Spiegazione: come smettere di fumare può invertire il rischio di cancro - Gennaio 2022

Il fumo può causare mutazioni nelle cellule, portando al cancro. Quindi, se un fumatore smette, quanto recupera la sua salute?

Come smettere di fumare può invertire il rischio di cancroUna sigaretta contiene 60 agenti cancerogeni che possono danneggiare o mutare il DNA nel corpo umano e possono causare da 1.000 a 10.000 mutazioni per cellula. (Immagine rappresentativa)

Il fumo può causare mutazioni nelle cellule, portando al cancro. Quindi, se un fumatore smette, quanto recupera la sua salute? Uno studio pubblicato sulla rivista Nature afferma che smettere può aiutare a invertire il potenziale rischio; può ricostituire cellule che possono effettivamente assomigliare a quelle di una persona che non ha mai fumato.

Come il fumo provoca il cancro



Un corpo umano è strutturato per sopportare danni, ma solo per un po' di tempo. Una sigaretta contiene 60 agenti cancerogeni che possono danneggiare o mutare il DNA nel corpo umano e possono causare da 1.000 a 10.000 mutazioni per cellula. Il fumo provoca mutazioni abbastanza costanti nel tempo, che si accumulano gradualmente. Più fumi, più mutazioni hai, ha detto via e-mail Sam M Janes, professore di medicina toracica presso l'University College London Hospital e uno dei 21 autori dello studio.




quanto vale Jonah Hill

Il danno costante alle cellule che rivestono le vie aeree e i polmoni può portare a tumori a polmoni, esofago, laringe e faringe. Il cancro ai polmoni è il più comune e l'80-90% dei decessi dovuti ad esso sono attribuiti al tabacco, secondo lo studio. Le sostanze chimiche contenute nelle sigarette possono anche entrare nel flusso sanguigno e colpire più organi. Può anche causare il cancro al fegato, al pancreas, allo stomaco, ai reni e al sangue, ma questi sono rari. Il fumo provoca anche l'enfisema, il danneggiamento delle sacche d'aria nei polmoni, che è irreversibile.



Cosa ha scoperto lo studio

Ha analizzato le cellule epiteliali bronchiali (prelevate dalle vie aeree vicino ai polmoni) di 16 persone a Londra: tre bambini, quattro persone che non hanno mai fumato, sei ex fumatori e tre fumatori attuali. Da un sequenziamento di 632 cellule bronchiali, i ricercatori hanno identificato le mutazioni del driver come più frequenti nelle persone che fumano o con una storia di fumo.

La mutazione del driver, in termini semplici, è come una cellula biochimica che causa la mutazione e porta al cancro. Negli attuali fumatori, il 25% di cellule è stato trovato portatore di mutazioni del driver. Nessuna di queste mutazioni del conducente è stata trovata nei bambini e nei non fumatori adulti solo il 4-14% delle cellule aveva mutazioni del conducente dovute a vari altri fattori. La scoperta chiave è stata che gradualmente il carico di mutazione cellulare negli ex fumatori diventa simile a quello dei non fumatori.



Janes ha detto: Gli ex fumatori hanno molte cellule con molte mutazioni che i non fumatori non hanno, ma soprattutto una grande frazione delle cellule (fino al 40%) non ha mutazioni, il che significa che le cellule sane stanno gradualmente sostituendo quelle mutate. o cellule danneggiate.

Express Explained è ora su Telegram. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Le implicazioni più ampie



Smettendo di fumare nella mezza età o prima, i fumatori evitano la maggior parte del rischio di cancro ai polmoni associato al tabacco. Questo beneficio inizia a emergere quasi immediatamente e si accumula costantemente nel tempo, osserva lo studio.

Ma non è un cambiamento dall'oggi al domani, ha detto l'oncologo di Nagpur Dr Abhishek Vaidya, che non è stato coinvolto nello studio. Una volta che una persona smette, il rischio cumulativo di cancro continua a diminuire, ha detto Vaidya, che cura una serie di tumori orali.



Da non perdere Explained: perché questo studio di scienziati indiani in Antartide

Tra gli altri medici indiani, il dottor Pankaj Chaturvedi, oncochirurgo della testa e del collo del Tata Memorial Hospital, ha affermato che possono essere necessari almeno 10 anni prima che le mutazioni del driver si riducano nelle cellule umane. Il dottor PC Gupta, direttore dell'Healis-Sekhsaria Institute for Public Health, ha affermato che il rischio di cancro ai polmoni rimane. Gupta ha affermato che entro 24-48 ore dalla cessazione del fumo, le cellule iniziano a ripararsi da sole, sebbene la guarigione sia più lenta se gli organi sono danneggiati.

Il messaggio chiave della ricerca è che smettere di fumare, a qualsiasi età, è importante e riduce rapidamente il rischio di contrarre il cancro ai polmoni. L'enfisema se causato, tuttavia, è irreversibile.