Spiegato: il significato di Biden che revoca le sanzioni imposte da Trump ai funzionari della CPI - Gennaio 2022

L'amministrazione Biden ha revocato le sanzioni e il divieto di visto per i funzionari della Corte penale internazionale con sede all'Aia. Come si sono plasmate le relazioni USA-ICC nel corso degli anni?

La Casa Bianca di Biden ha ora invertito le misure, in quello che gli esperti ritengono essere parte degli sforzi per riportare Washington all'ovile multilaterale. (Foto AP: Carolyn Kaster)

Venerdì l'amministrazione Biden ha annunciato un altro importante cambiamento rispetto alle politiche dell'ex presidente Donald Trump, revocando le sanzioni e i divieti di visto che erano stati imposti ai funzionari della Corte penale internazionale con sede all'Aia.

Gli Stati Uniti sotto Trump erano andati dietro ai funzionari della CPI coinvolti nelle indagini su possibili crimini di guerra da parte delle truppe statunitensi o dei suoi alleati, con l'allora Segretario di Stato Mike Pompeo che chiamava il tribunale di oltre 120 nazioni un tribunale canguro.



Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta



La Casa Bianca di Biden ha ora invertito quelle misure, in quello che gli esperti ritengono essere parte degli sforzi per riportare Washington all'ovile multilaterale.

Cos'è la Corte Penale Internazionale (ICC)?



L'ICC è un organo giudiziario permanente con sede a L'Aia, nei Paesi Bassi, ed è stato creato dallo Statuto di Roma del 1998 (il suo documento fondante e disciplinante). Ha iniziato a funzionare nel luglio 2002.

Il forum è stato istituito come tribunale di ultima istanza per perseguire reati che altrimenti rimarrebbero impuniti e ha giurisdizione su quattro crimini principali: genocidio, crimini contro l'umanità, crimini di guerra e crimine di aggressione.

123 nazioni sono Stati Parte dello Statuto di Roma e riconoscono l'autorità della CPI. Eccezioni degne di nota sono gli Stati Uniti, la Cina, la Russia e l'India.



A differenza della Corte Internazionale di Giustizia (ICJ), l'ICC non fa parte del sistema delle Nazioni Unite, con il rapporto UN-ICC regolato da un accordo separato. L'ICJ, che è tra i 6 principali organi delle Nazioni Unite, si occupa principalmente delle controversie tra le nazioni. L'ICC, d'altra parte, persegue gli individui e la sua autorità si estende ai reati commessi in uno Stato membro o da un cittadino di tale Stato.

L'ICC è stato criticato per non aver portato avanti le indagini nei paesi occidentali (tutti e 4 i suoi verdetti di colpevolezza pronunciati finora sono in processi dall'Africa), nonché per aver lavorato in modo inefficiente. Nel 2019, la corte ha ordinato una perizia indipendente sul proprio funzionamento per affrontare queste preoccupazioni.

Come si sono plasmate le relazioni USA-ICC nel corso degli anni?



L'amministrazione Clinton (1993-2001) è stata coinvolta nei negoziati sullo statuto di Roma e ha firmato il documento nel 2000. Tuttavia, il presidente successivo, George W. Bush nel 2002, ha fatto sì che gli Stati Uniti annullassero lo statuto e trasformassero in legge i membri del servizio americano. Protection Act per proteggere i cittadini statunitensi dalla portata dell'ICC.

Nonostante le sue differenze con la Corte penale internazionale, Washington ha adottato un approccio positivo nei confronti del forum durante diversi casi: nel 2005 non ha posto il veto alla richiesta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite alla Corte penale internazionale di indagare sui crimini durante la crisi del Darfur e nel 2011 ha votato per il deferimento della Libia alla corte . Gli Stati Uniti hanno anche fornito un supporto fondamentale nel trasferimento dei sospetti dall'Africa all'ICC per il processo.



Dopo l'elezione di Donald Trump, le relazioni si sono di nuovo inasprite, con il presidente repubblicano che ha dichiarato all'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2018, gli Stati Uniti non forniranno alcun sostegno o riconoscimento alla Corte penale internazionale. Per quanto riguarda l'America, l'ICC non ha giurisdizione, legittimità e autorità.

ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Quindi, cosa ha portato gli Stati Uniti a imporre sanzioni?

Nel 2019, con grande dispiacere di Washington, il procuratore capo dell'ICC nato in Gambia, Fatou Bensouda, ha chiesto un'indagine formale sulle presunte atrocità commesse durante la guerra in Afghanistan tra il 2003 e il 2014 – portando a possibili accuse di militari statunitensi e funzionari della CIA. Lo stesso anno ha visto anche l'avvio di un'indagine su presunti crimini di guerra nei Territori palestinesi, anche da parte delle forze israeliane.

L'amministrazione Trump ha risposto annunciando le severe misure punitive generalmente riservate all'uso contro i gruppi terroristici e coloro che sono accusati di abuso dei diritti umani.

Ha annunciato restrizioni sui visti e sanzioni economiche per i funzionari dell'ICC direttamente coinvolti nelle inchieste contro i suoi cittadini o quelli dei suoi alleati e chiunque abbia materialmente assistito, sponsorizzato o fornito supporto finanziario, materiale o tecnologico a questi funzionari. Le restrizioni si sono estese anche ai familiari dei funzionari.

Bensouda è stato schiaffeggiato con sanzioni finanziarie e divieto di visto per gli Stati Uniti. Sanzioni sono state imposte anche a Phakiso Mochochoko, capo della Divisione Giurisdizione, Complementarità e Cooperazione della CPI. Molti funzionari del tribunale sono stati schiaffeggiati con il divieto di visto.

Cosa ha fatto Biden adesso?

Venerdì, Biden ha rimosso tutte queste sanzioni e divieti di visto, una mossa vista come parte degli sforzi del presidente democratico per allontanare gli Stati Uniti dalla politica estera più unilaterale del suo predecessore repubblicano.

Da quando è entrato in carica nel gennaio di quest'anno, Biden si è unito a diversi organismi internazionali da cui Trump si era ritirato: l'accordo sul clima di Parigi, l'Organizzazione mondiale della sanità e il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite. Secondo quanto riferito, sono in corso anche sforzi per ripristinare l'accordo sul nucleare iraniano.


darci lynne patrimonio netto 2018

I rapporti con la CPI miglioreranno sotto Biden?

Non necessariamente. Sebbene Biden abbia descritto le sanzioni di Trump come né efficaci né appropriate, ha affermato che gli Stati Uniti proteggeranno energicamente il personale attuale ed ex degli Stati Uniti da qualsiasi tentativo dell'ICC di esercitare la giurisdizione su di loro, ha riferito Reuters.

Il segretario di Stato Anthony Blinken ha ribadito il messaggio di Biden, affermando che gli Stati Uniti continuano a essere in forte disaccordo con la decisione della CPI di indagare sui crimini di guerra in Afghanistan e nei Territori palestinesi e che si oppongono agli sforzi della CPI per affermare la giurisdizione sul personale di parti non statali come come gli Stati Uniti e Israele.

Tuttavia, Blinked ha segnalato un disgelo nei rapporti con la corte, dicendo: Riteniamo, tuttavia, che le nostre preoccupazioni su questi casi sarebbero affrontate meglio attraverso l'impegno con tutte le parti interessate nel processo ICC piuttosto che attraverso l'imposizione di sanzioni.

Ha aggiunto che Washington è stata incoraggiata dal fatto che si stava prendendo in considerazione un'ampia gamma di riforme per aiutare l'ICC a dare priorità alle proprie risorse e a raggiungere la sua missione principale di fungere da tribunale di ultima istanza nel punire e scoraggiare i crimini atroci.