Compensazione Per Il Segno Zodiacale
Personale C Celebrità

Scopri La Compatibilità Con Il Segno Zodiacale

Spiegato: Religioni in India, 'vivere insieme separatamente'

Uno studio del Pew Research Center ha scoperto che la maggior parte degli indiani rispetta la diversità religiosa. Eppure preferiscono vivere in sfere separate e disapprovano i matrimoni interreligiosi.

Lo studio del Pew Research Center, 'Religion in India: Tolerance and Segregation', suggerisce che la maggior parte degli indiani rispetta la diversità religiosa.

Un recente sondaggio condotto dal Pew Research Center su quasi 30.000 individui ('Religion in India: Tolerance and Segregation') suggerisce che la maggior parte degli indiani rispetta la diversità religiosa, e tuttavia traccia linee chiare tra le comunità quando si tratta di matrimonio.



Sfere segregate

Più indiani vedono la diversità come un vantaggio (53%) che come una responsabilità (24%) per il loro paese; il resto non prende una posizione chiara. Ancora una volta, l'84% degli indiani crede che il rispetto di tutte le religioni sia molto importante per essere veramente indiani e l'80% crede che il rispetto delle altre religioni sia una parte molto importante della propria identità religiosa (grafico 1). Eppure, circa due indiani su tre attribuiscono un'alta priorità all'interruzione dei matrimoni interreligiosi e intercastali (grafico 2, tabella 1).





Grafico 1 (Fonte: Pew Research Center)

Gli indiani esprimono contemporaneamente impegno per la tolleranza religiosa e una preferenza coerente per mantenere le loro comunità religiose in sfere segregate: vivono insieme separatamente. Mentre le persone in alcuni paesi possono aspirare a creare un 'crogiolo' di diverse identità religiose, i nostri dati suggeriscono che molti indiani preferiscono un paese più simile a un tessuto patchwork o thali, con linee chiare tra i gruppi, Jonathan Evans, responsabile del progetto principale sul studio, ha detto in una e-mail.

Grafico 2 (Fonte: Pew Research Center)

Per tutte le nuove leggi volte a fermare i matrimoni intercomunitari, l'indagine ha rilevato pochissimi cambiamenti causati dalla conversione alla dimensione dei vari gruppi religiosi tra gli intervistati (tabella 2).



Quando si tratta di vicini, ampi settori tra le comunità minoritarie affermano che sarebbero disposti a vivere vicino a un indù. Anche la maggior parte degli indù afferma che sarebbe disposta a vivere vicino a un musulmano, un cristiano o un giainista. Ma anche molti indù hanno delle riserve: ad esempio, il 36% non sarebbe disposto a vivere vicino a un musulmano.

Grafico 3 (Fonte: Pew Research Center)

Triplo Talaq



La maggioranza dei musulmani si dice contraria al triplo talaq, con le donne più contrarie degli uomini. L'indagine ha anche riscontrato che tre quarti dei musulmani sono favorevoli ad avere accesso ai propri tribunali religiosi per le controversie familiari (Grafici 4 e 5).

Grafico 4 (Fonte: Pew Research Center) Grafico 5 (Fonte: Pew Research Center)

Le opinioni musulmane sul triplo talaq differiscono anche in base a diversi altri fattori. Ad esempio, i musulmani con una laurea sono più favorevoli al triplo talaq rispetto ai musulmani con meno istruzione (46% contro 37%). E i musulmani che affermano che la religione è molto importante nelle loro vite hanno maggiori probabilità di sostenere il triplo talaq rispetto a quelli che affermano che la religione è meno importante (39% contro 26%), ha affermato Evans.



Essere indù o musulmano

Per la maggior parte degli indù e dei musulmani, evitare rispettivamente il manzo e il maiale è fondamentale per la loro idea di chi sia veramente indù o musulmano. Il 72% degli indù afferma che una persona che mangia carne di manzo non può essere indù; Il 77% dei musulmani afferma che una persona non può essere musulmana se mangia carne di maiale (tabelle 5 e 6).

La maggioranza di entrambi i gruppi afferma anche che una persona non può essere indù o musulmana, rispettivamente, se celebrano le feste reciproche.



I due gruppi divergono in una certa misura sulla religiosità come indicatore dell'identità. Le quote di musulmani che affermano che il namaz e la visita alle moschee sono essenziali per essere musulmani (67% e 61% rispettivamente) sono superiori alle quote di indù che affermano che una persona non può essere indù se non recita le sue preghiere o non visita templi (48% ciascuno).

Pratap Bhanu Mehta scrive|La vita religiosa degli indiani, secondo un recente sondaggio

Indagine e sfondo

Il sondaggio è stato condotto tra il 17 novembre 2019 e il 23 marzo 2020 tra 29.999 adulti (22.975 indù, 3.336 musulmani), intervistati di persona in 26 stati e tre UT. Sono stati esclusi Andaman & Nicobar e Lakshadweep (remota), Kashmir (chiusura) e Manipur e Sikkim (Covid-19).



Sei gruppi sono stati presi di mira per il sovracampionamento: musulmani, cristiani, sikh, buddisti, giainisti e quelli che vivono nel nord-est. Il campionamento è stato condotto attraverso un design che ha cercato di aumentare la diversità nella rappresentazione religiosa.


vendite di album hopsin

Quando scoppiarono le proteste contro il Proposta di legge sull'emendamento alla cittadinanza in dicembre-gennaio l'indagine era in corso.

…Le tensioni sulla nuova legge sulla cittadinanza potrebbero avere una partecipazione leggermente depressa… da parte di potenziali intervistati musulmani. Inoltre, non siamo stati in grado di effettuare rilevamenti nella valle del Kashmir... ha detto Evans. Tuttavia, il sondaggio rappresenta le credenze, i comportamenti e gli atteggiamenti di circa il 95% della popolazione musulmana complessiva dell'India.

Condividi Con I Tuoi Amici: