Spiegazione: cos'è la mutilazione genitale femminile e perché viene praticata? - Agosto 2022

Sebbene le origini esatte della mutilazione genitale femminile (MGF) rimangano poco chiare, sembra che abbia preceduto il cristianesimo e l'islam. Alcune mummie egiziane mostrano caratteristiche di MGF.

La maggior parte delle ragazze e delle donne che hanno subito la MGF vive nell'Africa subsahariana e negli Stati arabi, ma è praticata anche in alcuni paesi dell'Asia, dell'Europa orientale e dell'America Latina. (Foto - Reuters)

Ogni anno, il 6 febbraio viene celebrato come Giornata internazionale della tolleranza zero per le mutilazioni genitali femminili (MGF). Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), a livello globale, oltre 200 milioni di ragazze vivi oggi hanno subito MGF in oltre 30 paesi.



I costi economici del trattamento delle complicazioni sanitarie derivanti dalla MGF ammontano a circa 1,4 miliardi di dollari per il 2018 per 27 paesi in cui viene eseguita la MGF. Se la prevalenza rimane la stessa, si prevede che l'importo aumenterà fino a $ 2,3 miliardi entro il 2047.

Nel 2018, uno studio sulle MGF in India ha affermato che la pratica era fino al 75% nella comunità musulmana di Bohra. Lo studio è stato condotto da tre ricercatori indipendenti.





Spiegato: Che cos'è la mutilazione genitale femminile?

La MGF è il nome dato a procedure che comportano l'alterazione o il danneggiamento dei genitali femminili per ragioni non mediche o culturali, ed è riconosciuta a livello internazionale come una violazione dei diritti umani e della salute e integrità delle ragazze e delle donne.


patrimonio netto di marcus lemonis su forbes 2018

L'OMS classifica quattro tipi di MGF: tipo 1 (asportazione parziale o totale del glande clitorideo); tipo 2 (asportazione parziale o totale delle parti esterne e visibili del clitoride e delle pieghe interne della vulva); tipo 3 (infibulazione, o restringimento dell'apertura vaginale attraverso la creazione di un sigillo di copertura), tipo 4 (picking, piercing, incisione, raschiamento e cauterizzazione dell'area genitale).



La maggior parte delle ragazze e delle donne che hanno subito la MGF vive nell'Africa subsahariana e negli Stati arabi, ma è praticata anche in alcuni paesi dell'Asia, dell'Europa orientale e dell'America Latina.



I paesi in cui viene eseguita la MGF includono Burkina Faso, Repubblica Centrafricana, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Sudan, Egitto, Oman, Emirati Arabi Uniti (EAU), Iraq, Iran, Georgia, Federazione Russa, Colombia e Perù, tra gli altri.

Secondo il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA), mentre le origini esatte della pratica rimangono poco chiare, sembra che abbia preceduto il cristianesimo e l'Islam. Dice che alcune mummie egiziane mostrano caratteristiche di MGF.

Significativamente, l'antico storico greco Erodoto ha affermato che nel V secolo aC i Fenici, gli Ittiti e gli Etiopi praticavano la circoncisione. Inoltre, riti di circoncisione venivano eseguiti anche nelle zone tropicali dell'Africa, nelle Filippine e da alcune tribù dell'area dell'Alta Amazzonia.



Fino agli anni '50, la clitoridectomia era praticata in Europa occidentale e negli Stati Uniti per trattare disturbi percepiti tra cui isteria, epilessia, disturbi mentali, masturbazione, ninfomania e melanconia. In altre parole, la pratica della MGF è stata seguita da molti popoli e società diverse attraverso le età e i continenti, afferma.

Express Explained è ora su Telegram. Clic qui per unirti al nostro canale (@ieexplained) e rimani aggiornato con le ultime



Perché si pratica la mutilazione genitale femminile?

A seconda della regione, possono esserci vari motivi per cui viene eseguita la MGF. L'UNFPA ha classificato le ragioni in cinque categorie: ragioni psico-sessuali (quando la MGF viene eseguita come un modo per controllare la sessualità delle donne, che a volte si dice sia insaziabile se parti dei genitali, in particolare il clitoride, non vengono rimosse); ragioni sociologiche o culturali (quando la MGF è vista come parte dell'iniziazione di una ragazza alla femminilità e parte intrinseca del patrimonio culturale di una comunità); ragioni igieniche ed estetiche (questo può essere il motivo di quelle comunità che considerano i genitali femminili esterni brutti e sporchi); ragioni religiose (l'UNFPA sostiene che mentre la MGF non è approvata dal cristianesimo o dall'Islam, presunte dottrine religiose possono essere utilizzate per giustificare la pratica); fattori socio-economici (in alcune comunità la MGF è un prerequisito per il matrimonio, specialmente in quelle comunità in cui le donne dipendono economicamente dagli uomini).

Altre ragioni citate dall'OMS includono un tentativo di garantire la verginità prematrimoniale delle donne poiché si ritiene che le MGF riducano la libido, e quindi si ritiene che la aiutino a resistere agli atti sessuali extraconiugali. Le MGF possono anche essere associate a ideali culturali di femminilità e modestia.



Mutilazioni genitali femminili in India

Secondo lo studio di cui sopra, le ragioni per le MGF denominate Khafd in India includono la continuazione di un'antica pratica tradizionale, l'adesione agli editti religiosi, il controllo della sessualità delle donne e il rispetto delle regole stabilite dal clero religioso.

Afferma inoltre che la questione è salita alla ribalta in India per la prima volta a causa di due casi legali internazionali sulle MGF contro la pratica di Bohras in Australia e negli Stati Uniti.

Spiegazione da non perdere: cosa significa la nuova tassa turistica del Bhutan per i viaggiatori indiani?

Nel 2018, un collegio dell'allora giudice capo dell'India Dipak Misra e i giudici AM Khanwilkar e DY Chandrachud hanno presentato una petizione per vietare le MGF tra le ragazze Dawoodi Bohra a un tribunale costituzionale composto da cinque giudici. Questo PIL è stato presentato dall'avvocato Sunita Tiwari, con sede a Delhi, che ha chiesto una dichiarazione secondo cui la pratica costituisce una violazione del diritto alla vita e alla dignità di una donna.

La comunità di Dawoodi Bohra, d'altra parte, ha sostenuto che la pratica dovrebbe essere consentita poiché la Costituzione garantisce la libertà religiosa ai sensi dell'articolo 25.