Spiegazione: importanza degli scritti del premio Nobel Abdulrazak Gurnah sull'esperienza dei rifugiati - Febbraio 2023

La maggior parte dei libri di Abdulrazak Gurnah presenta protagonisti arabi africani che cercano di fare i conti con la dislocazione e l'estraniamento, osservando società e culture su cui la loro presa è debole.

La scrittura di Gurnah esplora l'esperienza dell'immigrazione e come l'esilio e la perdita formino identità e culture. (Ill. Niklas Elmehed Premio Nobel per la divulgazione)

In vista della proclamazione del Premio Nobel per la letteratura di quest'anno, il prestigioso premio - oggetto di polemiche negli ultimi anni - è stato chiamato per la sua mancanza di inclusività e riconoscimento delle scrittrici e delle scrittrici di colore. Giovedì, Abdulrazak Gurnah, 72 anni, nato a Zanzibar e ora residente nel Regno Unito, è diventato il quinto scrittore africano a vincere il premio Nobel per la letteratura , dopo lo scrittore nigeriano Wole Soyinka (1986), l'egiziano Naguib Mahfouz (1988) e gli scrittori sudafricani Nadine Gordimer (1991) e John M Coetzee (2003).




patrimonio netto jewel kilcher

Nella sua citazione, il comitato per il Nobel ha lodato la penetrazione intransigente e compassionevole di Gurnah degli effetti del colonialismo e del destino del rifugiato nel golfo tra culture e continenti.

Il lavoro di Gurnah





L'autore di 10 romanzi e diversi racconti e saggi, tra cui Memory of Departure (1987), Pilgrims Way (1988), Paradise (1994), By the Sea (2001), Desertion (2005), Gravel Heart (2017) e, più di recente, Afterlives (2020), la scrittura di Gurnah esplora l'esperienza dell'immigrazione e come l'esilio e la perdita formino identità e culture.

La maggior parte dei suoi libri presenta protagonisti arabi africani che cercano di fare i conti con la dislocazione e l'estraniamento, guardando a società e culture su cui la loro presa è debole. Ad esempio, Paradise, selezionato per il Booker Prize, fa riferimento a Heart of Darkness (1902) dello scrittore modernista britannico Joseph Conrad, poiché il suo protagonista Yusuf diventa maggiorenne in un momento di violenta espansione coloniale nell'Africa orientale alla fine del XIX secolo.



Nella maggior parte delle sue opere, Gurnah rifugge dalla nostalgia e capovolge i tropi di genere per mostrare la tensione e l'insicurezza latenti nelle sabbie in costante movimento dello spostamento. In By the Sea, un altro romanzo nominato per il Booker Prize, esplora la lotta del rifugiato per ricordare e per dimenticare.

Un membro dello staff espone una pila di copie di Afterlives del romanziere originario di Zanzibar Abdulrazak Gurnah nella vetrina di una libreria a Londra. (AP)

È difficile sapere con precisione come le cose siano diventate come sono, poter dire con una certa sicurezza che prima è stato questo e poi ha portato a quello e all'altro, ed ora eccoci qui. I momenti scivolano tra le mie dita. Anche mentre li racconto a me stesso, posso sentire gli echi di ciò che sto sopprimendo, di qualcosa che ho dimenticato di ricordare, che poi rende così difficile il racconto quando non desidero che sia così, dice uno dei narratori, Saleh, un musulmano della Tanzania che chiede asilo nel Regno Unito con un visto contraffatto in nome del suo nemico giurato.



Per uno scherzo del destino, la persona delegata ad aiutarlo a stabilirsi nel nuovo paese è il figlio di quell'uomo, e nei loro aspri, aspri litigi, la tensione tra il vecchio mondo e il nuovo prende forma.

Ambientato all'inizio del XX secolo, prima che il dominio tedesco sull'Africa orientale finisse nel 1919, Afterlives, l'ultimo lavoro di Gurnah, parte dalla premessa di Paradise ed esplora il destino di Hamza, un giovane arabo africano che viene arruolato per combattere per i tedeschi in Prima guerra mondiale.



Anche in Spiegato| Primo Nobel per la scienza del clima

Sfondo

Gurnah è nato a Zanzibar sull'Oceano Indiano nel dicembre 1948, quando era ancora governato dagli inglesi. Nel 1963, quando l'arcipelago ottenne l'indipendenza, sarebbe entrato in una fase di disordini civili e conflitti interni tra la sua minoranza araba che era al potere e la maggioranza africana. Nel 1964, la rivoluzione di Zanzibar avrebbe visto il rovesciamento del monarca costituzionale, il sultano Jamshid Bin Abdullah, e dei suoi funzionari prevalentemente arabi da parte di rivoluzionari africani di sinistra.



Nelle sue sanguinose conseguenze, quando Zanzibar divenne la Repubblica Unita della Tanzania, gli arabi e altre minoranze furono perseguitate spietatamente, con alcune stime che portavano il bilancio delle vittime a circa 20.000.

Gurnah lasciò l'isola nel 1968 a 18 anni e si trasferì in Gran Bretagna, un rifugiato in cerca di un rifugio sicuro. Non avrebbe potuto tornare a casa e incontrare la sua famiglia fino al 1984, quando avrebbe incontrato suo padre poco prima che questi morisse.




jimmy iovine worth

Premio Nobel per l'Economia| Primo premio per l'economia del lavoro

Anche se lo swahili è la sua lingua madre, quando ha iniziato a scrivere a 21 anni, Gurnah gravitava verso l'inglese, la lingua della sua educazione. Ha conseguito il dottorato di ricerca presso l'Università del Kent, Canterbury, dove è stato professore di letteratura inglese e postcoloniale fino al suo recente pensionamento. Il suo lavoro accademico si è concentrato sulla letteratura post-coloniale e diasporica, con particolare enfasi, cita il sito web del Nobel, su scrittori come Soyinka, Ngũgĩ wa Thiong'o e Salman Rushdie.

Lo scrittore tanzaniano Abdulrazak Gurnah torna nella sua casa di Canterbury. (AP)

Nei suoi scritti e nelle sue interviste, Gurnah ha parlato a lungo di aver tratto ispirazione dalla cosmopolita Zanzibar della sua infanzia, dove una moltitudine di lingue, religioni e culture hanno prosperato fianco a fianco e che trovano espressione attraverso l'infarinatura di swahili, arabo, hindi e tedesco che compaiono nel suo lavoro.

Ispirazione

Nel suo saggio del 2004 Writing and Place, Gurnah scrive: ...quando sono uscito di casa, le mie ambizioni erano semplici. Era un periodo di difficoltà e ansia, di terrore di stato e umiliazioni calcolate, e a 18 anni tutto ciò che volevo era partire e trovare sicurezza e appagamento da qualche altra parte. Non avrei potuto essere più lontano dall'idea di scrivere. Iniziare a pensare in modo diverso alla scrittura in Inghilterra qualche anno dopo aveva a che fare con l'essere più vecchi, pensare e preoccuparsi di cose che prima sembravano semplici, ma in gran parte aveva a che fare con la sensazione opprimente di stranezza e differenza che sentivo lì .


patrimonio netto di elise ecklund

Anche in Spiegato| La catalisi e come ha aiutato i vincitori del Nobel per la chimica 2021

C'era qualcosa di esitante e di brancolare in questo processo. Non che fossi consapevole di quello che mi stava succedendo e decisi di scriverne. Ho cominciato a scrivere casualmente, con una certa angoscia, senza alcun senso del piano ma spinto dal desiderio di dire di più. Col tempo, ho iniziato a chiedermi che cosa stavo facendo, quindi ho dovuto fermarmi e riflettere. Poi mi sono reso conto che stavo scrivendo a memoria, e quanto vivido e travolgente fosse quel ricordo, quanto lontano dall'esistenza stranamente senza peso dei miei primi anni in Inghilterra.

Quella stranezza intensificava il senso di una vita lasciata alle spalle, di persone abbandonate casualmente e sconsideratamente, un luogo e un modo di perdermi per sempre, come sembrava in quel momento. Quando ho iniziato a scrivere, quella vita perduta era ciò di cui scrivevo, il luogo perduto e ciò che ne ricordavo.

Importanza ora

In un momento in cui la crisi globale dei rifugiati è in aumento esponenziale, il lavoro di Gurnah attira l'attenzione su come il razzismo e il pregiudizio contro le comunità e le religioni prese di mira perpetuino le culture dell'oppressione.

Premio Nobel per la pace 2021| Giornalisti indipendenti che hanno difeso la libertà di espressione

Nella sua nota bio-bibliografica, scrive Anders Olsson, presidente del Comitato Nobel, l'Accademia svedese, la dedizione di Gurnah alla verità e la sua avversione alla semplificazione sono sorprendenti. Questo può renderlo cupo e intransigente, mentre segue il destino degli individui con grande compassione e impegno inflessibile.

I suoi romanzi si ritraggono dalle descrizioni stereotipate e aprono il nostro sguardo su un'Africa orientale culturalmente diversificata, sconosciuta a molti in altre parti del mondo. Nell'universo letterario di Gurnah, tutto sta cambiando: ricordi, nomi, identità. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che il suo progetto non può raggiungere il completamento in alcun senso definitivo.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

Condividi Con I Tuoi Amici: