La leggenda di Padmavati e come leggere oggi quel poema immortale - Febbraio 2023

Non ci sono prove storiche dell'esistenza di Padmavati. La poesia è stata scritta oltre 200 anni dopo gli eventi che pretende di descrivere si sono verificati. La controversia sul film è una battaglia di narrazioni in competizione.

Padmavati, film di Padmavati, sanjay leela bhansali, sanjay leela bhansali schiaffeggiato, leggenda di padmavati, storia di padmavati, regina di Rajput, deepika padukone, ranveer singh, shahid kapoor, vera storia di padmavati, padmini, notizie espresse indiane, spiegatoVandali sul set cinematografico di Sanjay Leela Bhansali la scorsa settimana. Stavano protestando contro la rappresentazione 'distorta' di Padmavati.

Qual è la leggenda di Padmini, la regina di Chittor?



È una storia di amore e lussuria, valore e sacrificio: la celebrazione della volontà di una regina Rajput di morire piuttosto che consegnarsi a un tiranno che la bramava. La storia è stata raccontata nel Padmavat, un lungo poema in lingua awadhi del poeta sufi del XVI secolo Malik Muhammad Jayasi. Ha come personaggi centrali Padmini o Padmavati (o Padumawati, come la chiamava Jayasi), la regina di Chittor, suo marito, Rana Ratansen Singh, e il sultano di Delhi, Alauddin Khalji (trascritto anche come Khilji).

GUARDA IL VIDEO | Il MoS Giriraj Singh sostiene le proteste contro Padmavati del regista Sanjay Leela Bhansali






stipendio di Nicky Hayden

Nei suoi elementi essenziali, la storia è la seguente. (Una delle prime traduzioni edite è The Padumawati di GA Grierson e Mahamahopadhyaya Sudhakara Dvivedi, Bibliotheca Indica, The Asiatic Society of Bengal, Calcutta, 1896) Padmini, la donna perfetta, di bellezza non è mai stata vista sulla Terra, era la principessa di Simhala-dvipa (Ceylon). Aveva un pappagallo parlante di nome Hira-mani (o Hiraman), che leggeva i libri sacri ei Veda insieme a Padmini. Dopo che Hira-mani incorse nell'ira del re di Simhala-dvipa, raggiunse Chittor, dove raccontò al re Ratansen della grande bellezza di Padmavati. Il re, come la leggendaria ape, si innamorò e si recò a Simhala-dvipa, dove sposò Padmini, e dopo un lungo viaggio pieno di prove e avventure, la portò a Chittor.

Alla corte di Ratansen viveva uno stregone chiamato Raghav Chaitanya. Dopo essere stato sorpreso a invocare spiriti oscuri, il re lo bandì dal regno. Pieno di desiderio di vendetta, Raghav si recò alla corte di Alauddin a Delhi e gli parlò della bellezza di Padmini, dopo di che il sultano marciò su Chittor per acquistarla per sé.



Dopo diversi mesi di assedio, Alauddin massacrò decine di migliaia di persone ed entrò nel forte alla ricerca di Padmini. Ma lei e altre donne Rajput avevano commesso jauhar, bruciandosi vive per sfuggire al sultano.

Guarda | Sanjay Leela Bhansali schiaffeggiato e aggredito dai manifestanti sui set di Padmavati a Jaipur




patrimonio netto della metropolitana giovane

Quanto della leggenda è realtà?

Alcuni punti devono essere notati. Uno, il Padmavat fu scritto nel 1540 - Jayasi stesso dice che era nell'anno 947 (Hijira, che corrisponde al 1540 d.C.). Il 1540 è 237 anni dopo la campagna di Chittor di Alauddin del 1303.



Due, Jayasi era patrocinato da Sher Shah Suri e dal suo alleato (contro Humayun, tra gli altri) Jagat Dev, che governava sulle attuali Bhojpur e Ghazipur, a circa 1.200 km da Chittorgarh.

Tre, non ci sono resoconti contemporanei dell'assedio di Alauddin che menzionano Padmavati. Satish Chandra, uno dei medievalisti più importanti dell'India, notò che Amir Khusrau, che accompagnò Alauddin nella cronaca della campagna, non fece menzione di jauhar a Chittor, e nessuno dei contemporanei di Khusrau parlò di Padmavati. Khusrau, tuttavia, fece riferimento a jauhar nel suo resoconto della conquista di Ranthambhore da parte di Alauddin, che precedette immediatamente la campagna di Chittor. La leggenda di Padmini è stata respinta dalla maggior parte degli storici moderni, incluso (il decano della storiografia sul Rajasthan) Gauri Shankar Ojha, ha scritto Chandra.



Mentre ci sono ancora alcuni storici che credono che la storia di The Padmavat sia vera, quasi tutti concordano sul fatto che la marcia di Alauddin su Chittor fosse più un'espressione di un'ambiziosa campagna di implacabile espansione militare di un sovrano piuttosto che la ricerca di un uomo innamorato di una bella donna.

Questo significa che Jayasi ha inventato la storia di Padmini?



Nella terminologia odierna, The Padmavat si qualificherebbe probabilmente per essere chiamato fiction storica o fantasy storico, in cui alcuni personaggi, eventi e situazioni si basano sui fatti, mentre altri sono immaginari. Alauddin, per esempio, invase certamente Chittor e ne seguì un assedio e una battaglia, ma il pappagallo parlante e le avventure di Rana e Padmavati sulla strada da Ceylon al suo regno sono ovviamente fantasia. In effetti, non ci sono prove storiche dell'esistenza della stessa Padmavati. Il poema - originariamente scritto in awadhi ma in caratteri persiani - è intriso di immagini sufi della tradizione filosofica a cui apparteneva Jayasi, e di cui l'amore e il desiderio sono una parte importante. Varie versioni dell'originale seguirono nei secoli dopo Jayasi e furono aggiunti abbellimenti lungo la strada, specialmente nelle versioni propagate nella tradizione bardica del Rajasthan.

Come intendere dunque la polemica sul film di Sanjay Leela Bhansali?

Il gruppo che venerdì ha aggredito Bhansali e vandalizzato il set al forte Jaigarh di Jaipur stava protestando contro una presunta sequenza del film in cui il personaggio di Alauddin Khalji sogna di entrare in intimità con il personaggio di Padmavati. Non consentirebbero alcuna distorsione della storia, hanno affermato i manifestanti: la stessa richiesta è stata successivamente avanzata dal ministro di Stato sindacale Giriraj Singh e dal ministro degli Interni del Rajasthan Gulab Chand Kataria.


dave chappelle patrimonio netto 2016

Lunedì, Shobha Sant, CEO di Bhansali Productions, ha chiarito: Non esiste una sequenza di sogni romantici o una scena discutibile/romantica tra Rani Padmavati e Alauddin Khalji. Non faceva parte della sceneggiatura. Era un equivoco. L'eroina del film, Deepika Padukone, aveva precedentemente twittato, Come Padmavati posso assicurarti che non c'è assolutamente alcuna distorsione della storia. #Padmavati

La questione della distorsione della storia può però sorgere solo dopo che il dibattito sulla storicità di Padmavati si è risolto sulla base dell'evidenza storica. Inoltre, molti altri film sono stati precedentemente accusati di distorcere la storia, tra cui il classico Mughal-e-Azam, Asoka, Bajirao Mastani, Jodhaa Akbar e Mohenjo Daro. Padmavati non è il primo, e probabilmente non sarà l'ultimo.

Le rappresentazioni artistiche di personaggi o situazioni storiche si sono talvolta scontrate con impulsi subnazionalistici o narrazioni esistenti della 'verità'. I recenti attacchi a personaggi storici come Aurangzeb e Tipu Sultan sono stati visti come radicati in una narrativa indù maggioritaria. Giriraj Singh ha affermato lunedì che il film è stato realizzato da coloro per i quali Aurangzeb e tali personalità sono un'icona - il riferimento è alla comprensione popolare dell'imperatore Mughal come tiranno e bigotto. Singh ha affermato che Padmavati è stata ritratta in una cattiva luce perché era un indù.

Condividi Con I Tuoi Amici: