Spiegazione: i prossimi cambiamenti costituzionali dello Sri Lanka e perché la sua politica tamil è preoccupata - Gennaio 2022

Con l'India contro la Cina al LAC in Ladakh, e consapevole dei vicini che brandiscono la China card contro l'India, il governo tamil dello Sri Lanka è preoccupato che potrebbe non ottenere un'udienza a Delhi come prima se i fratelli Rajapaksa dovessero seppellire il 13° emendamento.

Spiegazione: i cambiamenti costituzionali dello Sri Lanka e perché la sua politica tamil è preoccupataArmati di una maggioranza di due terzi in Parlamento, i Rajapaksas potrebbero non accontentarsi solo di introdurre il ventesimo emendamento. Il timore, soprattutto tra le minoranze tamil, è che passi anche il 13° emendamento.

Ci si aspettava che i fratelli Rajapaksa, con Mahinda che aveva vinto le elezioni parlamentari il mese scorso, sei mesi dopo che Gotabaya aveva vinto le elezioni presidenziali nel novembre 2019, avrebbero intrapreso un programma di modifiche costituzionali. Il presidente e il primo ministro Rajapaksa non hanno perso tempo. Hanno la maggioranza parlamentare di due terzi richiesta. La loro prima priorità è sbarazzarsi del 19° emendamento e sostituirlo con il 20° emendamento. Si teme, anche in India, che anche il 13° emendamento possa essere abrogato.

Cosa sono il 19° e il 20° emendamento?



Il 19° emendamento è stato introdotto dal precedente governo Yahapalanya (buon governo) del Fronte nazionale unito del presidente Maithripala Sirisena e del primo ministro Ranil Wickremesinghe. Ha annullato il 18° emendamento presentato dal precedente presidente Mahinda Rajapaksa.



Il 18° emendamento aveva rimosso la prescrizione di due mandati sulla candidatura e accentrato più poteri nelle mani del presidente. Abrogarlo è stata una promessa elettorale fatta da Sirisena, che si è schierata contro Rajapaksa nelle elezioni presidenziali del 2015 come candidato ribelle dello Sri Lanka Freedom Party. Con altri ribelli SLFP e uniti dall'UNP guidato da Ranil Wickrmesinghe, Sirisena e Wickremesinghe formarono il governo UNF.

Uno dei loro primi atti è stato quello di introdurre il 19° emendamento, che ha ripristinato la barra di due mandati sulla corsa alla presidenza contenuta nella costituzione del 1978; ha stabilito l'età minima di 35 anni per un candidato alla presidenza; e ha anche escluso i doppi cittadini dall'ufficio.



Ognuno di questi era rivolto a un Rajapaksa: il primo a Mahinda, che aveva già scontato due mandati, il secondo a suo figlio Namal e il terzo a Gotabaya, che ha dovuto rinunciare alla cittadinanza statunitense per partecipare alle elezioni presidenziali dell'anno scorso. Ha ridotto il mandato della presidenza a cinque anni rispetto ai sei previsti dalla costituzione del 1978.


patrimonio netto di kristen alderson

Il presidente ha anche perso il potere di licenziare il primo ministro. Ha inoltre posto un tetto al numero di ministri e viceministri.

Mahinda Rajapaksa, giuramento di Mahinda Rajapaksa, cerimonia di giuramento di Mahinda Rajapaksa, elezioni in Sri Lanka, notizie dal mondo, Indian ExpressIl primo ministro dello Sri Lanka Mahinda Rajapaksa siede per le fotografie con suo figlio legislatore Namal dopo la sua vittoria elettorale nelle elezioni generali nella sua residenza a Tangalle, Sri Lanka, venerdì 7 agosto 2020. (AP Photo/Eranga Jayawardena)

Il 19° emendamento ha anche decentralizzato le nomine alle nove commissioni, tra cui la Commissione elettorale, la Commissione nazionale di polizia, la Commissione per i diritti umani, la Commissione per le finanze, la Commissione per il servizio pubblico, tra le altre a un Consiglio costituzionale.



Oltre ad avere parlamentari, il Consiglio aveva anche una rappresentanza della società civile. Questa è stata vista come una delle parti più progressiste del 19° emendamento.

Il ventesimo emendamento di legge, che è stato pubblicato sulla gazzetta il 2 settembre e sarà presentato al Parlamento tra due settimane, ribalta quasi tutto nel 19esimo emendamento. Ne conserva solo il mandato di due mandati sulla presidenza e il mandato di cinque anni.

Scrivendo sul Sunday Times, l'avvocato Kishali Pinto Jayawardena, un eminente avvocato e commentatore di diritto costituzionale, ha definito le proposte del disegno di legge un cambiamento fondamentale nella natura dello stato dello Sri Lanka che ha segnato il ritorno del paese al 1978 in una bizzarra forma di 'avanti al passato' nonostante l'acqua costituzionale che da allora è passata sotto i ponti dello Sri Lanka. Tutta la storia dei tumultuosi decenni passati viene scartata. Viene sottolineata una forma particolarmente virulenta di presidenzialismo, probabilmente peggiore delle antiche trasgressioni della Costituzione del 1978.



La Costituzione del 1978 è stata elaborata da J R Jayewardene. Ha introdotto l'ufficio del Presidente Esecutivo in Sri Lanka, rendendolo uno dei sistemi simili più potenti al mondo. Jayawardene ha affermato che l'unica cosa che un presidente non può fare in base a questa costituzione è trasformare un uomo in una donna e viceversa.

In un commento fortemente formulato, Pinto Jayawardena ha affermato che il 20° emendamento di legge non riduce semplicemente il Primo Ministro a un peone e il Parlamento a una cifra. Piuttosto, rende irrilevante l'intero edificio del Parlamento. In effetti, le repubbliche delle banane fanno proprio questo; scaricare tutti i poteri nella sede di un singolo individuo.



Il Center for Policy Alternatives, con sede a Colombo, ha segnalato le seguenti preoccupazioni nel 20° Emendamento di legge; Cerca di rimuovere i controlli e gli equilibri sulla presidenza esecutiva. In particolare, abolisce le limitazioni vincolanti ai poteri presidenziali in relazione alle nomine chiave alle istituzioni indipendenti attraverso il processo pluralistico e deliberativo del Consiglio costituzionale. Il suo sostituto, il Consiglio parlamentare, è un mero timbro di gomma dell'esecutivo, senza un vero ruolo deliberativo previsto per i suoi membri. È una regressione a ciò che era in vigore sotto il diciottesimo emendamento, fornendo di fatto ampi poteri al presidente per nominare individui alle istituzioni chiave e, con esso, politicizzare le istituzioni che dovrebbero funzionare indipendentemente dall'esecutivo politico e a beneficio dei cittadini .

È stata inoltre eliminata la possibilità per i cittadini di contestare le azioni esecutive del Presidente attraverso richieste di diritti fondamentali, suggerendo che il Presidente è al di sopra della legge. I controlli sul potere presidenziale all'interno dell'esecutivo sono aboliti con la soppressione del requisito del parere del Primo Ministro per la nomina e la revoca del Gabinetto e degli altri ministri. La nomina e in particolare la revoca del Presidente del Consiglio non sono più subordinate alla fiducia del Parlamento ma alla discrezionalità del Presidente. Il Parlamento viene privato del potere nei confronti dell'esecutivo mediante il ripristino del potere del Presidente di sciogliere il Parlamento a piacimento in qualsiasi momento dopo il primo anno del suo mandato.

Il CPA ha affermato che questi cambiamenti minerebbero seriamente la responsabilità del governo e porrebbero una sfida significativa alle norme democratiche esistenti incorporate nella Costituzione, mentre l'indebolimento dei controlli e degli equilibri per la presidenza esecutiva avrebbe un impatto negativo sull'uso efficiente, efficace e trasparente di fondi pubblici.

Anche in Spiegato |Perché una tribù amazzonica parla agli indiani di Blood Gold?


alexis dziena 2019

Da dove viene il 13° emendamento e che cos'è?

Armati di una maggioranza di due terzi in Parlamento, i Rajapaksas potrebbero non accontentarsi solo di introdurre il ventesimo emendamento. Il timore, soprattutto tra le minoranze tamil, è che passi anche il 13° emendamento.

Il 13° emendamento fu una conseguenza dell'intervento indiano in Sri Lanka tra il 1987-1990. Deriva dall'Accordo India-Sri Lanka del 29 luglio 1987. Lo Sri Lanka è un paese unitario e la Costituzione del 1978 aveva concentrato tutti i poteri nel centro.

L'accordo mirava a trovare una via per la devoluzione dei poteri politici all'allora provincia nord-orientale, che comprendeva le aree dominate dai tamil del paese insulare.

Secondo i termini dell'Accordo (noto anche come accordo Jayawardene-Rajiv Gandhi), il parlamento dello Sri Lanka ha introdotto il 13° emendamento, che prevedeva un sistema di consigli provinciali eletti in tutto lo Sri Lanka. Quindi non sarebbe stata solo la provincia del nord-est ad avere un consiglio provinciale, ma anche le province del resto dello Sri Lanka. L'ironia è che mentre il consiglio provinciale del nord-est è riuscito a malapena a sopravvivere alle circostanze violente e sanguinose della sua nascita ed è morto dopo una futile lotta di breve durata sia contro l'LTTE che contro il governo dello Sri Lanka, ciascuna delle restanti province del singalese ha dominato aree hanno avuto consigli provinciali eletti. L'ironia era tanto maggiore in quanto c'era stata molta opposizione da parte dei nazionalisti singalesi al 13° emendamento come disposizione imposta dall'India.

Nel corso degli anni, ha dato ai politici singalesi alla base un assaggio di potere politico, governance e allocazioni finanziarie anche se la devoluzione dei poteri ai consigli era solo di nome poiché il Centro conservava tutti i poteri finanziari. È stato solo molto dopo la fine della guerra, sotto la forte pressione dell'India, e dopo che si sono tenute le prime elezioni per il Consiglio provinciale del Nord nel 2013. Il Nord e l'Oriente più etnicamente diversificato erano stati scissi nel 2007 e le elezioni per il Consiglio provinciale orientale avvenuta nel 2008.


stipendio del ghiaccio

Come è emerso in una risposta specifica alla richiesta tamil mediata dall'India di condividere il potere, c'è sempre stata una forte lobby a favore dell'abrogazione del provvedimento. Come per l'articolo 370 della Costituzione indiana, il 13° emendamento è visto come un incoraggiamento al separatismo e al secessionismo tamil. È l'unica disposizione della Costituzione che è un leggero cenno del capo nella direzione della questione nazionale tamil dello Sri Lanka. La richiesta di eliminarlo ogni tanto emerge, specialmente in tempi come adesso, di un risorgente nazionalismo buddista singalese.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Al briefing settimanale post-gabinetto Colombo della scorsa settimana, il portavoce ha risposto a una domanda sul 13° emendamento negando che fosse stato sollevato nella riunione del gabinetto. Ma ha detto che i consigli provinciali non funzionavano da più di due anni, e non c'era nessuna richiesta da nessuna parte di riprendere il loro funzionamento.

Questo sistema è stato proposto specificamente per il nord e l'est per affrontare i problemi lì. Tuttavia, è stato implementato anche in altre province. Il paese ha funzionato senza PC. Non c'è nemmeno una protesta da parte di chi chiede le elezioni del PC, ha dichiarato. Alla domanda sul 13° emendamento, ha aggiunto, non c'è stata alcuna discussione durante la riunione del gabinetto.

Tuttavia, il ministro per i consigli provinciali e il governo locale, Sarath Weerasekera, è un ardente sostenitore dell'abrogazione del 13° emendamento e dell'abolizione dei consigli provinciali. Si dice che sia stato scelto appositamente per questo portfolio.

Milinda Moragoda, che probabilmente sarà il prossimo alto commissario dello Sri Lanka in India – una volta confidente di Ranil, ora è uno stretto consigliere del presidente Gotabaya Rajapaksa – ha anche forti opinioni contro il 13° emendamento e i consigli provinciali. In una recente intervista, ha descritto i consigli provinciali come difficili, costosi, divisivi e pieni di inefficienza.

Durante una visita in India all'inizio di quest'anno, Mahinda, che era già diventato Primo Ministro dopo che il suo predecessore Ranil Wickremesinghe si era dimesso a seguito dell'elezione di Gotabya a Presidente, aveva promesso all'India che il suo governo era impegnato a rafforzare il 13° Emendamento. Quando era presidente, Mahinda Rajapakse ha parlato in modo espansivo di una soluzione 13 Plus per le richieste tamil di condivisione del potere politico, ma la sua sincerità era in dubbio.

Con l'India contro la Cina al LAC in Ladakh, e consapevole dei vicini che brandiscono la China card contro l'India, la politica tamil dello Sri Lanka è preoccupata che potrebbe non ottenere un'udienza a Delhi come prima se i fratelli Rajapaksa dovessero seppellire il 13° emendamento.