Spiegato: quando una malattia diventa endemica? - Gennaio 2022

Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Science, quando le epidemie diventano endemiche, la responsabilità di proteggersi si sposta dal governo all'individuo.

Spiegato: quando una malattia diventa endemica?Un'illustrazione del nuovo coronavirus. (immagini Getty)

Mercoledì un alto funzionario dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha affermato che, come l'HIV, il nuovo coronavirus potrebbe diventare endemico epotrebbe non andare mai via,e ha sollecitato uno sforzo massiccio per contenere la diffusione di COVID-19.

È importante metterlo sul tavolo: questo virus potrebbe diventare solo un altro virus endemico nelle nostre comunità e potrebbe non scomparire mai, ha affermato il dott. Mike Ryan, direttore delle emergenze dell'OMS durante una conferenza stampa.



Il dottor Ryan ha osservato che anche se fosse stato trovato un vaccino, far fronte alla malattia richiederebbe uno sforzo enorme. Ad oggi, sono stati registrati più di 4,4 milioni di casi di malattia in tutto il mondo e più di 300.000 sono morti.



Che cos'è una malattia endemica?

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), una malattia è endemica quando la sua presenza o la sua prevalenza abituale nella popolazione è costante. Quando i casi iniziano ad aumentare, viene classificata come epidemia. Se questa epidemia è stata registrata in diversi paesi e aree, si parla di pandemia.


stipendio di gal gadot

Alcuni esempi di endemismi includono la varicella e la malaria, dove c'è un numero prevedibile di casi ogni anno in alcune parti del mondo.




patrimonio netto di anna faris 2018

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Una definizione del 1948 di colera endemico citata nell'Indian Journal of Endocrinology and Metabolism lo definisce come: Un'area endemica è quella in cui per un certo numero di anni vi è una presenza praticamente continua di colera clinico con esacerbazione stagionale annuale dell'incidenza.

Il dizionario di epidemiologia definisce una malattia endemica come la presenza costante di una malattia o di un agente infettivo all'interno di una data area geografica o gruppo di popolazione; può anche riferirsi all'usuale prevalenza di una data malattia all'interno di tale area o gruppo.



Cosa succede quando una malattia diventa endemica?

Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Science, quando le epidemie diventano endemiche, diventano sempre più tollerate e la responsabilità di proteggersi si sposta dal governo all'individuo. Ciò significa che, piuttosto che le agenzie governative impegnate attivamente nel monitoraggio e nell'identificazione dei casi, gli individui stessi saranno responsabili della gestione del rischio della malattia e della ricerca di cure.


quanto vale Reese Witherspoon

Inoltre, anche la risposta sociopolitica alla malattia può cambiare, con l'investimento nella malattia che diventa istituzionalizzato insieme ai cambiamenti comportamentali che inducono la malattia nelle persone. Una volta che le persone diventano consapevoli dei rischi di infezione, modificheranno il loro comportamento e attenueranno le conseguenze.

L'articolo afferma che le malattie epidemiche hanno tipicamente una mortalità e morbilità più elevate rispetto alle malattie endemiche, a causa della mancanza di esperienza e conoscenza clinica, nonché di patogenicità innata. Nel tempo emergono efficaci interventi di prevenzione e cura.



Da non perdere da Explained |Come il Covid-19 ha influenzato l'economia globale

Quando una malattia diventa endemica?

Un modello matematico pubblicato sul Journal of Epidemiology and Community Health afferma che seR0, ovvero la velocità di trasmissione del virus è pari a 1, allora la malattia è endemica. Quando R0>1, implica che i casi sono in aumento e che la malattia alla fine diventerà un'epidemia. Se R0<1, it implies the number of cases of the disease are decreasing.



Qui, R0 si riferisce al numero di persone infette da una persona che ha la malattia.