidato dalla State Bank of India ( SBI). Il gruppo in seguito non ha concesso prestiti per un valore di Rs 48.000 crore. Nel settembre di quest'anno, SBI ha invocato le garanzie personali presentate da Sanjay Singhal.


patrimonio netto di anna nicole

Allo stesso modo, le banche hanno anche presentato domanda di insolvenza personale contro Anil Ambani dopo che due società da lui promosse non sono riuscite a pagare le quote di Rs 1.200 crore che avevano preso in prestito da SBI. Ambani aveva dato garanzie personali contro questi prestiti.



Cosa succede ai promotori o ai garanti personali dopo queste istanze di insolvenza?

Come i processi di insolvenza aziendale, un uomo d'affari, sia esso il promotore o il garante personale, è libero di iniziare da zero dopo che un caso di insolvenza personale contro di loro è finito. I finanziatori avranno diritto a recuperare le loro quote solo dalle garanzie depositate o dai beni personali appartenenti a quella persona. Tuttavia, possono essere pignorati e venduti anche alcuni o tutti i beni menzionati nell'elenco fornito al momento della sanzione del prestito, anche se ceduti a qualcun altro.