Spiegazione: sondaggio India, Cina e Myanmar - Agosto 2022

Il Myanmar vota domenica, cinque anni dopo la vittoria schiacciante di Aung San Suu Kyi. Sullo sfondo di una pandemia, crisi dei Rohingya e affermazione militare, uno sguardo alla posta in gioco per Suu Kyi e il suo paese

Aung San Suu Kyi vota in anticipo il 29 ottobre a Naypitaw. (AP)

Il Myanmar voterà l'8 novembre in un'elezione che viene vista come un test della leadership del Paese di Aung San Suu Kyi negli ultimi cinque anni. Nelle ultime elezioni del 2015, la Lega nazionale per la democrazia guidata da Suu Kyi ha ottenuto una vittoria schiacciante.



Le elezioni riguardano rispettivamente le camere alta e bassa del Parlamento nazionale, la Camera delle nazionalità e la Camera dei rappresentanti, nonché le assemblee dei sette stati e delle sette regioni del Myanmar, per un totale di 1.171 seggi. Il Presidente è eletto dal Parlamento nazionale bicamerale. I ministri principali degli stati e delle regioni sono nominati dal presidente.

Le elezioni si terranno sullo sfondo della pandemia di Covid-19, della continua crisi dei Rohingya, di una rinascita buddista nazionalista e dell'affermazione di un esercito che guida il paese insieme al governo civile eletto in un sistema ibrido.





Rohingya e il voto

Da 7 a 8 lakh di Rohingya sono fuggiti in Bangladesh quando l'esercito ha iniziato un giro di vite su un presunto gruppo terroristico nel 2017 nella provincia di Rakhine, sede di questo gruppo di minoranza musulmana. L'azione dell'esercito è stata sostenuta da Suu Kyi e dal suo governo. I rifugiati ora vivono in quello che è stato descritto come il più grande campo profughi del mondo a Cox's Bazar. Il Bangladesh vuole che il Myanmar li riprenda, ma il Myanmar, che sostiene che i Rohingya non sono indigeni e li chiama bengalesi (la parola Rohingya non è ufficialmente riconosciuta), non è disposta a farlo.

Nelle scorse elezioni hanno votato i Rohingya. Questa volta saranno quasi del tutto esclusi dalle elezioni. Molti candidati Rohingya sono stati respinti durante la presentazione delle candidature. Il mese scorso, la Commissione elettorale del Myanmar ha dichiarato che per motivi di sicurezza le elezioni non si sarebbero svolte in molte zone del Rakhine. Ciò significa che nemmeno i 600.000 Rohingya rimasti in Myanmar potranno votare. Né lo faranno i buddisti anti-Suu Kyi Rakhine, che sostengono che dietro l'annullamento delle elezioni ci siano motivazioni politiche.



Elezioni in Myanmar, Myanmar, sondaggi in Myanmar, Aung San Suu Kyi, notizie in MyanmarI sostenitori che indossano magliette con i loghi della Lega nazionale per la democrazia (NLD) del leader del Myanmar Aung San Suu Kyi esultano da un risciò mentre prendono parte all'ultimo giorno di campagna per le elezioni dell'8 novembre venerdì 6 novembre 2020, nella cittadina di Data , Rangoon. (Foto AP/Thein Zaw)

NLD, esercito, affermazione buddista

Questa è la terza elezione del Myanmar ai sensi della Costituzione redatta dai militari del 2008, parte della sua road map verso la democrazia. La Nld aveva boicottato le prime elezioni nel 2010, quando Suu Kyi era ancora agli arresti domiciliari. La giunta ha presentato candidati per procura attraverso il Partito per la solidarietà e lo sviluppo dell'Unione e ha vinto la maggior parte dei seggi. Dopo il rilascio di Suu Kyi dopo le elezioni, la giunta, sotto la pressione internazionale, ha allentato le restrizioni all'attività politica e della società civile e ha permesso ai media indipendenti. Nei successivi cinque anni, gli investimenti si sono riversati. La partecipazione della NLD alle elezioni suppletive del 2012 ha dato legittimità alle riforme della giunta. Le prime elezioni credibili del 2015 sono state spazzate da Suu Kyi, allora un'icona mondiale della democrazia.




genevieve goings stipendio

Questa volta, l'NLD porta l'onere dell'incumbency. Suu Kyi era arrivata con la promessa di completare la transizione verso la democrazia riformando la Costituzione sbattuta dalla giunta, con scritture quasi irreversibili che cementavano il ruolo dell'esercito nel governo del paese: i militari ottengono il 25% di rappresentanza in entrambe le Camere di Parlamento, e in tutte le assemblee statali/regionali, mediante nomina; l'USDP continua ad agire come procuratore militare; l'esercito, noto come Tatmadaw, mantiene portafogli come Difesa e Sicurezza interna; e può dichiarare l'emergenza in qualsiasi momento e assumere la direzione del Paese. Express Explained è ora su Telegram

C'è stata tensione nell'equilibrio civile-militare all'inizio di questa settimana dopo che il comandante in capo dell'esercito, il generale anziano Min Aung Hlaing, ha espresso insoddisfazione per il modo in cui la Commissione elettorale stava conducendo i sondaggi e in un'intervista a un media locale outlet, ha lasciato aperta la questione se l'esercito avrebbe accettato i risultati delle elezioni. Un portavoce del governo ha affermato che i commenti violano la Costituzione.


patrimonio netto max martin

Il partito di Suu Kyi ha compiuto sforzi per respingere i militari fino al 2019, ma questi sono stati ostacolati dai rappresentanti militari in Parlamento. Lei stessa è una vittima della Costituzione – in virtù di aver sposato un cittadino straniero, le è vietato diventare presidente. Ora è conosciuta come Consigliere di Stato, ma è accettata dal suo partito come un'autorità superiore rispetto al Presidente. Parallelamente, i suoi tentativi di un accordo di pace con oltre una ventina di gruppi etnici armati schierati contro lo stato, non hanno ancora prodotto alcun risultato. L'ultima riunione della Conferenza dell'Unione per la pace - 21st Century Panglong (un riferimento all'accordo di Panglong del 1947) - si è tenuta ad agosto. La NLD crede che un accordo federale rimarrà sfuggente finché l'esercito sarà potente.



Elezioni in Myanmar, Myanmar, sondaggi in Myanmar, Aung San Suu Kyi, notizie in MyanmarI sostenitori del Partito dell'Unione per la solidarietà e lo sviluppo (USDP), sostenuto dai militari, marciano con risciò a pedali durante una campagna elettorale per le imminenti elezioni generali dell'8 novembre, giovedì 5 novembre 2020, a Yangon, in Myanmar. (Foto AP/Thein Zaw)

Ma Suu Kyi non ha spinto i militari come hanno fatto in passato i suoi omologhi pakistani. Una volta ha descritto i generali del Tatmadaw come piuttosto dolci e l'anno scorso ha difeso l'esercito di persona presso la Corte internazionale di giustizia dell'Aia contro le accuse di stupro, incendio doloso e uccisioni di massa nel Rakhine.

Negli ultimi cinque anni si è anche manifestato un risorto nazionalismo buddista, ispirato e ispiratore di sentimenti simili in Sri Lanka. Il 2 novembre, un monaco infuocato noto per i discorsi comunitari e razzisti si è arreso alla polizia che stava cercando di arrestarlo da oltre un anno per le dichiarazioni che aveva rilasciato chiedendo ai militari di rovesciare il governo di Suu Kyi, e l'ha chiamata nomi discutibili. Nel 2015 aveva chiesto alle persone di votare per l'USDP sostenuto dai militari contro Suu Kyi.



Eppure Suu Kyi rimane popolare come lo era cinque anni fa e si prevede che riporterà il suo partito alla vittoria. La sua sfida alla censura internazionale sull'esodo dei Rohingya e gli appelli per riprendersi il suo premio Nobel per la pace sembrano aver solo rafforzato il suo status di icona nazionale tra la maggioranza buddista di Bamar.

Dove l'India incontra la Cina

Ha anche spinto Suu Kyi tra le braccia in attesa della Cina, che è stata coinvolta in una serie di progetti infrastrutturali in Myanmar e ha corteggiato lei e la NLD dal 2015, separatamente dalle sue continue strette relazioni con i militari.



Pechino ha steso il tappeto rosso per Suu Kyi durante la sua visita nel 2016. Nel gennaio 2020, il presidente Xi Jinping è stato un ospite di alto livello a Naypidaw, con i caccia da combattimento dell'aeronautica birmana che scortavano l'aereo di Xi mentre atterrava nella capitale.

In un editoriale sul quotidiano statale del Myanmar, Xi ha scritto che la Cina sosterrà il Myanmar nella salvaguardia dei suoi legittimi diritti e interessi e della dignità nazionale. Proprio come era l'unico alleato dello Sri Lanka durante i giorni da cani del dopoguerra del paese, la Cina è ora il principale alleato del Myanmar in un mondo il cui ardore per Suu Kyi si è da tempo raffreddato.


patrimonio netto di phil hellmuth 2016

Durante la visita, non sono stati firmati nuovi progetti infrastrutturali, ma le due parti hanno ribadito il sostegno per l'accelerazione del corridoio economico Cina-Myanmar, che include una ferrovia ad alta velocità tra le zone industriali all'interno del paese con collegamenti al confine cinese e un ambizioso $ 1.3 -miliardi di porto d'altura a Kyaukphyu nel centro di Rakhine, che fornirà a Pechino una porta d'accesso all'Oceano Indiano, come parte della sua Belt and Road Initiative.

Qualsiasi spinta contro la Cina in Myanmar arriva ora dalle regioni irrequiete dove i grandi progetti infrastruttivi minacciano di sfollare le persone, come nel 2011 a Kachin, dove un anno dopo il rilascio di Suu Kyi, le proteste hanno costretto alla cancellazione di una diga cinese di Myistone hydel da 6.000 MW.

Da non perdere da Explained | Moto Tunnel, una struttura archeologica di epoca britannica di 129 anni 'resuscitata' dal Pakistan

Dopo le elezioni, la traiettoria delle relazioni Cina-Myanmar non cambierà molto, indipendentemente dal risultato elettorale. La Cina sarà sempre un partner fidato del Myanmar ed è destinata a svolgere un ruolo costruttivo nello sviluppo e nel processo di pace del Myanmar, ha scritto un editorialista su Global Times, un media statale cinese.

New Delhi ha mantenuto relazioni cordiali sia con Suu Kyi che con l'esercito del Myanmar. Mentre il buddismo fornisce un legame culturale e il governo Modi ha fatto causa comune con il governo del Myanmar sulla questione Rohingya, l'India non ha le tasche profonde per progetti infrastrutturali in stile cinese. L'India sta lavorando a due progetti infrastrutturali chiave in Myanmar: un'autostrada trilaterale tra India-Myanmar e Thailandia e il progetto Kaladan Multi Modal Transit che mira a collegare l'India continentale agli stati nordorientali senza sbocco sul mare attraverso il Myanmar. Un porto a Sittwe e una via navigabile interna fanno parte di questo progetto.