Controllo dello stato: casi di sommossa di Mumbai innescati dalla demolizione di Babri Masjid - Gennaio 2022

Per cinque giorni, dal 6 al 10 dicembre 1992, e successivamente dal 6 al 21 gennaio 1993, Bombay è stata scossa da disordini e violenze che hanno causato 900 vittime e 2.036 feriti.

Nel tribunale civile e giudiziario della città di Mumbai, sette poliziotti accusati di aver ucciso nove uomini musulmani alla Suleman Bakery il 9 gennaio 1993, stanno affrontando un processo con l'accusa di omicidio. (Archivio espresso)

La demolizione del Babri Masjid ad Ayodhya ha scatenato disordini a Mumbai che hanno provocato molti morti e danni alle proprietà per crore di rupie. Mentre un tribunale speciale CBIha assoltoquelli che erano stati prenotati per la demolizione di Babri Masjid, alcuni casi relativi ai disordini di Mumbai sono ancora in corso. questo sito web spiega lo stato di questi casi:

Quando sono avvenuti i disordini di Bombay?



I disordini sono iniziati in città, allora chiamata Bombay, subito dopo la demolizione del Babri Masjid ad Ayodhya. Il primo incidente violento è stato segnalato alle 21:10 dalla polizia di Mumbai a Jogeshwari. Successivamente, per cinque giorni, fino al 10 dicembre 1992, e successivamente dal 6 al 21 gennaio 1993, Bombay è stata scossa da disordini e violenze che hanno causato 900 vittime e 2.036 feriti.



Quanti casi sono stati archiviati dalla polizia di Mumbai?

Subito dopo le rivolte, la polizia di Mumbai ha archiviato un totale di 2.267 casi. Tuttavia, nel corso degli anni oltre 1.300 casi sono stati classificati come sintesi A e chiusi. I casi sommari sono quelli che sono ritenuti veri ma non rilevati e non giustificano un processo in quanto non ci sono indizi sull'imputato e nessuna prova. Sono stati registrati solo 892 casi, di cui 11 sono stati processati ai sensi della legge sulla prevenzione delle attività terroristiche e di disturbo. In questo, 11 musulmani sono stati condannati per l'incendio del chawl Radhabai in cui sei persone hanno perso la vita. Gli 11 che furono condannati e condannati all'ergastolo nel 1996 furono successivamente assolti dalla Corte Suprema nel 1998.



È stata istituita una commissione d'inchiesta per esaminare i disordini?

Il governo del Congresso nel Maharashtra, il 25 gennaio 1993, ha costituito una Commissione d'inchiesta sotto l'allora 51enne giudice B N Srikrishna per esaminare le cause delle rivolte e scoprire se qualche gruppo di individui o organizzazioni fosse responsabile. Nel 1995, i termini di riferimento sono stati ampliati dal governo Shiv Sena - BJP per includere l'indagine sulla causa delle esplosioni di Bombay del marzo 1993.

Quali sono state le conclusioni della Commissione?



La commissione ha affermato che la fase del dicembre 1992 della rivolta dei musulmani è stata una reazione spontanea di folle musulmane senza leader e infuriate. Ha accusato lo Shiv Sena di aver creato problemi nella fase di gennaio dei disordini del 1992-93. Aveva anche sottolineato la delinquenza della polizia e ha affermato che le prove davanti alla commissione indicavano che il personale di polizia è stato trovato a partecipare attivamente a disordini, incidenti comunali o episodi di saccheggio doloso.

Aveva anche fortemente raccomandato al governo di intraprendere un'azione rigorosa contro 31 agenti di polizia in servizio, incluso l'allora commissario congiunto di polizia R.D.Tyagi, che si era dichiarato colpevole di sparatorie eccessive e non necessarie che avevano provocato la morte di nove musulmani nell'incidente della panetteria di Suleman. Tyagi è stato successivamente dimesso come imputato dal caso. I leader di spicco di Shiv Sena nominati dalla commissione includono Bal Thackeray, Gajanan Kirtikar, Madhukar Sarpotdar e Milind Vaidya.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime



Le raccomandazioni della commissione sono state attuate?

I governi successivi, compreso il Congress NCP e il BJP Shiv Sena, non hanno pienamente attuato le raccomandazioni del rapporto. Tuttavia, con scarsi progressi nel perseguire gli accusati, l'allora alleanza guidata dal Congresso e dal NCP è stata costretta a istituire due tribunali accelerati nel 2008. Un totale di 120 casi sono stati deferiti a questi tribunali. La condanna è stata ordinata in sette di questi casi, inclusi 20 rivoltosi indù. Successivamente, i ricorsi hanno portato alle assoluzioni di quasi tutti.




patrimonio netto christian bale

Leggi anche |Idee spiegate: perché il verdetto di demolizione di Babri Masjid viene visto come ingiusto?

Qualche politico è stato condannato per il suo ruolo nelle rivolte di Bombay?

L'unica condanna maggiore è stata quella dell'ex membro del parlamento di Shiv Sena Madhukar Sarpotdar e di due Shiv Sainik, Ashok Shinde e Jaywant Parab, per aver tenuto discorsi incendiari e per incitamento alla violenza tra due comunità. I tre sono stati condannati a un anno di reclusione semplice insieme a una multa di 5.000 rupie ciascuno. Sono stati immediatamente concessi la libertà su cauzione per fare appello e Sarpotdar è morto mentre l'appello veniva ascoltato. Una corte d'udienza ha successivamente ridotto la durata degli altri due accusati a due mesi.

Ci sono casi di rivolte che si stanno ancora ascoltando?

Nel tribunale civile e giudiziario della città di Mumbai, sette poliziotti accusati di aver ucciso nove uomini musulmani alla Suleman Bakery il 9 gennaio 1993, stanno affrontando un processo con l'accusa di omicidio. Il processo è iniziato solo nell'agosto dello scorso anno con meno di dieci testimoni che hanno deposto fino a marzo, quando il blocco ha bloccato il procedimento. Inizialmente, 17 poliziotti, tra cui l'allora JCP Crime R D Tyagi, sono stati nominati nel caso. Mentre dieci sono stati dimessi, sette stanno affrontando il processo.

Un altro appello pendente davanti all'Alta Corte di Bombay è quello dell'incidente di Hari Masjid in cui sono state uccise sei persone.

Lo scorso febbraio, su una petizione in attesa da tempo presentata dall'avvocato di Mumbai Shakil Ahmed, la Corte Suprema ha chiesto una risposta dettagliata al governo del Maharashtra nei confronti di ciascuno degli agenti di polizia contro i quali la commissione aveva raccomandato un'azione. Anche la petizione è pendente.