Spiegato: I principali sospettati dietro le esplosioni di bombe in Sri Lanka la domenica di Pasqua - Gennaio 2022

Qual è il background del gruppo sospettato di aver effettuato gli attentati? Quali impulsi jihadisti si stanno diffondendo in Sri Lanka e nella più ampia regione dell'Oceano Indiano? Perché i cristiani sono stati presi di mira?

Spiegato: I principali sospettati dietro le esplosioni di bombe in Sri Lanka la domenica di PasquaI parenti di una vittima dell'esplosione sono in lutto fuori da un obitorio a Colombo domenica. (AP)

Chi sono i National Thowheeth Jama'ath, il gruppo sospettato di aver compiuto gli attacchi terroristici coordinati in Sri Lanka a Pasqua?

Non si sa molto dell'NTJ, ma è nel radar della polizia dello Sri Lanka dal 2017, quando il gruppo fondamentalista buddista singalese Bodu Bala Sena, formato nel 2012 ma che sembrava aver perso terreno dopo la sconfitta elettorale del 2015 di Il presidente Mahinda Rajapakse ha ripreso fiato e ha intensificato la sua campagna anti-musulmana. Si dice che l'NTJ, ritenuto un gruppo estremamente radicale, sia una fazione separatista dello Sri Lanka Thowheeth Jama'ath.



Il 26 dicembre 2018, alcune statue del Buddha a Mawanella, nel distretto di Kegalle, nello Sri Lanka centrale, sono state vandalizzate da uomini in motocicletta che trasportavano martelli e altri strumenti. Il primo ministro Ranil Wickremesinghe si è impegnato a denunciare i colpevoli e la polizia si è concentrata sull'NTJ come principale sospettato e ha arrestato sette persone.



Durante la ricerca di altri due sospetti, la polizia si è imbattuta in un enorme deposito di esplosivi e detonatori sepolto in una tenuta di 80 acri di cocco a Wanathawilluwa, distretto di Puttalam, a nord di Colombo. Secondo il Sunday Times dello Sri Lanka, sono stati dissotterrati circa 75 kg di nitrato di ammonio e clorato di potassio e sei lattine da 20 litri di acido nitrico. Nascosti in un magazzino della tenuta sono stati trovati un fucile da caccia, un fucile ad aria compressa, due tende, pubblicazioni religiose e razioni secche. Sono stati arrestati quattro uomini, che secondo la polizia erano affiliati a un gruppo locale radicalizzato di musulmani.

Leggi | Attacchi di Pasqua: gli attentatori non hanno precedenti penali, lo Sri Lanka guarda a casa una cellula terroristica




hans zimmer networth

Ma niente di tutto questo prediceva la raffinatezza degli attacchi pasquali. I Liberation Tigers of Tamil Eelam erano passati attraverso una curva di apprendimento da rozze rapine in banca e sparatorie mirate a tipi di terrorismo più sofisticati, compresa l'invenzione della bomba umana. Ma l'NTJ, se hanno effettivamente eseguito gli attacchi di domenica, sembra essere passato dall'essere vandali in motocicletta ad aggressori fidayeen di serie A. Questa è una sorpresa, anche se il ministro del governo Rajitha Senaratne ha affermato che l'NTJ ha ricevuto aiuto da un gruppo terroristico internazionale senza nome.

Thowheeth significa l'unicità di Dio, che è il tema centrale dell'Islam. In questo, i gruppi Towheeth sono ideologicamente simili all'ISIS che ha le sue origini nella Jama'at al-Tawhid wal-Jihad, un gruppo che in seguito divenne parte di al-Qaeda. Nel 2016, il governo dello Sri Lanka ha dichiarato al Parlamento che 32 giovani di famiglie benestanti avevano lasciato il Paese per unirsi all'ISIS. Negli ultimi anni, si dice che quel numero sia aumentato ulteriormente. Il numero specifico è incerto.

Spiegato: I principali sospettati dietro le esplosioni di bombe in Sri Lanka la domenica di PasquaFunzionari della scena del crimine ispezionano il luogo dell'esplosione di una bomba all'interno di una chiesa a Negombo, Sri Lanka (Reuters)

Quindi, lo Sri Lanka ha un problema jihadista islamista che finora non è stato ampiamente riconosciuto? C'è un conflitto musulmano-buddista più ampio nel Paese?



I musulmani dello Sri Lanka costituiscono meno del 10% dei 21 milioni di persone del paese. Uno schiacciante 70% della popolazione è singalese-buddista. I cristiani sono sotto il 7%, e sono sia tamil che singalesi. Gli indù sono il 12,6% e sono quasi interamente tamil.
Sebbene non ci siano stati casi di gruppi jihadisti dello Sri Lanka, o singoli jihadisti dello Sri Lanka che si sarebbero uniti alla guerra in Bosnia o in Afghanistan, negli anni '90 di tanto in tanto c'erano preoccupazioni sul fatto che il wahhabismo stesse guadagnando terreno nel paese, specialmente a Batticaloa e Distretti di Ampara nello Sri Lanka orientale, che hanno una significativa popolazione musulmana. Nell'intero distretto orientale, che comprende Trincomalee, i musulmani sono un terzo della popolazione: anche tamil e singalesi sono un terzo ciascuno nella provincia orientale.

Spiegato | Che cosa significa un'emergenza in Sri Lanka

I musulmani dello Sri Lanka parlano tamil, e mentre un tempo si erano schierati politicamente con le Tigri, ci fu una rottura nelle relazioni nel 1990, quando il LTTE sospettò che l'esercito indiano (che era presente in Sri Lanka dal 1987 al 1990 come esercito indiano Peace Keeping Force) aveva reclutato membri della comunità musulmana come spie e continuava a lavorare per le forze armate dello Sri Lanka. Durante la notte, le Tigri hanno sfrattato circa 90.000 musulmani da Jaffna. Molti di loro si sono stabiliti nei campi profughi nel distretto di Puttalam, dove molti vivono ancora oggi.



Una coscienza politica musulmana separata sorse attraverso il Congresso musulmano dello Sri Lanka in quel decennio. L'SLMC ha articolato una richiesta di enclave musulmane separate all'interno di un Tamil nord-est, ma la classe politica tamil, spingendo per l'autonomia politica nel nord-est, non l'ha incoraggiata. Da parte sua, il LTTE ha compiuto attacchi violenti contro i musulmani nel Kattankudy di Batticaloa, uccidendo centinaia di persone in due attacchi alle moschee all'inizio degli anni '90.

Leggi | Sei operai JDS morti nelle esplosioni di Colombo, un disperso



Spiegato: I principali sospettati dietro le esplosioni di bombe in Sri Lanka la domenica di PasquaUn parente di una vittima di un'esplosione è in lutto fuori da un obitorio a Colombo, Sri Lanka (AP Photo)

Poco dopo, nell'area sono emerse nuove moschee che si diceva fossero finanziate dall'Arabia Saudita. Le parole arabe sono entrate nel dialetto tamil parlato dai musulmani in Oriente.

Tuttavia, gruppi come lo Sri Lanka Towheeth Jama'ath e NTJ non esistevano fino a pochi anni fa. Alcuni osservatori vedono la causalità tra l'emergere di questi gruppi e l'ascesa del fondamentalismo buddista nell'atmosfera militarista e nel trionfalismo dello Sri Lanka del dopoguerra . Le questioni irrisolte del dopoguerra si sono aggiunte all'affinamento della coscienza maggioritaria buddista. Era quasi come se gli estremisti buddisti stessero cercando un altro nemico per prendere il posto dei Tamil, che credevano fossero stati completamente soggiogati con la sconfitta del LTTE. Ciò ha portato ad almeno un grave incidente anti-musulmano ogni anno dal 2013. L'anno scorso, a marzo, sono scoppiati gravi scontri, alimentati da voci sui social media. Quella è stata la prima volta che lo Sri Lanka ha reimposto i regolamenti di emergenza dopo averli revocati alla fine della guerra.

LEGGI | Per unire i puntini, la NIA vuole mandare una squadra a Colombo

Se c'è un problema musulmano-buddista nel Paese, perché la minoranza cristiana è stata presa di mira? Quali segnali venivano inviati ea chi?

È qui che non si riesce a trovare la causalità nei motivi locali degli attacchi di domenica. L'attacco ai cristiani, che sono una minoranza ancora più piccola dei musulmani, non si configura come una ricaduta delle tensioni buddista-musulmane. Il targeting delle chiese a Pasqua sembrava progettato per attirare la massima attenzione internazionale, così come il targeting degli hotel a cinque stelle, frequentati da turisti internazionali di fascia alta, diplomatici, professionisti e ricchi srilankesi. Tutti gli hotel ospitavano un consueto e popolare brunch pasquale al momento degli attentati.

In che modo l'estremismo islamista in Sri Lanka si adatta a impulsi simili nella più ampia regione dell'Oceano Indiano, in particolare nelle Maldive?

Le Maldive sono state un paese di maggiore preoccupazione rispetto allo Sri Lanka per quanto riguarda il radicalismo islamista. Si ritiene che più di 200 giovani maldiviani si siano uniti all'ISIS entro la fine di dicembre 2015. Le stime attuali non sono disponibili, ma i numeri sono aumentati. Considerando che le Maldive hanno una popolazione di soli 4.50.000 abitanti, questo è un numero enorme. Gli atolli sono stati a lungo un parco giochi per i predicatori dell'Islam radicale, incoraggiati dalla dittatura di Gayoom.

Spiegato: I principali sospettati dietro le esplosioni di bombe in Sri Lanka la domenica di PasquaL'esercito dello Sri Lanka fa la guardia all'interno di una chiesa dopo un'esplosione a Negombo domenica. (Foto Reuters)

Spiegato | L'India ha inviato l'allarme, ma perché la guardia dello Sri Lanka era abbassata?

Quali sono le conseguenze per l'India di questa situazione riguardo all'estremismo jihadista nella regione dell'Oceano Indiano?

Sul fronte interno, l'India è stata ottimista riguardo alla propria storia di successo multiculturale, che ha impedito alle ideologie islamiche radicali di attecchire. Ci sono state meno di 100 reclute dell'Isis dall'India. Ma l'ascesa del militante Hindutva, gli attacchi ai musulmani e la graduale emarginazione politica della popolazione musulmana indiana sono stati segnalati dagli esperti come potenziali punti critici.

Strategicamente, la destabilizzazione, per qualsiasi ragione, dello Sri Lanka, un paese che l'India considera un caro amico e alleato nonostante i problemi derivanti dagli interessi cinesi in competizione, mina gli interessi dell'India nella regione dell'Oceano Indiano.

C'è qualche legame tra le esplosioni e l'instabilità politica in Sri Lanka?

Il primo ministro Ranil Wickremesinghe ha affermato che esistevano informazioni precedenti sugli attacchi terroristici imminenti nel paese, ma non è stato tenuto al corrente. È chiaro che la disfunzione ai massimi livelli di governo, tra il Primo Ministro e il Presidente Maithripala Sirisena, ha impedito una risposta studiata e seria agli input di intelligence che lo Sri Lanka ha ricevuto dall'India, sulla base dei quali la polizia dello Sri Lanka ha inviato un avvertimento a livello nazionale di attacchi all'Alto Commissariato indiano e alle chiese in tutto il paese.