Spiegazione: aumento della domanda di energia dopo il lockdown, calo delle scorte locali - Gennaio 2022

Ottobre è sempre stato un mese difficile per i gestori di rete, dato che in quel mese si registra il picco annuale di domanda elettrica in tutta l'India.

Gli operai mettono i cavi in ​​un cantiere a Nuova Delhi. (Foto express: Tashi Tobgyal, File)

Il settore elettrico indiano deve affrontare una tempesta perfetta : un picco precipitoso, e chiaramente imprevisto, della domanda energetica nazionale che sta mettendo a dura prova la catena di approvvigionamento del carburante che alimenta le centrali termiche a carbone che costituiscono la spina dorsale della rete elettrica del paese.


valore netto di mark schroeder

Ottobre è sempre stato un mese difficile per i gestori di rete, dato che in quel mese si registra il picco annuale di domanda elettrica in tutta l'India. Ma ci sono cinque ragioni per cui questo ottobre è diverso.



Quixplained|Perché c'è una crisi del carbone in India e che impatto avrà?

Uno, un forte aumento della domanda di energia nell'arco di meno di due mesi che ha segnato un'apertura quasi completa dell'economia dopo che più blocchi hanno costretto a un crollo della domanda per 18 mesi.



Poi, c'è il problema di un minore accumulo di scorte di carbone nell'aprile-giugno 2021, poiché la devastante seconda ondata di Covid ha avuto un impatto anche sulle operazioni minerarie.

Mentre i mesi dei monsoni in genere portano a una depressione della produzione mineraria, le piogge prolungate di quest'anno hanno provocato ulteriori ritardi nella normalizzazione post-monsonica delle forniture di carbone, specialmente nelle miniere a cielo aperto nell'entroterra orientale del paese.



A ciò si aggiunge il fatto che le centrali termoelettriche indiane hanno drasticamente ridotto l'importazione di carbone a causa dei prezzi internazionali che hanno raggiunto un livello record, il che rende l'opzione di riavviare alcune capacità inutilizzate nel Gujarat in un breve periodo di tempo un compito arduo.

Colloquio|Carenza di carbone oltre il solito, situazione toccata e via: ministro del potere RK Singh

Sia il carbone che il gas importati - c'è una certa capacità di gas inutilizzata nella costa orientale dell'India - sono fuori dall'equazione questa volta, poiché i paesi dall'Europa alla Cina sono in una folle corsa per le fonti di carburante per superare la carenza di energia interna. Quindi, riavviare queste centrali semplicemente non è un'opzione praticabile questa volta, portando a una maggiore dipendenza dal carbone nazionale.

Sebbene alcuni di questi fattori siano insoliti, non c'è modo di sottrarsi a un fattore di fondo che ora sembra sempre più evidente: quasi tutti nella catena del valore della generazione di energia elettrica: gestori di rete e pianificatori delle politiche, utility nella catena di approvvigionamento, gestori di centrali termiche e stato di proprietà della Coal India Ltd — non è riuscita ad anticipare l'aumento della domanda e ha fatto scorta.



Un operaio fa la guardia mentre il carbone viene scaricato da un camion nel villaggio di Rajapur a Jharia, un angolo remoto del Jharkhand. (Foto AP/Aijaz Rahi, file)

Il più grande fattore scatenante, tuttavia, è l'entità dell'aumento della domanda. Per il periodo agosto-settembre, il consumo di energia è passato da 106,6 BU (miliardi di unità; un'unità è 1 kWh) al mese nel 2019 - un anno non Covid - a 124,2 BU al mese nel 2021. Durante questo periodo, la quota di Anche la produzione a carbone è aumentata dal 61,91 per cento nel 2019 al 66,35 per cento nel 2021.

Di conseguenza, il consumo totale di carbone nel mese di agosto-settembre 2021 è aumentato del 18% rispetto al corrispondente periodo del 2019, mettendo a dura prova le catene di approvvigionamento ed esponendo il lassismo dei gestori delle centrali elettriche nell'aderire alle disposizioni normative sulle scorte di combustibile.

Con le forniture di carbone che non riescono a tenere il passo, rispetto al requisito di mantenere 15-30 giorni di scorte di combustibile, oltre la metà delle 135 principali centrali elettriche a carbone del paese che vengono monitorate su base giornaliera sono ora rimaste con scorte inferiori a tre giorni, secondo i dati dell'Autorità per l'energia elettrica.



Le centrali termoelettriche a carbone dell'India rappresentano 208,8 GW, o il 54% della capacità di generazione installata di 388 GW dell'India, e, nonostante l'evidente attenzione del governo sull'aggiunta di capacità rinnovabile, hanno visto un aumento della quota nel mix energetico complessivo dell'India a oltre il 66 per cento nel 2021 da meno del 62 per cento nel 2019. L'importanza della generazione del carico di base si sta manifestando chiaramente.


jenny piccolo giorni felici

La speranza nei circoli politici è che dalla seconda metà di ottobre la domanda inizi lentamente a diminuire man mano che le temperature si raffreddano nel nord del paese, come accade quasi ogni anno.



Anche le spedizioni di carbone di CIL sono in aumento, da meno di 1,4 milioni di tonnellate (MT) al giorno all'inizio del mese a livelli di 1,5 tonnellate al giorno il 7 ottobre a un obiettivo di 1,7 tonnellate al giorno entro metà ottobre. Ciò probabilmente aiuterebbe nell'accumulo graduale di scorte nelle centrali elettriche nel prossimo futuro.

Ma data l'impennata esplosiva della domanda quest'anno e la stagione dei festival ancora davanti a noi, è probabile che le catene di approvvigionamento rimarranno tese e i gestori della rete potrebbero essere costretti a rimanere in allerta fino alla fine di ottobre.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta