Li Zhensheng: il fotografo che ha documentato la Rivoluzione Culturale - Gennaio 2022

L'opera di Li Zhensheng rimane un'importante fonte di rara documentazione di un periodo segnato da epurazioni, omicidi, anti-intellettualismo e caos in Cina.

Li Zhensheng, che era Li Zhensheng, fotografia di Li Zhensheng, rivoluzione culturale cinese di Li ZhenshengLi Zhensheng (Fonte: red-colornewssoldier.com/Contact Press Images)

Il fotografo cinese Li Zhensheng, noto per i suoi servizi sulla Rivoluzione culturale cinese negli anni '60, è morto all'età di 79 anni a New York City. Il suo lavoro rimane un'importante fonte di rara documentazione di un periodo segnato da epurazioni, omicidi, anti-intellettualismo e caos in Cina.

Sebbene la data esatta della morte di Zhensheng non sia nota, un articolo pubblicato sull'account WeChat dell'Università cinese di Hong Kong Press ha affermato che è morto per un'emorragia cerebrale dopo molti giorni di ricovero in ospedale.




giovane jeezy networth

Chi era Li Zhensheng?

Zhensheng è nato il 22 settembre 1940 nella provincia nord-orientale del Liaoning, che all'epoca era sotto osservazione militare giapponese. Secondo le informazioni sul sito web di Red Color News Soldier - il nome del libro di foto di Zhensheng sulla Rivoluzione Culturale - la madre di Zhensheng è morta quando aveva tre anni e suo fratello maggiore, che era un membro dell'esercito di Mao Zedong, è stato ucciso nella guerra civile .



Nel 1963 trovò lavoro come fotografo presso ilHeilongjiang quotidiano, che coincise con l'inizio del Movimento di Educazione Socialista, a seguito del quale Zhensheng tornò in campagna dove visse con i contadini e studiò il lavoro di Zedong.

Nel maggio 1966, Zedong lanciò la Grande Rivoluzione Culturale Proletaria, ma non fu facile catturare questo movimento date le restrizioni alla rappresentazione di scene negative attraverso la fotografia.



Il nome del suo libro 'Red Color News Soldier', pubblicato nel 2003, deriva dal bracciale rosso delle Guardie Rosse, obbligatorio per essere indossato in modo che potesse fotografare senza molestie. Di conseguenza, non solo ha scattato fotografie di propaganda richieste dal giornale per cui lavorava, ma anche quelle negative, i cui negativi ha nascosto per anni sotto le assi del pavimento del suo appartamento.

Anche così, al culmine della Rivoluzione Culturale, nel settembre 1969, Zhensheng insieme a sua moglie Zu Yingxia furono mandati nel gulag cinese dove trascorsero due anni a fare i lavori forzati. Alla fine tornò al giornale e divenne il capo del dipartimento di fotografia nel 1972.

Cos'è stata la Rivoluzione Culturale?

Dopo il fallimento del Grande balzo in avanti (1968-1962), durante il quale morirono circa 30-45 milioni di persone, Zedong era desideroso di affermarsi dopo essere stato messo da parte nel Partito Comunista Cinese (PCC) e vide una tale opportunità nella Rivoluzione Culturale, un modo per estirpare i revisionisti e i reazionari dalla Cina.




quanto vale darci lynne farmer

L'avviso del maggio 1966 che annunciava la Rivoluzione culturale diceva: L'intero partito deve seguire le istruzioni del compagno Mao Zedong, esporre completamente la posizione reazionaria borghese di queste cosiddette autorità accademiche.

L'espresso indianoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@indianexpress)e rimani aggiornato con gli ultimi titoli

Dal giugno 1966 in poi, le scuole e le università furono chiuse poiché ci si aspettava che i bambini e gli studenti prendessero parte alle attività della Guardia Rossa e furono esortati ad attaccare i controrivoluzionari. Durante questo periodo, milioni di persone furono perseguitate e molti funzionari del partito, considerati nemici, furono incarcerati, torturati o condotti al suicidio.



Secondo Jacques Menasche, che ha contribuito al testo del libro di Zhensheng, nell'autunno del 1966, Zedong era diventato per la maggior parte dei cinesi, un dio vivente reso possibile da canti popolari, editoriali che esaltavano le sue virtù mentre milioni di persone si recavano a Pechino, a volte su piede per intravederlo. Mao ha gestito un controllo così ampio sul paese attraverso una campagna di propaganda di portata senza precedenti, scrive Menasche. La presenza degli slogan di Mao sui muri delle fabbriche e su tutti i giornali, ha portato la sua somiglianza in ogni casa su manifesti, bottoni, tessuti e piatti. Mao era contemporaneamente sempre presente (nell'immagine) e inaccessibile (di persona).

In un'intervista che ha dato aIl New York Timesnel 2018, ha affermato: Nessun altro movimento politico nella storia recente della Cina è durato così a lungo, è stato così diffuso nel suo impatto e così profondo nel suo trauma come la Rivoluzione Culturale.