Spiegazione: lettura del verdetto di SC sui diritti ereditari delle donne indù - Giugno 2022

Un tribunale di tre giudici guidato dal giudice Arun Mishra ha stabilito che il diritto di una donna indù di essere coerede della proprietà ancestrale è per nascita e non dipende dal fatto che suo padre fosse vivo o meno quando la legge è stata promulgata nel 2005.

Sentenza della Corte Suprema sullLa Corte Suprema dell'India.

Martedì, la Corte Suprema ha ampliato il diritto di una donna indù ad essere aerede legale congiunto ed ereditare la proprietà ancestralea condizioni pari agli eredi maschi.

Qual è la sentenza?



Un tribunale di tre giudici guidato dal giudice Arun Mishra ha stabilito che il diritto di una donna indù di essere coerede della proprietà ancestrale è per nascita e non dipende dal fatto che suo padre fosse vivo o meno quando la legge è stata promulgata nel 2005. La legge sulla successione (emendamento) del 2005 ha conferito alle donne indù il diritto di essere coparceneri o coeredi legali allo stesso modo di un erede maschio. Poiché il coparcenario è di nascita, non è necessario che il padre coparcenario sia in vita come il 9.9.2005, afferma la sentenza.



Qual è la legge del 2005?

La scuola Mitakshara di legge indù codificata come Hindu Succession Act, 1956 disciplinava la successione e l'eredità delle proprietà, ma riconosceva solo i maschi come eredi legali. La legge si applicava a chiunque non fosse musulmano, cristiano, parsi o ebreo per religione. Anche buddisti, sikh, giainisti e seguaci di Arya Samaj, Brahmo Samaj sono considerati indù ai fini di questa legge.




valore netto di ivana trump

In una famiglia indivisa indù, possono coesistere più eredi legali attraverso le generazioni. Tradizionalmente, solo i discendenti maschi di un antenato comune insieme alle loro madri, mogli e figlie nubili sono considerati una famiglia indù unita. Gli eredi legali detengono congiuntamente i beni della famiglia.

Le donne sono state riconosciute come coparcene o eredi legali congiunti per la partizione derivante dal 2005. La sezione 6 della legge è stata modificata quell'anno per rendere una figlia di un coparcener anche coparcener per nascita a pieno titolo allo stesso modo del figlio. La legge attribuiva inoltre alla figlia gli stessi diritti e doveri nella proprietà compartecipativa che avrebbe avuto se fosse stata un figlio.

La legge si applica ai beni ancestrali e alla successione legittima nei beni personali — dove la successione avviene per legge e non per testamento.



Anche il 174esimo rapporto della Commissione di legge aveva raccomandato questa riforma nel diritto di successione indù. Anche prima dell'emendamento del 2005, Andhra Pradesh, Karnataka, Maharashtra e Tamil Nadu avevano apportato questa modifica alla legge e il Kerala aveva abolito l'Hindu Joint Family System nel 1975.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Come è nato il caso?




patrimonio netto di will smith

Sebbene la legge del 2005 garantisse pari diritti alle donne, in più casi sono state sollevate domande sul fatto che la legge si applicasse retroattivamente e se i diritti delle donne dipendessero dallo stato di vita del padre attraverso il quale avrebbero ereditato. Diversi banchi della Corte Suprema avevano preso posizioni contrastanti sulla questione. Diverse Alte Corti avevano anche seguito diversi punti di vista della Corte Suprema come precedenti vincolanti.

In Prakash v Phulwati (2015), un tribunale di due giudici guidato dal giudice AK Goel ha ritenuto che il beneficio dell'emendamento del 2005 potesse essere concesso solo alle figlie viventi di coparceneri viventi a partire dal 9 settembre 2005 (la data in cui l'emendamento è entrato in vigore). forza).



Nel febbraio 2018, contrariamente alla sentenza del 2015, un tribunale di due giudici guidato dal giudice AK Sikri ha ritenuto che la quota di un padre morto nel 2001 passerà anche alle sue figlie come compartecipanti durante la partizione della proprietà secondo la legge del 2005 .

Poi, nell'aprile di quell'anno, un altro banco di due giudici, guidato dal giudice R K Agrawal, ha ribadito la posizione assunta nel 2015.

Queste opinioni contrastanti di Benches di pari forza hanno portato a un riferimento a un Bench di tre giudici nel caso in esame. La sentenza ora annulla le sentenze del 2015 e dell'aprile 2018. Stabilisce la legge e amplia l'intenzione della legislazione del 2005 di eliminare la discriminazione contenuta nella sezione 6 dell'Hindu Succession Act, 1956, dando pari diritti alle figlie nella Proprietà compartenari indù Mitakshara come hanno i figli.

Anche in Spiegato |Perché il vaccino russo è molto lontano dall'essere disponibile in India, se non del tutto?

Come ha deciso il tribunale il caso?

La corte ha esaminato i diritti previsti dal compartenariato Mitakshara. Poiché la sezione 6 crea un patrimonio non ostruito o un diritto creato dalla nascita per la figlia del coparcener, il diritto non può essere limitato dal fatto che il coparcener sia vivo o morto quando il diritto è operativo.


quanto guadagna michelle beadle

La corte ha affermato che l'emendamento del 2005 ha riconosciuto un diritto che è stato di fatto maturato dalla figlia alla nascita. Il conferimento di un diritto è per nascita, e i diritti sono dati allo stesso modo con gli incidenti di compartecipazione come quello di un figlio e lei è trattata come un coparcener allo stesso modo con gli stessi diritti come se fosse stato un figlio a il momento della nascita. Sebbene i diritti possano essere rivendicati, w.e.f. 9.9.2005, le disposizioni sono di applicazione retroattiva, conferiscono benefici sulla base dell'evento antecedente e si riterrà che la compartecipazione di Mitakshara includa un riferimento a una figlia come compartecipe, si legge nella sentenza.

La corte ha anche ordinato alle Alte Corti di liquidare i casi riguardanti questo problema entro sei mesi dal momento che sarebbero stati pendenti per anni.

Qual era la posizione del governo?

Il procuratore generale Tushar Mehta si è espresso a favore di una lettura espansiva della legge per consentire la parità di diritti per le donne. Ha fatto riferimento agli oggetti e ai motivi dell'emendamento del 2005. La legge coparcenaria di Mitakshara non solo ha contribuito alla discriminazione in base al genere, ma è stata oppressiva e ha negato il diritto fondamentale all'uguaglianza garantito dalla Costituzione indiana, ha affermato.