Spiegato: perché i cileni hanno votato a favore della riscrittura della loro costituzione - Gennaio 2022

I cileni hanno anche votato per eleggere un'assemblea di 155 membri per redigere la nuova costituzione. L'organismo non includerà alcun legislatore attivo e avrà un totale di nove mesi, con l'opzione di una proroga una tantum di tre mesi, per finalizzare il nuovo documento.

Una donna batte una pentola mentre reagisce al referendum su una nuova costituzione cilena a Valparaiso, Cile (REUTERS/Rodrigo Garrido)

Dopo un'ondata di proteste prolungate, il popolo cileno havotato a stragrande maggioranzafavorevole alla riscrittura della quasi quarantennale costituzione del paese sudamericano, che risale all'era della dittatura militare sotto il generale Augusto Pinochet.

I manifestanti pro-riforma giubilanti hanno invaso le strade in festa domenica sera dopo che un clamoroso 78% delle persone ha votato 'sì' al referendum che è stato condotto a seguito di manifestazioni di massa contro la disuguaglianza economica in tutto il paese.



I cileni hanno anche votato per eleggere un'assemblea di 155 membri per redigere la nuova costituzione. L'organismo non includerà alcun legislatore attivo e avrà un totale di nove mesi, con l'opzione di una proroga una tantum di tre mesi, per finalizzare il nuovo documento.



Allora, perché sono scoppiate le proteste in tutto il paese?

Settimane di proteste contro la disuguaglianza economica hanno portato alla decisione del presidente cileno Sebastián Piñera di indire il referendum nel novembre dello scorso anno. Le manifestazioni si sono svolte per la prima volta in ottobre, dopo un piccolo aumento delle tariffe ferroviarie della metropolitana nella capitale Santiago.



Ma le proteste guidate dagli studenti che hanno avuto luogo allora erano su scala molto più ridotta. Molti studenti sono stati filmati mentre saltavano sui tornelli senza acquistare i biglietti come atto di protesta. Ma con l'aumentare della tensione e la segnalazione di incendi dolosi e violenze, il presidente Piñera ha dichiarato lo stato di emergenza e ha dispiegato truppe militari per reprimere le proteste.


stipendio di john cryer

Fu dopo che le truppe iniziarono a riempire le strade che migliaia di cittadini cileni comuni si unirono alle manifestazioni e la serie di proteste guidate dai giovani si trasformò in un movimento a tutti gli effetti. La presenza militare ha ricordato ai cittadini più anziani il governo repressivo del generale Pinochet tra il 1973 e il 1990.

Centinaia di migliaia hanno preso d'assalto le strade e chiesto un cambiamento radicale nella loro società. Oltre a una nuova costituzione, i manifestanti hanno anche chiesto riforme nei settori privatizzato dell'istruzione, della sanità e delle pensioni del paese, che secondo loro era la ragione principale della dilagante disuguaglianza economica nel paese.



Almeno 30 persone sono state uccise nei disordini e altre migliaia sono rimaste ferite.

Perché i cileni chiedono in primo luogo riforme costituzionali?

La carta esistente è stata redatta durante il governo del dittatore e capo militare Pinochet senza alcun input popolare. La costituzione è stata approvata in un plebiscito fraudolento tenutosi nel 1980 ed è stata ampiamente accusata delle iniquità che esistono ancora oggi nella società cilena.



La costituzione prevedeva un sistema elettorale che per anni ha limitato il cambiamento politico favorendo gli incumbent e limitando il potere della sinistra nel Paese. Mentre un boom economico negli anni '90 ha ridotto la povertà, ha anche ampliato notevolmente il divario tra ricchi e poveri.


patrimonio netto di deadmau

Pinochet alla fine perse il potere in un referendum del 1988, ma la costituzione dell'era della dittatura sopravvisse. Domenica, i cileni hanno finalmente votato per eliminare la costituzione, una mossa che potrebbe potenzialmente trasformare la politica nel paese, che finora è stato considerato una delle nazioni latinoamericane più stabili e ricche.



Come ha risposto alle proteste il governo guidato da Piñera?

Nonostante le diffuse proteste contro la sua amministrazione tendente ai conservatori, Piñera ha impiegato molte settimane per accettare un referendum nel 2019. Alla fine, il governo ha accettato la riforma costituzionale prima di cedere definitivamente alla richiesta di una nuova costituzione.

A novembre, l'alleanza di governo e l'opposizione insieme hanno pubblicato un 'Accordo per la pace sociale e una nuova costituzione' in 12 punti, che stabiliva i passaggi per riscrivere la costituzione con una maggiore partecipazione dei cittadini. Segui Express spiegato su Telegram

Il referendum era stato programmato in precedenza per aprile, ma è stato successivamente rinviato a ottobre a causa della pandemia di coronavirus in corso.

Dopo il referendum di domenica scorsa, il presidente Piñera si è congratulato con gli elettori per la loro vittoria, ma ha avvertito che questo era solo l'inizio di un processo molto più lungo. A partire da oggi, tutti dobbiamo collaborare affinché la nuova costituzione sia il grande quadro per l'unità, la stabilità e il futuro, ha affermato.

Anche in Spiegato |Le opere d'arte scomparse più famose del mondo, cosa si sa di loro

Cosa hanno votato i cileni?

Durante il referendum tenutosi questa domenica, agli elettori è stato chiesto se volevano una nuova costituzione e anche quale tipo di organismo dovrebbe essere responsabile della stesura della carta rinnovata. Secondo i funzionari elettorali, quasi 7,5 milioni di cileni si sono presentati per votare.


Rachel Hunter Age

Dopo lo scrutinio dei voti, si è riscontrato che il 78 per cento era favorevole alla riscrittura della costituzione, mentre un misero 21,76 per cento ha respinto la modifica. Circa il 79 per cento ha votato a favore dell'elaborazione della nuova costituzione da parte di un organo che sarà interamente eletto dal voto popolare.

Cosa succede dopo?

Come Piñera ha sottolineato all'inizio di questa settimana, il referendum è stato il primo passo di un lungo processo. Gli elettori voteranno ancora una volta l'11 aprile del prossimo anno per eleggere i 155 membri della nuova assemblea costituente.

L'organismo avrà quindi nove mesi per redigere la costituzione, con l'opzione di una proroga di tre mesi. La nuova costituzione sarà poi introdotta a seguito di un altro referendum nel 2022.