Spiegazione: perché la Cina è emersa come epicentro di epidemie globali di malattie - Ottobre 2022

Con una popolazione di quasi 1,4 miliardi e il 50% del bestiame mondiale, l'ecologia della Cina rappresenta un rischio per malattie emergenti, riemergenti e nuove che potrebbero minacciare la Cina e il resto del mondo.

cina, epidemia di coronavirus cina, coronavirus di Wuhan, epidemia di Sars, doseasi epidemica globale, spiegato espresso indianoUfficiali paramilitari che indossano maschere facciali fanno la guardia alla Porta di Tiananmen, mentre il paese è colpito da un focolaio del nuovo coronavirus, a Pechino, Cina, 27 gennaio 2020. (Foto Reuters: Carlos Garcia Rawlins)

Negli ultimi anni in Cina sono emersi diversi nuovi virus mortali: la sindrome respiratoria acuta grave (SARS), l'influenza aviaria e ora il nuovo coronavirus (nCOV). La ragione potrebbe risiedere negli affollati mercati alimentari che punteggiano le città di tutto il paese, dove frutta, verdura, granchi pelosi e carne macellata vengono spesso venduti accanto a ratti di bambù, serpenti, tartarughe e zibetti delle palme. Bancarelle affollate nei mercati affollati, il gusto cinese per le carni esotiche e l'elevata densità di popolazione delle città creano le condizioni per la diffusione delle infezioni zoonotiche, affermano gli esperti.



Infezioni zoonotiche

La relazione tra gli agenti patogeni zoonotici – quelli di origine animale – e le pandemie globali non è nuova. La peste di Giustiniano (541-542 d.C.), la peste nera (iniziata in Europa nel 1347), la febbre gialla in Sud America nel XVI secolo, la pandemia influenzale globale nel 1918 e le pandemie moderne come HIV/AIDS, SARS, e l'influenza A H1N1 triplo-riassortinte hanno una cosa in comune: gli organismi causali sono arrivati ​​all'uomo dagli animali.


dan reynolds tatuaggio

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che a livello globale ogni anno si verificano circa un miliardo di casi di malattie e milioni di decessi per zoonosi, ovvero malattie e infezioni trasmesse naturalmente tra le persone e gli animali vertebrati. Circa il 60% delle malattie infettive emergenti a livello globale sono zoonosi. Degli oltre 30 nuovi agenti patogeni umani rilevati negli ultimi tre decenni, il 75% ha avuto origine negli animali.





Mercati di animali ovunque...

Ovunque vi sia una stretta mescolanza di esseri umani e animali, in particolare la manipolazione non regolamentata di sangue e altri prodotti del corpo, come accade ad esempio nei mercati di animali cinesi, ci sono maggiori possibilità di trasmissione di un virus dagli animali all'uomo e la sua mutazione per adattarsi a il corpo umano, ha detto un funzionario anziano dell'OMS questo sito web di Ginevra.

Non è solo la Cina, ha detto il funzionario. È successo ovunque nel mondo ci sia una mescolanza non regolamentata di umani e animali, selvatici o addomesticati. Il funzionario ha fatto riferimento all'epidemia di Ebola in Africa: lì erano gli scimpanzé selvatici ad avere la malattia. È entrato negli umani dopo che questi sono stati uccisi e consumati. I mercati degli animali sono terreno fertile perché c'è un libero scambio di agenti patogeni tra specie e mutazioni.



cina, epidemia di coronavirus cina, coronavirus di Wuhan, epidemia di Sars, doseasi epidemica globale, spiegato espresso indianoI lavoratori confezionano maschere mediche in una fabbrica a Nantong, nella provincia di Jiangsu, nella Cina orientale, lunedì 27 gennaio 2020. (Foto AP/PTI)

…e soprattutto in Cina

Il dott. KS Reddy, ex professore di AIIMS e presidente della Public Health Foundation of India (PHFI) ha osservato che la maggior parte dei nuovi focolai e delle minacce pandemiche negli ultimi cinquant'anni è derivata da microbi trasmessi dagli animali all'uomo, direttamente o attraverso un altro ospite del serbatoio animale.

La vicinanza agli animali deriva dai mercati di cibo selvatico e dall'allevamento di animali in cattività, con la deforestazione che crea un nastro trasportatore per virus e vettori che si spostano dalla fauna selvatica agli animali in cattività e da questi agli umani. I mercati di cibo selvatico in Cina offrono sia un mix di molti animali che ospitano virus mortali, sia un'opportunità di trasmettere con facilità a folle di umani il cui gusto per una diversità di animali selvatici e di razza stretta fornisce un nastro trasportatore per animali- trasmissione all'uomo. Una volta che il virus riesce a penetrare negli esseri umani che viaggiano e trasportano animali, l'infezione si diffonde, ha affermato il dott. Reddy.



I ceppi più virulenti emergono dalla mutazione che si verifica quando una grande comunità di ospiti umani si offre per una facile trasmissione, ha detto il dott. Reddy. La follia umana apre la finestra ecologica e la genetica microbica coglie l'opportunità. I virus mortali possono quindi giocare a dama cinese saltando da una specie all'altra. Questo accade anche in altre parti del mondo, ma il gusto cinese per i cibi animali esotici e la densità di popolazione lo rendono un ottimo parco giochi per le infezioni zoonotiche, ha affermato.

Leggi | Focolaio di coronavirus: il governo sta valutando l'evacuazione degli indiani bloccati a Wuhan



Ecologia delle infezioni, diffusione

Con una popolazione di quasi 1,4 miliardi e il 50% del bestiame mondiale, l'ecologia della Cina rappresenta un rischio per malattie emergenti, riemergenti e nuove che potrebbero minacciare la Cina e il resto del mondo, afferma l'agenzia federale statunitense Centers for Disease Control e prevenzione (CDC).

Inoltre, la crescente rete mondiale di rotte aeree aumenta notevolmente il rischio che le infezioni si diffondano rapidamente e che potenziali pandemie possano causare malattie, morte e costose interruzioni del commercio globale, afferma il CDC.



L'epidemia di SARS è iniziata nel novembre 2002 nella provincia del Guangdong, nel sud della Cina, e si è diffusa in tutto il mondo. Influenza aviaria di varia provenienza - il virus continua a mutare - è stata ripetutamente segnalata dalla Cina dopo il primo focolaio di influenza aviaria H7N9 del 2013. Nel 2018, un paziente di 68 anni della provincia di Jiangsu è stato infettato dall'H7N4. L'anno scorso si è verificata un'epidemia di influenza aviaria H5N6 a Horgos, nella regione dell'estremo ovest dello Xinjiang.

Sulla scia dell'epidemia di coronavirus di Wuhan, il dottor Takeshi Kasai, direttore regionale per il Pacifico occidentale, l'OMS (sotto il quale cade la Cina), ha scritto: Il campanello d'allarme di questo nuovo anno ci ricorda di essere vigili contro la SARS, l'influenza aviaria e le cause di epidemie più recenti nella regione… In effetti, due delle ultime quattro pandemie influenzali sono iniziate nella regione del Pacifico occidentale, che ospita 1,9 miliardi di persone e un punto caldo per le epidemie di malattie infettive emergenti e disastri naturali. Queste erano minacce che mettevano a rischio la salute e la sicurezza delle persone e lo sviluppo economico... È lecito chiedersi: siamo più al sicuro dalle minacce alla sicurezza sanitaria di quanto lo fossimo dieci anni fa, a seguito della pandemia di influenza H1N1? O di quanto lo fossimo quando la SARS è emersa 17 anni fa?




quanto guadagna bj novak

Da non perdere da Explained | Disinvestimento di Air India: i nuovi termini attireranno investitori?