Spiegato: chi è Naftali Bennett, il nuovo primo ministro israeliano? - Dicembre 2022

La Knesset ha approvato Naftali Bennett come nuovo Primo Ministro israeliano nella tarda serata di domenica sera, ora indiana. Chi è e dove si colloca in termini di ideologia politica?

Israele nuovo primo ministroNaftali Bennett è un ex aiutante di Benjamin Netanyahu. (Foto AP)

Benjamin Netanyahu ha perso la presa a 12 anni al potere quando la Knesset ha approvato Naftali Bennett come nuovo Primo Ministro israeliano domenica sera tardi, ora dell'India.




Cillian Murphy Vale

Netanyahu, il primo ministro israeliano più longevo, è sotto processo per frode e non è riuscito a ottenere il sostegno della maggioranza dopo le elezioni generali del marzo di quest'anno, il quarto voto inconcludente del paese in due anni.

Il nuovo Primo Ministro è un ex aiutante di Netanyahu ed è considerato alla destra del leader uscente. Il centrista Yair Lapid, 57 anni, sostituirà Bennett come primo ministro dopo due anni, se il loro fragile governo sopravviverà fino ad allora.





Bennett e Lapid guidano una straordinaria coalizione di otto partiti che ha partiti sia di sinistra che di destra, laici e religiosi, e che sono uniti essenzialmente solo dal desiderio di togliere Netanyahu dal potere.

Chi è Naftali Bennett?

Bennett, un politico di 49 anni con genitori americani, è un ex imprenditore tecnologico che ha guadagnato milioni prima di passare alla politica di destra e di essere profondamente coinvolto in una posizione politica nazionalista-religiosa.



Alcuni osservatori e giornali in Israele lo hanno etichettato come ultranazionalista per le sue opinioni. Bennett, leader del partito Yamina, ha dichiarato a The Times of Israel questo febbraio: Sono più di destra di Bibi (Netanyahu), ma non uso l'odio o la polarizzazione come strumento per promuovermi politicamente.

Bennett ha recentemente chiesto l'annessione della Cisgiordania occupata. Gli osservatori della sua carriera politica hanno notato che questa è stata, in effetti, la sua posizione in generale da quando è entrato nella scena politica israeliana nel 2013.



Bennett ha lavorato per Netanyahu come assistente senior tra il 2006 e il 2008. Ha lasciato il partito Likud di Netanyahu, tuttavia, dopo che il suo rapporto con l'ex primo ministro si è inasprito.


patrimonio netto di chamillionaire 2018

Dopo essere entrato in politica, Bennett si è allineato con il partito religioso nazionale di destra della Casa Ebraica ed è entrato in Parlamento come suo rappresentante nel 2013.



Anche in Spiegato| Chi è chi nel nuovo governo di coalizione patchwork di Israele?

Qual è la posizione di Bennett in termini di ideologia politica?

Bennett è noto per essere un forte sostenitore dello stato nazionale ebraico e per insistere sulle rivendicazioni storiche e religiose ebraiche in Cisgiordania, Gerusalemme Est e le alture del Golan, territorio vicino al confine israelo-siriano che Israele ha occupato dalla guerra del 1967 .


etnia jesy nelson

Un tempo capo del Yesha Council, un gruppo politico che rappresenta i coloni ebrei, Bennett è stato un sostenitore di lunga data dei diritti dei coloni ebrei in Cisgiordania. Tuttavia, non ha mai sostenuto le rivendicazioni israeliane su Gaza.



Detto questo, Bennett ha adottato una linea dura nei confronti dei militanti palestinesi e ha approvato la pena di morte per loro. Nel maggio di quest'anno, Bennett ha accusato Hamas dell'omicidio di civili a Gaza, che sono stati uccisi negli attacchi aerei israeliani in risposta al lancio di razzi di Hamas da Gaza.

Bennett, ha detto il Times of Israel, non si occupa di boicottare i rivali politici, ma è un uomo del 'campo nazionale' - un uomo di destra fermo e orgoglioso che si opporrà per sempre allo stato palestinese, in ogni circostanza ; che vuole estendere la sovranità israeliana a circa il 60% della Cisgiordania; chi pensa che Israele abbia già rinunciato a troppo della sua terra biblica.



L'ascesa di Bennett a Primo Ministro probabilmente significherà una battuta d'arresto per i palestinesi che sperano in negoziati per la pace e, a un certo punto, uno stato indipendente.