Spiegato: La guerra commerciale USA-Cina e il suo impatto sull'India - Luglio 2022

Come è iniziata la disputa commerciale tra le due maggiori economie mondiali? Cosa succede se la loro situazione di stallo degenera in un conflitto economico più ampio? Come possono essere influenzati l'India e il resto del mondo?

Spiegato: La guerra commerciale USA-Cina e il suo impatto sullIl vicepremier cinese Liu He, a sinistra, lascia l'ufficio del rappresentante per il commercio degli Stati Uniti a Washington, giovedì 9 maggio 2019, dopo l'incontro per i colloqui commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina. (Foto AP: Manuel Balce Ceneta)

Venerdì è entrata in vigore la decisione degli Stati Uniti di aumentare le tariffe al 25% su 200 miliardi di dollari di merci cinesi, una mossa che ha potenzialmente avuto un impatto sul commercio di merci in oltre 5.700 categorie di prodotti e ha scatenato un altro ciclo di guerre tariffarie tra le due maggiori economie del mondo. .

Sabato, Washington ha imposto un nuovo ciclo di dazi su quasi tutte le restanti importazioni cinesi. Queste tariffe si applicavano a una gamma ancora più ampia di beni scambiati, stimata in circa 300 miliardi di dollari.



Il rappresentante per il commercio degli Stati Uniti, Robert Lighthizer, ha dichiarato in una dichiarazione che il presidente Donald Trump ci ha ordinato di iniziare il processo di aumento delle tariffe essenzialmente su tutte le restanti importazioni dalla Cina. Trump aveva detto venerdì che le due parti erano vicine al raggiungimento di un accordo, ma la Cina aveva tentato di rinegoziare.



La parte cinese ha continuato a sembrare fiduciosa. I negoziati non si sono rotti, ha detto sabato il vice premier Liu He, il principale negoziatore della Cina nei colloqui. …Penso che le piccole battute d'arresto siano normali e inevitabili durante i negoziati di entrambi i paesi. Guardando al futuro, siamo ancora cautamente ottimisti, ha detto Liu.

Al contrario, il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Steve Mnuchin ha dichiarato alla CNBC che al momento non sono previsti colloqui commerciali con Pechino.



Origine della disputa USA-Cina

Gli Stati Uniti e la Cina hanno resistito da quando Trump ha imposto pesanti dazi sugli articoli in acciaio e alluminio importati dalla Cina nel marzo dello scorso anno, e la Cina ha risposto imponendo dazi su un valore di miliardi di dollari di importazioni americane.


patrimonio netto di dale earnhardt jr

La disputa si è intensificata dopo che Washington ha chiesto alla Cina di ridurre il suo deficit commerciale di $ 375 miliardi con gli Stati Uniti e di introdurre misure verificabili per la protezione dei diritti di proprietà intellettuale, il trasferimento di tecnologia e un maggiore accesso alle merci americane nei mercati cinesi.

guerra commerciale della Cina, guerra tariffaria della Cina, tariffa della Cina, cosa siamo noi guerra commerciale della Cina, tariffe di Trump, tariffe della Cina di Trump, Donald Trump, xi jinping, sanzione commerciale degli Stati Uniti, guerra commerciale, mercati cinesi, relazioni con la Cina



In un rapporto all'inizio di quest'anno, il FMI ha osservato che la tensione commerciale tra Stati Uniti e Cina è stato un fattore che ha contribuito a un'espansione globale significativamente indebolita alla fine dello scorso anno, poiché ha tagliato le sue previsioni di crescita globale per il 2019.

Impatto dell'ultima mossa

Il più grande settore di importazione cinese colpito dal nuovo ciclo di aumenti tariffari è la categoria di modem Internet, router e altri dispositivi di trasmissione dati da oltre 20 miliardi di dollari, insieme ai circuiti stampati utilizzati in una serie di prodotti fabbricati negli Stati Uniti. Anche mobili, prodotti per l'illuminazione, ricambi per auto, aspirapolvere e materiali da costruzione sono soggetti a prelievi più elevati.

Gli analisti affermano che le tariffe potrebbero ostacolare il rimbalzo dell'economia statunitense, con il rischio che i consumi ne risentiranno, poiché queste tariffe sarebbero pagate dai consumatori e dalle imprese americane. Inoltre, ciò aggrava l'incertezza nell'ambiente commerciale globale, influisce negativamente sul sentiment globale e si aggiunge all'avversione al rischio a livello globale.



Le tariffe più elevate potrebbero portare al riprezzamento delle attività di rischio a livello globale, condizioni di finanziamento più rigide e una crescita più lenta. Le tensioni commerciali potrebbero tradursi in un quadro commerciale globale sempre più frammentato, indebolendo il sistema basato su regole che ha sostenuto la crescita globale, in particolare in Asia, negli ultimi decenni.

Anche se c'è ancora la speranza che i due paesi alla fine risolvano i loro problemi, il rischio di una completa interruzione dei negoziati commerciali è aumentato dopo sabato.



Come l'India è influenzata dalla guerra commerciale USA-Cina

Potrebbe esserci un impatto a breve termine sui mercati azionari. Il benchmark Sensex alla Borsa di Bombay si è allineato ai mercati globali che sono stati spaventati dall'escalation della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Nel lungo periodo, mentre un rallentamento dell'economia statunitense non è di buon auspicio per i mercati emergenti, la guerra commerciale potrebbe avere un lato positivo per alcuni paesi. L'India è tra una manciata di economie che trarranno beneficio dalle tensioni commerciali tra le due principali economie del mondo, hanno affermato le Nazioni Unite in un rapporto.

Secondo un rapporto pubblicato a febbraio dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD), dei 300 miliardi di dollari di esportazioni cinesi soggette ai dazi statunitensi, solo il 6% circa sarà raccolto dalle imprese statunitensi. Si prevede che i membri dell'UE ne trarranno i maggiori benefici, poiché è probabile che le esportazioni nel blocco crescano di 70 miliardi di dollari; e Giappone e Canada vedranno aumentare le esportazioni di oltre 20 miliardi di dollari ciascuno, ha affermato.

Altri paesi che trarranno beneficio dalle tensioni commerciali includono il Vietnam, con un aumento delle esportazioni del 5%, l'Australia (4,6%), il Brasile (3,8%), l'India (3,5%) e le Filippine (3,2%), secondo lo studio UNCTAD.

Potrebbe andare all'OMC?

Sebbene non sia ancora chiaro se la questione andrà all'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), i dati mostrano che gli Stati Uniti generalmente vincono le controversie commerciali, in particolare contro la Cina, davanti all'arbitro del commercio globale. Secondo il Peterson Institute for International Economies, negli ultimi 16 anni, gli Stati Uniti hanno contestato le pratiche cinesi 23 volte in seno all'OMC, con un record di vittorie e sconfitte di 19-0, con quattro casi pendenti.

Nella decisione più recente, il panel dell'OMC ha rilevato che i sussidi agricoli della Cina non erano coerenti con le regole dell'OMC e ha confermato le affermazioni degli Stati Uniti.

Per la Cina, i dazi più elevati avranno un effetto negativo significativo sulle esportazioni, in un contesto di rallentamento dell'economia. Un ulteriore allentamento delle politiche ridurrà solo in parte l'impatto, mentre l'aumento dell'incertezza e la debolezza del sentimento delle imprese ostacoleranno le decisioni di investimento privato.

Secondo Michael Taylor, Managing Director, Credit Strategy, Moody's Investors Service, anche il settore della tecnologia avanzata cinese sarà probabilmente colpito negativamente, poiché gli Stati Uniti intensificano le restrizioni su quel settore. E per il resto delle economie asiatiche dipendenti dalle esportazioni, un rallentamento in Cina smorzerà i tassi di crescita.

Fatti sul commercio e sugli investimenti tra Stati Uniti e Cina

-MERCI E SERVIZI USAil commercio con la Cina ha raggiunto una cifra stimata di 737,1 miliardi di dollari nel 2018. Esportazioni: 179,3 miliardi di dollari; importazioni: $ 557,9 miliardi; deficit: 378,6 miliardi di dollari

-LA CINA È ATTUALMENTEil più grande partner commerciale di beni degli Stati Uniti con 659,8 miliardi di dollari nel commercio totale (bidirezionale) di merci nel 2018. Esportazioni: 120,3 miliardi di dollari; importazioni: $ 539,5 miliardi; Deficit commerciale delle merci USA: 419,2 miliardi di dollari

-COMMERCIO DI SERVIZIcon la Cina (esportazioni e importazioni) ha totalizzato una cifra stimata di 77,3 miliardi di dollari nel 2018. Esportazioni: 58,9 miliardi di dollari; importazioni: 18,4 miliardi di dollari; Eccedenza commerciale dei servizi degli Stati Uniti: $ 40,5 miliardi

-911.000 LAVORI(stimato) sono stati sostenuti dalle esportazioni statunitensi di beni e servizi in Cina nel 2015 (ultimi dati disponibili), secondo il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti; 601.000 sostenuti dalle esportazioni di merci; 309.000 per esportazioni di servizi

-IDE USA IN CINA(azioni) è stato di 107,6 miliardi di dollari nel 2017, con un aumento del 10,6% rispetto al 2016. Gli investimenti diretti statunitensi in Cina sono guidati da produzione, commercio all'ingrosso, finanza e assicurazioni

-CINA IDE NEGLI USA(azioni) è stato di $ 39,5 miliardi nel 2017, in calo del 2,3% rispetto al 2016. Gli investimenti diretti della Cina negli Stati Uniti sono guidati da industrie manifatturiere, immobiliari e istituzioni di deposito

-VENDITA DI SERVIZIin Cina per la maggior parte delle affiliate di proprietà statunitense è stato di $ 55,1 miliardi nel 2016 (ultimi dati disponibili); vendite di servizi negli Stati Uniti da parte delle imprese a maggioranza cinese: $ 8,3 miliardi Fonte: USTR