Spiegato: Leggere la legge che mantiene lo status quo nei luoghi di culto - Potrebbe 2022

Venerdì, la Corte Suprema ha chiesto al Centro di rispondere a un ricorso contro la Legge sui luoghi di culto (Disposizioni speciali) del 1991. In cosa consiste la legge? Perché è in discussione?

La Corte Suprema dell'India (Express Photo/File)

Venerdì la Corte Suprema ha chiesto al Centro dirispondere a una supplicasfidando la legge sui luoghi di culto (disposizioni speciali), 1991. Accettando di esaminare la legge, la corte ha aperto le porte a contenziosi in vari luoghi di culto in tutto il paese, tra cui Mathura e Varanasi.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta



Di cosa tratta la legge?



Approvata nel 1991 dal governo del Congresso guidato da PV Narasimha Rao, la legge cerca di mantenere il carattere religioso dei luoghi di culto come era nel 1947, tranne nel caso della controversia Ram Janmabhoomi-Babri Masjid, che era già in tribunale. La legge è stata introdotta al culmine del movimento Ram Mandir, esattamente un anno prima della demolizione del Babri Masjid.

Introducendo la legge, l'allora ministro degli Interni S.B. Chavan ha dichiarato in Parlamento che è stata adottata per frenare la tensione comunitaria.



Quali sono le sue disposizioni?

La clausola che dichiara l'obiettivo della legge la descrive come una legge per vietare la conversione di qualsiasi luogo di culto e per provvedere al mantenimento del carattere religioso di qualsiasi luogo di culto come esisteva il giorno 15 agosto 1947, e per questioni ad esso connesse o accessorie.

Le sezioni 3 e 4 della legge dichiarano che il carattere religioso di un luogo di culto continuerà ad essere lo stesso di quello che era il 15 agosto 1947 e che nessuno potrà convertire un luogo di culto di qualsiasi confessione religiosa in uno di diverso denominazione o sezione.



La sezione 4(2) afferma che tutte le cause, gli appelli o altri procedimenti relativi alla conversione del carattere di un luogo di culto, pendenti il ​​15 agosto 1947, verranno interrotte quando la legge avrà inizio e non sarà possibile avviare un nuovo procedimento.

Tuttavia, possono essere avviati procedimenti legali in merito alla conversione del carattere religioso di qualsiasi luogo di culto dopo l'inizio dell'atto se il cambiamento di stato è avvenuto dopo la data limite del 15 agosto 1947.

ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Cosa dice di Ayodhya e cos'altro è esentato?



La sezione 5 dice: Atto da non applicare a Ram Janma Bhumi Babri Masjid. Nulla di quanto contenuto nella presente legge si applica al luogo o luogo di culto comunemente noto come Ram Janma Bhumi-Babri Masjid situato ad Ayodhya nello Stato dell'Uttar Pradesh e a qualsiasi causa, ricorso o altro procedimento relativo a detto luogo o luogo di culto .

Oltre alla controversia Ayodhya, la legge esentava anche:



* qualsiasi luogo di culto che è un monumento antico e storico o un sito archeologico, o è coperto dalla legge sui monumenti antichi e sui siti archeologici e sui resti, 1958;

* una causa che è stata definitivamente risolta o liquidata;

* qualsiasi controversia che sia stata risolta dalle parti o conversione di qualsiasi luogo avvenuta per acquiescenza prima dell'inizio della legge.

Cosa ha detto la Corte Suprema sulla legge?

Nel verdetto di Ayodhya del 2019, la Consulta della Costituzione guidata dall'ex presidente della Corte Suprema indiana Ranjan Gogoi ha fatto riferimento alla legge e ha affermato che manifesta i valori laici della Costituzione e proibisce severamente la regressione.

Nel fornire una garanzia per la conservazione del carattere religioso dei luoghi di culto pubblico così come esistevano il 15 agosto 1947 e contro la conversione dei luoghi di culto pubblico, il Parlamento ha stabilito che l'indipendenza dal dominio coloniale fornisce una base costituzionale per sanare le ingiustizie del passato fornendo la fiducia ad ogni comunità religiosa che i loro luoghi di culto saranno preservati e che il loro carattere non sarà alterato. La legge si rivolge allo Stato come ad ogni cittadino della nazione. Le sue norme vincolano coloro che governano gli affari della nazione ad ogni livello. Tali norme attuano i Doveri Fondamentali di cui all'articolo 51A e sono quindi mandati positivi anche per ogni cittadino. Lo Stato, emanando la legge, ha fatto rispettare un impegno costituzionale e ha reso operativi i suoi obblighi costituzionali per sostenere l'uguaglianza di tutte le religioni e il secolarismo che fa parte della struttura di base della Costituzione, ha affermato la corte.

Perché la legge è in discussione?


quanto vale Dave Grohl

Il leader e sostenitore del BJP di Delhi, Ashwini Upadhyaya, ha contestato la legge che viola il secolarismo. Ha anche sostenuto che la data limite del 15 agosto 1947 è arbitraria, irrazionale e retrospettiva e vieta a indù, giainisti, buddisti e sikh di avvicinarsi ai tribunali per reclamare i loro luoghi di culto che sono stati invasi e invasi dai fondamentalisti barbari invasori.

Il BJP si era opposto alla legge anche quando è stata introdotta, sostenendo che il Centro non ha il potere di legiferare sui pellegrinaggi o sui luoghi di sepoltura che sono sotto l'elenco statale. Tuttavia, il governo aveva affermato di poter utilizzare il suo potere residuo ai sensi della voce 97 dell'elenco dell'Unione per emanare questa legge. La voce 97 conferisce poteri residuali al Centro di legiferare su materie che non sono elencate in nessuno dei tre elenchi.

Un'altra critica alla legge è che il cut-off è la data dell'indipendenza, il che significa che lo status quo determinato da una potenza coloniale è considerato definitivo.