Spiegato: la strada per Fiat Chrysler, trattative sulla fusione della Renault - Ottobre 2022

L'alleanza tra Fiat Chrysler e Renault potrebbe diventare la casa automobilistica n. 1 al mondo con 13,8 milioni di vendite annue. Manterrebbe anche un punto d'appoggio in Cina, dove sia Fiat Chrysler che Renault sono giocatori marginali.

Spiegato: la strada per Fiat Chrysler, trattative sulla fusione della RenaultLa sede mondiale di Fiat Chrysler Automobiles è mostrata ad Auburn Hills, Michigan, lunedì 27 maggio 2019. (Foto AP: Paul Sancya)

La casa automobilistica italo-americana Fiat Chrysler ha presentato una proposta di fusione di tutte le azioni alla rivale francese Renault come parte di una nuova ondata di consolidamento dell'industria automobilistica. Insieme avrebbero una capitalizzazione di mercato combinata di oltre 32 miliardi di euro (36 miliardi di dollari) e vendite globali totali di 8,7 milioni di veicoli. In confronto, il Gruppo Volkswagen ha consegnato 10,9 milioni di veicoli nel 2018.




valore netto di jerri manthey

Includendo Nissan, che ha una partnership esistente con Renault, l'alleanza potrebbe diventare la casa automobilistica n. 1 al mondo con 13,8 milioni di vendite annuali. Manterrebbe anche un punto d'appoggio in Cina, dove sia Fiat Chrysler che Renault sono giocatori marginali.

Un accordo sarebbe la quarta volta in 20 anni che l'ex Chrysler Corp di Detroit si sarebbe trasferita a nuovi proprietari, e la quinta volta dal 1987 che il marchio di SUV Jeep sarebbe passato di mano. Ecco una cronologia:





1987 – Chrysler, sotto Lee Iacocca, accetta di acquistare la quota del 46% di Renault nella società madre di Jeep, American Motors Corp (AMC), e successivamente acquisisce tutta AMC e inizia ad espandere il marchio Jeep. 1998 – La casa automobilistica tedesca Daimler AG e Chrysler annunciano una fusione tra pari, che presto diventa un'acquisizione Daimler. L'accordo di successo si inasprisce mentre il mercato automobilistico statunitense rallenta.

2004 – Sergio Marchionne assume la carica di amministratore delegato della Fiat.



2007 – Il CEO di Daimler Dieter Zetsche, ex capo dell'unità Chrysler, accetta di vendere l'80% di Chrysler a Cerberus Capital Management, un investitore finanziario statunitense. L'accordo va a buon fine anche se Cerberus ha dovuto posticipare la vendita di un prestito sindacato da $ 12 miliardi dopo che gli investitori si sono rifiutati.

2009 – Chrysler avvia una ristrutturazione fallimentare e nel giugno 2009 Fiat assume il controllo della società, che viene ribattezzata Fiat Chrysler Automobiles NV (FCA).



gennaio 2014 – Fiat, sotto la guida di Marchionne, stringe la presa su Chrysler Group LLC acquistando il 41,46% del capitale che non possiede già in un affare da 4,35 miliardi di dollari.


e avidan patrimonio netto

aprile 2015 – Lo stato francese aumenta la sua partecipazione in Renault al 19,74% dal 15% in un accordo progettato per bloccare gli sforzi di Nissan per aumentare la sua influenza su Renault. L'accordo è orchestrato dal ministro dell'Economia – e ora presidente francese – Emmanuel Macron.



aprile 2015 – Marchionne pubblica Confessioni di un drogato di capitale, un trattato sul perché il consolidamento è inevitabile per l'industria automobilistica in un momento di stretta regolamentazione delle emissioni e concorrenza globale.

settembre 2015 – Marchionne invia un'e-mail all'amministratore delegato della General Motors, Mary Barra, chiedendole di esplorare una combinazione delle due case automobilistiche e viene respinto.



luglio 2018 – Fiat Chrysler rivela che Marchionne è morto per complicazioni a seguito di un intervento chirurgico. Il successore di Marchionne, Mike Manley, annuncia un forte calo degli utili e un impegno a realizzare la strategia 2022 per rendere FCA forte e indipendente, pur rimanendo flessibile su qualsiasi opportunità di accordo.

gennaio 2019 – Renault afferma che Carlos Ghosn si è dimesso da presidente e amministratore delegato mentre affronta un'indagine per cattiva condotta finanziaria. Marzo 2019 – Manley afferma che Fiat Chrysler è aperta a perseguire alleanze e opportunità di fusione, aggiungendo che FCA non è impegnata in alcun negoziato di fusione.



maggio 2019 – Fiat Chrysler e Renault annunciano una proposta di fusione, con gli azionisti di ciascuna società che controllano il 50% della nuova entità.