Estratto dal libro: Il ritorno del bramino di Ravi Shankar Etteth - Agosto 2022

Progettato come un thriller, il libro è un vivido esempio di avvincente costruzione del mondo. Pubblicato da Westland, puoi leggere un estratto qui

Ungheria, libro in Ungheria Ungheria, lgbtq, divieto di libri in Ungheria, lgbtq in Ungheria, divieto di libri in Ungheria, divieto di libri in Ungheria, indiano espresso, notizie su espresso indianoLeggi l'estratto qui. (Foto: Canva)

In Return of the Brahmin, Ravi Shankar crea un mondo profondamente affascinante. Qui, Ashoka è diventato il sovrano Magadha e deve affrontare un'altra minaccia. Progettato come un thriller, il libro è un vivido esempio di avvincente costruzione del mondo. Pubblicato da Westland, puoi leggere un tranne qui.



Il bramino va in prigione

La stagione sembrava una metafora adatta per l'impero di Ashoka. Sotto il morbido tepore del primo sole invernale giaceva il freddo dell'espirazione himalayana. «Trovare persone che odiano l'imperatore è l'ultimo dei suoi problemi. Ha rovesciato molti re e ne abbatterà altri. Ha imprigionato potenti nobili, ha preso le loro terre e preso ostaggi', ragionò Chandranaga.





«Il Khandapati e il Nirmukh hanno stuzzicato la mia curiosità: troverò il Khandapati da solo». «Come farai? Tornando al servizio?' 'No, diventando un prigioniero.' 'Ma il Khandapati non è in nessuna prigione.'

«Il Nirmukh lo è. Anche se non so quale prigione. Dovrò entrare in ogni prigione importante con una Sala Oscura. Il Khandapati sta facendo di tutto per trovare il vero Nirmukh. Sarà una gara tra lui e me. Una volta trovata la prigione giusta, sarò lì ad aspettare.'



Chandranaga era sbalordito. Si leccò ansiosamente le labbra. 'Ami così tanto Magadha, anche se non lavori più per l'imperatore Ashoka?' La risposta era complicata, ma Chandranaga non aveva bisogno di saperlo. Trovare e distruggere il tormentatore di Ashoka era una promessa che il bramino aveva fatto a qualcuno, ed era la ragione per porre fine al suo esilio autoimposto.



Era passato quasi un anno. Il bramino era nel monastero di Tamralipti, dove era rimasto da quando aveva lasciato il servizio di Ashoka. Ricordò la carrozza che dall'autostrada entrava nei cancelli del monastero. Stava aspettando il visitatore.
'Mi hai trovato', aveva detto entrando nella biblioteca, che era occupata da una figura solitaria che esaminava le pagine di un vecchio tomo polveroso. Le alte finestre ad arco della biblioteca lasciano entrare la luce del sole come un antico almanacco che accoglie la sete di un apprendista. L'aria sapeva di pergamena e legno vecchio e levigato.


quanto vale jim harbaugh

Il bramino ha portato via il libro. «È una vecchia copia del Tipitaka, il libro sacro del buddismo. Generazioni di monaci ci hanno lavorato. Le pagine non possono resistere alla luce del sole', ha detto. 'Questa è una casa di monaci o stregoni?' ridacchiò il visitatore.
'Un po 'di entrambi. Perché sei venuto qui?’ Non c'era ostilità nella sua voce, solo curiosità.

'Mi hai lasciato.' 'Era la cosa giusta da fare.' 'Forse. Ma non è facile trovarti», era stato il colpo di frusta di una risposta. 'No io non sono. Ma tu trovi sempre me, come io trovo sempre te.' Dopo una conversazione durata fino a notte fonda, il visitatore se n'era andato. Il giorno dopo, il capo delle spie aveva sellato il suo possente cavallo da guerra, Garuda, e aveva intrapreso il lungo viaggio alla ricerca del Khandapati. Chandranaga interruppe i suoi pensieri. 'Come diventerai prigioniero, padrone?' chiese. ‘Non commetti crimini; tu catturi i criminali.'



«Con l'aiuto di Daarya. Quasi tutti i re vassalli dell'imperatore saranno felici di obbligarla con una cella per me in uno dei loro bandhanagraha. È stata assunta da loro ad un certo punto della loro vita. Conosce tutti i loro segreti. I loro regni sono ora sotto Magadha, ma nominalmente sono ancora i governanti. Con la loro collaborazione, può farmi entrare in qualsiasi prigione io scelga.' 'Stai parlando del vishkanya Daarya? La sua unica attività è il sesso e la morte.» «Molto spesso sono la stessa cosa. È il paradiso per alcuni e la perdizione per altri.' 'Daarya è il male. È la vishkanya più potente del mondo, una fanciulla velenosa creata dallo stesso Chanakya.' 'Date troppo credito alla vecchia volpe.'

Progettato come un thriller, il libro è un vivido esempio di avvincente costruzione del mondo.

I vishkanya sono assassine che avvelenano le loro vittime durante l'amore. Scelti durante l'infanzia dai capi delle spie per la loro bellezza e intelligenza, sono addestrati a sedurre e uccidere uomini, e talvolta donne. Per anni, vengono nutriti con dosi misurate di veleno e gli antidoti prescritti per loro negli antichi manuali di assassinio, finché non diventano immuni. Non tutti
loro sopravvivono però. I corpi di alcune di queste bambine non possono assorbire le tossine. Alcuni studenti si avvelenano accidentalmente.



'È saggio chiedere l'aiuto di Daarya?' Chandranaga sembrava ansioso. Ai sensi allenati del bramino, il comandante sembrava preoccupato non solo per la sicurezza dell'ex capo delle spie. Ha deciso di stare al gioco. «Daarya non morde, comandante, anche se si dice che i suoi morsi siano deliziosi.» «Vuoi dire che ci sono uomini sopravvissuti ai persiani...» Chandranaga si morse la lingua.

Il bramino gli lanciò un'occhiata tagliente. Poi ha cambiato argomento. 'Ora che il governatore di Campa è stato ucciso dai banditi, posso suggerire un sostituto?' L'ex capo delle spie si guardò alle spalle. Il damerino si era alzato dal suo posto per appoggiarsi alla porta, osservando i due uomini. Chandranaga divenne nervoso. Uscì di nuovo in cortile. Il bramino lo seguì.



'Da quello che ho sentito laggiù, sei a corto di un governatore della prigione', ha ricordato il bramino a Chandranaga. Il guerriero grugnì infelice. 'Ho una soluzione. 'Il bramino si rivolse al dandy. «In vena di guai, mio ​​signore? Che ne diresti di gestire una prigione?» Uno splendido castrone pezzato corse dietro l'angolo e si fermò di colpo davanti a lui, sbuffando sbuffi di fiato. Il dandy si strofinò affettuosamente il muso.

'Chandranaga, incontra Lord Arrian, mio ​​buon amico.' Il dandy salutò il guerriero con una voce gentile e colta. «Sono pronto, comandante Chandranaga. Conducimi al bandhanagraha di Campa, perché il mio cuore è spezzato e mi piacerebbe un po' di solitudine.' Disagio e curiosità si alternarono sul volto di Chandranaga. «Non ne sono sicuro, padrone», obiettò. 'E se l'imperatore venisse a sapere di questo appuntamento non pianificato?'


collezione di auto di nick cannon

La voce del bramino divenne improvvisamente dura. 'Assicurati che non lo faccia, Chandranaga.' Il guerriero annuì. Almeno questo finto governatore era un aristocratico e non un bandito con un grande senso dell'abbigliamento. Urlò ai suoi uomini, che uscirono cautamente dalla locanda: la presenza del bramino era scoraggiante. Chandranaga indicò Arrian e annunciò: 'Usando la mia autorità come Guardiano della Strada Imperiale, nomino Lord Arrian come governatore della prigione di Campa, fino a quando Pataliputra non manderà un sostituto.” Chandranaga non era sicuro di avere l'autorità, ma era il meglio che poteva pensare al momento. 'Tu, tu, tu e tu', indicò quattro soldati, 'sarete le guardie del corpo di Lord Arrian. Lo porterai sano e salvo alla prigione di Campa e lo prenderai
sistemato.'

Tratto con il permesso da Return of the Brahmin di Ravi Shankar Etteth, pubblicato da Westland Publications, giugno 2021.