Spiegato: l'India al tavolo alto delle Nazioni Unite - Dicembre 2022

L'India è tornata come membro non permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Uno sguardo ai suoi sette mandati precedenti e quale sarà la sua agenda tra gli eventi riguardanti Cina, Pakistan e Stati Uniti

Hardeep Singh Puri, allora rappresentante permanente dell'India presso le Nazioni Unite, durante l'ultimo periodo dell'India nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel 2011-12. (Twitter/@MEAIndia)

In un momento in cui gli Stati Uniti stanno attraversando una transizione caotica della leadership, la Cina spera di diventare la potenza globale preminente e il Pakistan sta cercando di rastrellare il Kashmir e la situazione dei diritti umani in India, l'India è entrata nella Sicurezza delle Nazioni Unite Consiglio (UNSC) come membro non permanente questo mese. Resterà in consiglio per due anni.



L'India all'UNSC

L'India ha servito sette volte nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

* Nel 1950-51, l'India, in qualità di Presidente dell'UNSC, ha presieduto all'adozione di risoluzioni che chiedevano la cessazione delle ostilità durante la Guerra di Corea e l'assistenza alla Repubblica di Corea.





* Nel 1967-68, l'India ha cosponsorizzato la Risoluzione 238 che estende il mandato della missione delle Nazioni Unite a Cipro.

* Nel 1972-73, l'India spinse con forza per l'ammissione del Bangladesh nell'ONU. La delibera non è stata adottata a causa del veto di un membro permanente.




altezza e peso di dennis rodman

* Nel 1977-78, l'India era una voce forte per l'Africa nell'UNSC e parlava contro l'apartheid. Poi il ministro degli Esteri Atal Bihari Vajpayee parlò all'UNSC per l'indipendenza della Namibia nel 1978.

* Nel 1984-85, l'India è stata una voce di primo piano nell'UNSC per la risoluzione dei conflitti in Medio Oriente, in particolare in Palestina e Libano.



* Nel 1991-92, il Primo Ministro P V Narasimha Rao ha partecipato alla prima riunione a livello di vertice dell'UNSC e ha parlato del suo ruolo nel mantenimento della pace e della sicurezza.

* Nel 2011-2012, l'India è stata un forte vizio per il mondo in via di sviluppo, il mantenimento della pace, l'antiterrorismo e l'Africa. La prima dichiarazione sulla Siria è stata durante la presidenza indiana al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.



Durante il mandato 2011-12, l'India ha presieduto il Comitato 1373 dell'UNSC relativo alla lotta al terrorismo, il Gruppo di lavoro 1566 relativo alla minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale da atti terroristici e il Comitato 751/1907 del Consiglio di sicurezza relativo alla Somalia e all'Eritrea.

L'India ha svolto un ruolo attivo nelle discussioni su tutte le questioni relative alla pace e alla sicurezza internazionali, comprese diverse nuove sfide che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è stato chiamato ad affrontare in Afghanistan, Costa d'Avorio, Iraq, Libia, Sud Sudan, Siria e Yemen. In considerazione della minaccia posta al commercio internazionale e alla sicurezza dalla pirateria al largo delle coste della Somalia, l'India ha promosso la cooperazione internazionale contro i pirati.



Su iniziativa dell'India, il Consiglio di sicurezza ha incaricato la cooperazione internazionale per il rilascio degli ostaggi presi dai pirati, nonché per il perseguimento di coloro che prendono ostaggi e di coloro che favoriscono questi atti.

L'India ha anche lavorato per rafforzare la cooperazione internazionale nella lotta al terrorismo, la prevenzione della proliferazione delle armi di distruzione di massa ad attori non statali e il rafforzamento degli sforzi di mantenimento e costruzione della pace delle Nazioni Unite.



ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Politica all'interno dell'UNSC

I sette mandati precedenti hanno fornito ai diplomatici indiani l'esperienza di come viene condotta la diplomazia in ambito multilaterale.

Chinmaya R Gharekhan, rappresentante permanente dell'India presso le Nazioni Unite durante il periodo 1991-1992 UNSC, ha scritto nel suo libro The Horseshoe Table che i cinque membri permanenti vorrebbero che i membri non permanenti fossero cooperativi e non ostacolassero le risoluzioni importanti .

La maggior parte dei membri non permanenti viene influenzata dai membri P-5, ha scritto Gharekhan. Non volevano irritare i membri permanenti ed erano desiderosi di essere percepiti da loro come 'cooperativi'. Questo era esattamente il modo in cui i membri permanenti vorrebbero che si comportassero i membri non permanenti. Gli indiani presero il loro lavoro più seriamente e di conseguenza dovettero combattere una battaglia solitaria.

Questo fu il momento in cui scoppiò la Guerra del Golfo e l'India votò a favore della risoluzione sponsorizzata dagli Stati Uniti nell'aprile 1991.

Il voto dell'India è stato dettato da considerazioni pragmatiche. Gli americani avevano chiarito all'India, a Washington così come a Nuova Delhi, che il mancato sostegno alla risoluzione avrebbe reso molto difficile per loro aiutare l'India nella Banca mondiale e nel Fondo monetario internazionale, ha scritto Gharekhan. L'India stava attraversando una grave crisi della bilancia dei pagamenti e aveva bisogno di fondi da queste organizzazioni. Inoltre, l'India aveva bisogno degli Stati Uniti dalla sua parte, se e quando si fosse presentata la questione del Kashmir.

Vent'anni dopo, quando l'India divenne di nuovo un membro non permanente dell'UNSC, era economicamente più forte ma doveva ancora negoziare la politica all'interno del Consiglio.

L'allora Rappresentante Permanente dell'India, Hardeep Singh Puri (ora Ministro dell'Aviazione Civile e degli Alloggi dell'Unione) scrisse in Perilous Interventions: The Security Council and the Politics of Chaos: La maggior parte dei diplomatici professionisti si libera della propria innocenza prima di arrivare al tavolo a ferro di cavallo attorno al quale Consiglio di sicurezza si riunisce. Nel mondo reale della politica estera e di sicurezza, i decisori devono invariabilmente confrontarsi con scelte crudeli che sono ugualmente problematiche e si presentano in varie sfumature di pessime. I praticanti sono acutamente consapevoli che è solo l'imballaggio esteriore della diplomazia che si esprime in un impegno per uno scopo morale più elevato. Il perseguimento spudorato di interessi ristretti è molto spesso la motivazione e raramente solleva le sopracciglia nel mondo della diplomazia multilaterale.

Problemi prima dell'India

UNA RIFORMA: New Delhi ha affermato che è essenziale che il Consiglio di sicurezza venga ampliato sia nella categoria permanente che in quella non permanente. Dice che l'India è eminentemente adatta per l'adesione permanente all'UNSC secondo qualsiasi criterio oggettivo, come popolazione, dimensione territoriale, PIL, potenziale economico, eredità di civiltà, diversità culturale, sistema politico e contributi passati e in corso alle attività delle Nazioni Unite, in particolare alle operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite.

TERRORISMO: Lo sforzo internazionale contro il terrorismo è una priorità chiave per l'India all'ONU. Con l'obiettivo di fornire un quadro giuridico completo per combattere il terrorismo, l'India ha preso l'iniziativa di pilotare un progetto di Convenzione globale sul terrorismo internazionale (CCIT) nel 1996. Un testo della Convenzione è in fase di negoziazione nel 6° Comitato dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

L'India ha lavorato a stretto contatto con i suoi partner del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per garantire l'elenco del terrorista con sede in Pakistan Masood Azhar sotto il Comitato per le sanzioni 1267 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (maggio 2019) riguardante al-Qaeda e ISIS e individui ed entità associati, in sospeso dal 2009.

La sfida della Cina

L'India sta entrando nell'UNSC in un momento in cui Pechino si sta affermando sulla scena globale molto più vigorosamente che mai. È a capo di almeno sei organizzazioni delle Nazioni Unite e ha sfidato le regole globali.

Il comportamento aggressivo della Cina nell'Indo-Pacifico e al confine tra India e Cina è stato visibile per tutto il 2020 e Nuova Delhi dovrà pensare in piedi per contrastare Pechino.


quanto vale Hailee Steinfeld

Su richiesta del Pakistan, la Cina ha cercato di sollevare la questione del Kashmir all'UNSC, ma non ha trovato molto sostegno. C'è qualche discussione tra la comunità strategica di Nuova Delhi sul sollevare le questioni di Taiwan, Hong Kong e Tibet all'UNSC. New Delhi valuterà i pro ei contro con i partner su quali passi intraprendere in questa direzione.

Ma la politica polarizzante all'interno dell'India offre una finestra di opportunità ai suoi rivali e apre la possibilità di critiche, specialmente sulle questioni dei diritti umani.

Mentre New Delhi si impegna con gli alleati e gioca le sue carte all'UNSC, terrà conto del consiglio del veterano diplomatico Gharekhan sul Consiglio di sicurezza nel suo libro: Nulla rimane segreto in questa che perde tra tutte le organizzazioni.