Spiegato: l'ordine esecutivo di Trump rivolto alle piattaforme di social media - Ottobre 2022

Trump ha firmato un ordine esecutivo volto a rimuovere alcune protezioni per le piattaforme di social media. Legalmente, l'ordine potrebbe non fare molta differenza.

Il presidente Donald Trump arriva per parlare con i giornalisti del coronavirus nella James Brady Briefing Room della Casa Bianca, venerdì 22 maggio 2020, a Washington con il segretario stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany. (Foto AP/Alex Brandon)

Giovedì il presidente degli Stati Uniti Donald Trump firmato un ordine esecutivo volto a rimuovere alcune protezioni per le piattaforme di social media che mirano a salvaguardarle da eventuali responsabilità derivanti dai contenuti pubblicati sui loro siti web. L'ordinanza dà ai regolatori federali l'agenzia di agire contro le piattaforme online che sono viste come una censura della libertà di parola.



Che cos'è un ordine esecutivo?

Un ordine esecutivo è una direttiva scritta emessa dal presidente ed è uno dei documenti presidenziali più comuni. Tali ordini non sono legislazioni e non richiedono l'approvazione del Congresso, il che significa anche che il Congresso non può ribaltarli. Secondo l'American Bar Association, il Congresso potrebbe approvare una legislazione che rende difficile o impossibile eseguire un ordine esecutivo, come la rimozione dei finanziamenti. Tuttavia, alla fine, solo un presidente degli Stati Uniti in carica può ribaltare un ordine esecutivo emettendone un altro in tal senso.





Cosa dice?

L'ordine esecutivo afferma che le piattaforme online sono impegnate in una censura selettiva e che l'etichettatura di Twitter dei tweet di Trump mostra pregiudizi politici.



Allo stesso tempo, le piattaforme online invocano giustificazioni incoerenti, irrazionali e infondate per censurare o limitare in altro modo il discorso degli americani qui a casa, diverse piattaforme online traggono profitto e promuovono l'aggressione e la disinformazione diffuse da governi stranieri come la Cina, menziona l'ordine.

Cosa ha innescato la mossa?



La mossa arriva dopo Twitter etichettati due post fatti da Trump sui piani di voto per posta della California come verificati. Come parte della sua nuova politica intrapresa durante la pandemia di coronavirus, la piattaforma ha introdotto etichette e messaggi di avviso che mirano a fornire un contesto e informazioni aggiuntive sui Tweet contenenti affermazioni contestate, fuorvianti o non verificate relative alla pandemia.

Tuttavia, le etichette possono essere utilizzate anche in situazioni in cui il rischio di danni associato a un Tweet è meno grave e le persone possono essere confuse o fuorviate dal contenuto.



Leggi anche | Dopo il controllo dei fatti, Twitter contrassegna il tweet di Donald Trump per 'glorificare la violenza'

Martedì Trump ha twittato: NON C'E' NESSUN MODO (ZERO!) che le votazioni per corrispondenza saranno qualcosa di meno che sostanzialmente fraudolente. Le cassette postali verranno derubate, le schede verranno falsificate e persino stampate illegalmente e firmate in modo fraudolento. Il Governatore della California sta inviando schede elettorali a milioni di persone, chiunque..., seguite da un altro Tweet che diceva: ...vivendo nello stato, non importa chi siano o come ci siano arrivate, ne riceverà una. Seguiranno professionisti che diranno a tutte queste persone, molte delle quali non hanno mai nemmeno pensato di votare prima, come e per chi votare. Questa sarà un'elezione truccata. Non c'è modo!.



Entrambi i tweet sono stati etichettati da Twitter e la piattaforma ha sostenuto che i post potrebbero confondere gli elettori su ciò che devono fare per ricevere una scheda elettorale e partecipare al processo elettorale.

Cosa cambia con l'ordine?

La sezione 230 del Communications Decency Act (CDA) garantisce l'immunità alle piattaforme online e le protegge dall'essere responsabili per i contenuti che miliardi di persone pubblicano ogni giorno sulla loro piattaforma.

Inoltre, ai sensi di questa sezione, i fornitori di servizi informatici interattivi sono liberi dall'essere trattati come l'editore o il relatore di qualsiasi informazione pubblicata dagli utenti, rendendo queste piattaforme libere dalla regolamentazione federale o statale.

Significativamente, la legge protegge anche le piattaforme online dalla responsabilità civile, il che significa che potrebbero non essere responsabili della limitazione dell'accesso a determinati contenuti che le piattaforme potrebbero considerare osceni, osceni, lascivi, sporchi, eccessivamente violenti, molesti o altrimenti discutibili e quando tali contenuto viene rimosso in buona fede.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clic qui per unirti al nostro canale (@ieexplained) e rimani aggiornato con le ultime

Tuttavia, l'ordine esecutivo di giovedì afferma che quando le piattaforme online rimuovono o limitano l'accesso ai contenuti, che non si basano sui criteri di cui sopra, o sono di cattivo gusto, si impegna in una condotta editoriale e quindi diventa l'editore di tutti i contenuti pubblicati sul suo sito web. . Sulla base di ciò, l'ordine cerca di revocare lo scudo di responsabilità offerto alle piattaforme e le espone a responsabilità come qualsiasi editore ed editore tradizionale che non sia un fornitore online.

Inoltre, l'ordine ordina al Segretario del Commercio (Segretario) di presentare una petizione per la definizione di regole presso la Federal Communications Commission (FCC) insieme al Procuratore generale per chiarire le condizioni in base alle quali un'azione intrapresa da una piattaforma online per limitare l'accesso o la disponibilità di determinati contenuti non è intrapresa in buona fede e pertanto tale azione è esclusa dalla protezione ai sensi della Sezione 230.

Quali sono le implicazioni di questo ordine?

Legalmente, l'ordine potrebbe non fare molta differenza. Secondo un rapporto del New York Times, l'ordine non chiarisce il motivo per cui FCC, un'agenzia indipendente al di fuori del controllo di Trump, avrebbe un'agenzia nell'interpretazione delle sezioni pertinenti del CDA. Inoltre, il rapporto afferma che un'agenzia come la FCC non può ignorare uno statuto emanato dal Congresso. Anche così, l'ordinanza può certamente dar luogo a un dibattito politico sulle responsabilità e le responsabilità delle piattaforme di social media.

Twitter ha affermato che l'ordine è un approccio reazionario e politicizzato a una legge fondamentale. Dice che la Sezione 230 protegge l'innovazione americana e la libertà di espressione. I tentativi di eroderlo unilateralmente minacciano il futuro della parola online e delle libertà di Internet, ha affermato Twitter.

D'altra parte, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg in un'intervista che ha rilasciato a Fox News mercoledì ha criticato Twitter per aver verificato i fatti del presidente degli Stati Uniti e ha detto, credo fermamente che Facebook non dovrebbe essere l'arbitro della verità di tutto ciò che la gente dice in linea. In generale, le società private probabilmente non dovrebbero essere, specialmente queste società di piattaforme, non dovrebbero essere nella posizione di farlo.