Spiegato: il coronavirus può essere trasportato nell'aria negli ambienti chiusi, conferma l'OMS. Ora cosa? - Giugno 2022

Nel brief, l'OMS ha formalmente riconosciuto la possibilità che il nuovo coronavirus possa rimanere nell'aria in spazi chiusi affollati, dove la trasmissione di aerosol a corto raggio... non può essere esclusa.

OMS, covid 19 in volo, covid diffuso ac, coronavirus diffuso nellL'OMS ha formalmente riconosciuto la possibilità che il nuovo coronavirus possa rimanere nell'aria in spazi chiusi affollati, dove la trasmissione di aerosol a corto raggio... non può essere esclusa. (Foto espresso: Amit Chakravarty)

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) giovedì (9 luglio) ha pubblicato una versione aggiornata del suo documento scientifico del 29 marzo, 'Modalità di trasmissione del virus che causa COVID-19: implicazioni per le raccomandazioni sulle precauzioni per la prevenzione e il controllo delle infezioni (IPC)', che ha affermato incluse nuove prove scientifiche disponibili sulla trasmissione di SARS-CoV-2, il virus che causa il Covid-19.

Nel brief, l'OMS ha formalmente riconosciuto la possibilità che il romanzoil coronavirus può rimanere nell'aria in ambienti chiusi affollati, dove la trasmissione di aerosol a corto raggio... non può essere esclusa.



Il brief aggiornato è arrivato tre giorni dopo che un gruppo di 239 scienziati provenienti da 32 paesi ha pubblicato un commento intitolato 'È ora di affrontare la trasmissione aerea di COVID-19', in cui ha lanciato un appello alla comunità medica e alle autorità nazionali e organismi internazionali per riconoscere il potenziale di diffusione per via aerea di COVID-19.



In precedenza, martedì (7 luglio), un giorno dopo la pubblicazione della lettera aperta degli scienziati, Maria van Kerkhove, responsabile tecnico dell'OMS sulla pandemia, aveva affermato durante il briefing quotidiano sulle notizie sul Covid-19 che si stava parlando della possibilità della trasmissione per via aerea e per aerosol come una delle modalità di trasmissione del virus.

Allora, cosa ha detto l'OMS nel suo brief aggiornato?

Riferendosi a diversi studi recenti, l'OMS ha affermato che alcuni focolai verificatisi in spazi chiusi affollati suggeriscono la possibilità di trasmissione di aerosol, sebbene combinata con la trasmissione di goccioline. Tali situazioni si sono verificate durante le prove del coro, nei ristoranti o durante le lezioni di fitness.



Secondo l'OMS, in questi eventi, non può essere esclusa la trasmissione di aerosol a corto raggio, in particolare in specifici luoghi interni, come spazi affollati e inadeguatamente ventilati per un periodo di tempo prolungato con persone infette.

C'è, tuttavia, un avvertimento: l'OMS non pensa che anche in queste situazioni il virus sia stato trasmesso esclusivamente per via aerea.

Il brief dell'OMS afferma ancora che le indagini dettagliate su questi cluster suggeriscono che la trasmissione di goccioline e fomiti potrebbe anche spiegare la trasmissione da uomo a uomo all'interno di questi cluster.



La trasmissione attraverso le goccioline respiratorie, quando una persona infetta tossisce, starnutisce, parla o canta, è ancora considerata la principale modalità di trasmissione del virus.

Anche in Spiegato: Cosa ci dice uno studio su 17 milioni di persone sui decessi per Covid-19

La trasmissione del fomite, d'altra parte, si riferisce alla trasmissione attraverso superfici infette, come maniglie delle porte, pulsanti dell'ascensore, corrimano, telefoni, interruttori, penne, tastiere e, se non disinfettate, persino lo stetoscopio di un medico.



Ma ciò che è importante è che l'OMS ha precedentemente affermato che la trasmissione del virus per via aerea non è un problema al di fuori delle situazioni in cui gli operatori sanitari sono impegnati in determinate procedure mediche che generano aerosol.

E mentre continua ancora a sottolineare che le prove attuali suggeriscono che la trasmissione di SARS-CoV-2 avviene principalmente tra le persone attraverso il contatto diretto, indiretto o stretto con persone infette attraverso secrezioni infette come saliva e secrezioni respiratorie, o attraverso le loro goccioline respiratorie, il nuovo brief riconosce che la trasmissione di aerosol può avvenire anche al di fuori delle strutture mediche.



Il nuovo brief, tuttavia, non affronta la questione dei relativi contributi della trasmissione per goccioline, fomiti e aerosol alla diffusione del Covid-19. Non ci sono ancora prove sufficienti, suggerisce.

Dice: è necessaria un'urgente ricerca di alta qualità per chiarire l'importanza relativa delle diverse vie di trasmissione; il ruolo della trasmissione aerea in assenza di procedure di generazione di aerosol; la dose di virus necessaria per la trasmissione; le impostazioni e i fattori di rischio per gli eventi di superspreading; e l'entità della trasmissione asintomatica e presintomatica.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Ma il fatto che la trasmissione dell'aerosol possa effettivamente avvenire – come è stato sottolineato dai 239 scienziati che hanno scritto la lettera aperta, e ciò che l'OMS ha ora riconosciuto – è una nuova rivelazione?

Ci sono già state alcune prove della trasmissione di aerosol nella ricerca.

*Uno dei primi studi, pubblicato su Nature, è stato condotto presso il Renmin Hospital e il Wuchang Fangcang Field Hospital di Wuhan. Ha studiato la natura aerodinamica del virus SARS-CoV-2 misurando il suo RNA virale negli aerosol.

Questo studio ha rilevato che la concentrazione del virus negli aerosol rilevati nei reparti di isolamento e nelle stanze dei pazienti ventilati era molto bassa, ma era più alta nelle aree dei servizi igienici utilizzate dai pazienti.

I livelli di RNA SARS-CoV-2 nell'aria nella maggior parte delle aree pubbliche non erano rilevabili, tranne che in due aree soggette ad affollamento, afferma lo studio. Sebbene non abbiamo stabilito l'infettività del virus rilevato in queste aree ospedaliere, proponiamo che SARS-CoV-2 possa avere il potenziale per essere trasmesso attraverso aerosol.

*Ad aprile, una corrispondenza pubblicata su NEJM da ricercatori dell'Istituto nazionale statunitense di allergie e malattie infettive negli Stati Uniti ha valutato la stabilità di SARS-CoV-2 (e SARS-CoV-1, che causa la SARS) negli aerosol e su vari superfici.

Anche in Spiegato: L'asma aumenta il rischio Covid-19? Lo studio suggerisce di no


patrimonio netto di mel blanc

Ha scoperto che SARS-CoV-2 è rimasto vitale negli aerosol per tutta la durata dell'esperimento che è durato tre ore. I nostri risultati indicano che la trasmissione di aerosol e fomite di SARS-CoV-2 è plausibile poiché il virus può rimanere vitale e infettivo negli aerosol per ore, afferma lo studio.

L'OMS era quindi in disaccordo con questi risultati. …La scoperta del virus COVID-19 in particelle di aerosol fino a 3 ore non riflette un ambiente clinico in cui vengono eseguite procedure di generazione di aerosol, cioè, questa era una procedura di generazione di aerosol indotta sperimentalmente, aveva detto.

*A maggio, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno pubblicato uno studio intitolato High SARS-CoV-2 Attack Rate Following Exposure at a Choir Practice. I ricercatori, che hanno studiato gli eventi di superspreading, hanno scoperto che dopo una pratica corale di 2,5 ore frequentata da 61 persone, incluso un paziente indice sintomatico, si sono verificati 32 casi secondari di Covid-19 confermati e 20 probabili; tre pazienti sono stati ricoverati in ospedale e due sono morti.

Lo studio ha rilevato che l'atto stesso del canto potrebbe aver contribuito alla trasmissione attraverso l'emissione di aerosol, che è influenzato dal volume della vocalizzazione. Alcune persone, note come superemettitori, che rilasciano più particelle di aerosol durante il discorso rispetto ai loro coetanei, potrebbero aver contribuito a questo e agli eventi di super diffusione del COVID-19 precedentemente segnalati, ha affermato.

… L'emissione di aerosol durante il discorso è stata correlata con il volume della vocalizzazione e alcune persone, che rilasciano un ordine di grandezza in più di particelle rispetto ai loro coetanei, sono state definite superemettitori e si è ipotizzato che contribuiscano a eventi di superemissione. I membri hanno avuto un'esposizione intensa e prolungata, cantando seduti a 6-10 pollici l'uno dall'altro, possibilmente emettendo aerosol, ha detto.

Come cambia la vita per te e me adesso? Cosa significa il fatto che la trasmissione aerea è possibile?

Fondamentalmente significa che indossare una maschera diventa ancora più importante di prima.

Potrebbe essere possibile che le maschere N-95, utilizzate dai medici in ambito ospedaliero, possano ora essere raccomandate per prevenire la trasmissione di aerosol, in base alla disponibilità e alle condizioni di salute di una persona.

Nella sua sezione su 'Come prevenire la trasmissione', il brief dell'OMS affermava che oltre al lavaggio delle mani e al distanziamento fisico, si dovrebbero evitare luoghi affollati, ambienti a stretto contatto e spazi confinati e chiusi con scarsa ventilazione e indossare maschere in tessuto quando si è chiusi , spazi sovraffollati per proteggere gli altri; e garantire una buona ventilazione ambientale in tutti gli ambienti chiusi e un'adeguata pulizia e disinfezione ambientale.