AC ai tempi del COVID: apprensioni e cosa dicono le linee guida - Ottobre 2022

Il governo ha emanato linee guida generali sull'uso dei condizionatori d'aria. Questi sono limitati alla temperatura e all'umidità relativa nel contesto del virus.

AC ai tempi del COVID: le apprensioni e cosa dicono le linee guidaL'umidità nell'aria svolge un ruolo primario nel dimostrare la protezione contro le infezioni respiratorie. (Fonte: Getty Images)

Con l'arrivo dell'estate durante un'epidemia, una domanda che viene posta è se le persone dovrebbero stare attente all'uso dei condizionatori d'aria. Un certo numero di ricercatori ha previsto che è improbabile che il nuovo coronavirus sopravviva alle alte temperature.



Inoltre, uno studio condotto da ricercatori cinesi ha concluso che la trasmissione delle goccioline è stata provocata dalla ventilazione con aria condizionata. Non molti altri studi, tuttavia, hanno associato l'uso di AC alla diffusione del coronavirus.

Il governo ha emanato linee guida generali sull'uso dei condizionatori d'aria. Questi sono limitati alla temperatura e all'umidità relativa nel contesto del virus.





Quali sono le linee guida?

Le linee guida compilate dalla Indian Society of Heating Refrigeration and Air Conditioner Engineers (ISHRAE) affermano che durante il funzionamento dei condizionatori domestici è necessario mantenere una temperatura compresa tra 24-30°C e che i livelli di umidità relativa nell'intervallo 40%-70% sono ritenuto più idoneo.



ISHRAE cita i dati di uno studio che ha esaminato la trasmissione del coronavirus in 100 città della Cina. Lo studio aveva indicato che l'alta temperatura e l'elevata umidità riducono significativamente la trasmissione dell'influenza.

Studi condotti a vari livelli di umidità relativa hanno dimostrato che l'utilizzo di metodi di coltura virale a basse temperature (7–8°C) erano ottimali per la sopravvivenza dell'influenza nell'aria, con la sopravvivenza del virus che diminuisce progressivamente a temperature moderate (20,5–24 °C) e diminuisce ulteriormente a temperature più elevate ( temperature superiori a 30 °C). Secondo alcuni studi recenti, SARS-CoV-2 è stato trovato altamente stabile sulle superfici per 14 giorni a 4°C; è stato necessario un giorno a 37 ° C e 30 minuti a 56 ° C per inattivare il virus, afferma ISHRAE.



Qual è il significato dell'intervallo di umidità stabilito?


patrimonio netto di harold prince

Si ritiene che l'umidità relativa influisca sull'infettività del coronavirus. L'umidità nell'aria svolge un ruolo primario nel dimostrare la protezione contro le infezioni respiratorie. Nel tratto respiratorio superiore, superfici umide con strati mucosi raccolgono particelle più grandi prima che entrino nella trachea e nella faringe; nel tratto respiratorio inferiore, i bronchi e gli alveoli intrappolano piccole particelle.



Quando respiriamo aria secca, anche la mucosa dei polmoni diventa secca; il fluido sopra il rivestimento delle cellule diventa più viscoso e le ciglia, i piccoli capelli che proteggono i nostri polmoni dall'insediamento profondo delle particelle, sono rese disfunzionali in modo che le particelle si depositino più profondamente nei polmoni. I livelli di umidità del 40-70% sono considerati l'intervallo più ideale per gli esseri umani per combattere gli agenti patogeni. ISHRAE osserva inoltre che gli studi indicano che l'80% di umidità relativa tende a neutralizzare il virus COVID-19.

Le linee guida affermano che in un clima secco, l'umidità relativa non dovrebbe scendere al di sotto del 40%. L'acqua che evapora da una pentola conservata dovrebbe essere conservata nella stanza; questo aumenterà l'umidità se scende al di sotto del 40%.



Tra le altre linee guida, il ricircolo dell'aria fresca da parte dei condizionatori d'aria ambiente deve essere accompagnato dall'aspirazione dell'aria esterna attraverso finestre leggermente aperte e dallo scarico per esfiltrazione naturale. L'aspirazione di aria fresca attraverso un'unità di filtraggio della ventola impedirà l'ingresso di polvere all'esterno (contenente alti livelli di particelle PM10 e PM2,5) e lo scarico attraverso le ventole di scarico della cucina e della toilette mantenute operative, affermano le linee guida.

Qual è lo studio che ha collegato il COVID-19 all'aria condizionata?



È stato condotto dal Guangzhou Center for Disease Control and Prevention, in un ristorante climatizzato che coinvolge tre gruppi familiari. Ha concluso che la trasmissione delle goccioline era provocata dalla ventilazione con aria condizionata e che il fattore chiave per l'infezione era la direzione del flusso d'aria. Lo studio ha fortemente raccomandato di aumentare la distanza tra i tavoli e di migliorare la ventilazione.

I ricercatori hanno studiato 10 pazienti positivi di tre famiglie che avevano mangiato nello stesso ristorante con aria condizionata. La famiglia A, che in precedenza si era recata a Wuhan, ha cenato nel ristorante il 24 gennaio, mentre altre due famiglie – B & C – si sono sedute ai tavoli vicini. Lo stesso giorno, un membro (A1) della famiglia A, ha manifestato l'insorgenza di febbre e tosse ed è stato ricoverato in ospedale; e il 5 febbraio, un totale di altri 9 (4 membri della famiglia A, 3 membri della famiglia B e 2 membri della famiglia C) si sono ammalati di COVID-19. Lo studio aveva scoperto che l'unica fonte nota di esposizione per le persone colpite nelle famiglie B e C era il paziente A1 al ristorante.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clic qui per unirti al nostro canale (@ieexplained) e rimani aggiornato con le ultime

La trasmissione del virus in questo focolaio non può essere spiegata dalla sola trasmissione di goccioline. Le goccioline respiratorie più grandi (>5 micron) rimangono nell'aria solo per breve tempo e percorrono solo brevi distanze, generalmente<1 m. The distances between patient A1 and persons at other tables, especially those at table C, were all>1 metro Tuttavia, lo studio ha concluso che un forte flusso d'aria dal condizionatore d'aria potrebbe aver propagato goccioline dalla tabella C alla tabella A, quindi alla tabella B e quindi di nuovo alla tabella C.