Spiegazione: Stretto di Hormuz — l'arteria petrolifera più importante del mondo - Giugno 2022

La maggior parte del greggio esportato dall'Arabia Saudita, dall'Iran, dagli Emirati Arabi Uniti, dal Kuwait e dall'Iraq, tutti membri dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, viene spedito attraverso lo stretto di Hormuz.

Lo stretto di Hormuz separa l'Iran e l'Oman, collegando il Golfo al Golfo di Oman e al Mar Arabico.

L'Arabia Saudita ha dichiarato lunedì che due petroliere saudite erano tra le navi prese di mira in un attacco di sabotaggio al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti, condannandolo come un tentativo di minare la sicurezza delle forniture globali di greggio.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno dichiarato domenica che quattro navi commerciali sono state sabotate vicino all'emirato di Fujairah, uno dei più grandi hub di bunkeraggio del mondo che si trova appena fuori dallo Stretto di Hormuz. Non ha detto chi c'era dietro l'operazione, avvenuta nel mezzo delle crescenti tensioni tra Stati Uniti e Iran.



Il ministero degli Esteri iraniano ha definito gli incidenti preoccupanti e spaventosi e ha chiesto un'indagine. Lo Stretto di Hormuz, una rotta marittima vitale che collega i produttori di petrolio del Medio Oriente ai mercati in Asia, Europa, Nord America e oltre, è da decenni al centro delle tensioni regionali.



Cos'è lo Stretto di Hormuz?

Il corso d'acqua separa l'Iran e l'Oman, collegando il Golfo al Golfo di Oman e al Mar Arabico. Lo Stretto è largo 21 miglia (33 km) nel suo punto più stretto, ma la corsia di navigazione è larga solo due miglia (tre km) in entrambe le direzioni.

Perché lo Stretto di Hormuz è importante?

La US Energy Information Administration ha stimato che 18,5 milioni di barili al giorno (bpd) di petrolio trasportato via mare sono passati attraverso il corso d'acqua nel 2016. Si trattava di circa il 30% del greggio e di altri liquidi petroliferi scambiati via mare nel 2016. Circa 17,2 milioni di barili al giorno di greggio e Si stima che i condensati siano stati spediti attraverso lo Stretto nel 2017 e circa 17,4 milioni di barili al giorno nella prima metà del 2018, secondo la società di analisi petrolifere Vortexa.




patrimonio netto Ron Howard

Con un consumo globale di petrolio che si attesta a circa 100 milioni di barili al giorno, ciò significa che quasi un quinto passa attraverso lo Stretto. La maggior parte del greggio esportato dall'Arabia Saudita, dall'Iran, dagli Emirati Arabi Uniti, dal Kuwait e dall'Iraq, tutti membri dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, viene spedito attraverso il corso d'acqua.

È anche la rotta utilizzata per quasi tutto il gas naturale liquefatto (GNL) prodotto dal più grande esportatore di GNL al mondo, il Qatar. Durante la guerra Iran-Iraq del 1980-1988, le due parti hanno cercato di interrompere le reciproche esportazioni di petrolio in quella che era conosciuta come la guerra delle petroliere.

La Quinta Flotta degli Stati Uniti, con sede in Bahrain, ha il compito di proteggere le navi commerciali nell'area. Mentre la presenza della Quinta Flotta degli Stati Uniti dovrebbe garantire che la via d'acqua critica rimanga aperta, è probabile che manovre militari iraniane provocatorie siano nell'immediato così come un riavvio nucleare, hanno scritto gli analisti della banca RBC il 22 aprile.



L'Iran ha accettato di frenare il suo programma nucleare in cambio di un allentamento delle sanzioni nell'ambito di un accordo del 2015 con gli Stati Uniti e altre cinque potenze globali. Washington si è ritirata dal patto nel 2018. Le potenze occidentali temono che l'Iran voglia produrre armi nucleari. Teheran lo nega.

Tutte queste storie geopolitiche potrebbero presentare uno scenario estivo crudele per il presidente (Donald) Trump mentre cerca di tenere sotto controllo i prezzi del petrolio, hanno scritto gli analisti della RBC.


patrimonio netto charlize theron

Leggi anche da Express Explained:Irom Sharmila e la sua lotta contro l'AFSPA



Esistono rotte alternative per il petrolio del Golfo?

Gli Emirati Arabi Uniti e l'Arabia Saudita hanno cercato di trovare altre vie per aggirare lo Stretto, compresa la costruzione di più oleodotti.

Ci sono stati incidenti nello stretto prima?

Nel luglio 1988, la nave da guerra statunitense Vincennes abbatté un aereo di linea iraniano, uccidendo tutti i 290 a bordo, in quello che Washington disse essere stato un incidente dopo che l'equipaggio aveva scambiato l'aereo per un caccia. Teheran ha detto che è stato un attacco deliberato. Gli Stati Uniti hanno affermato che il Vincennes si trovava nella zona per proteggere le navi neutrali dagli attacchi della marina iraniana.




quanto guadagna shannon leto

All'inizio del 2008, gli Stati Uniti hanno affermato che le navi iraniane minacciavano le proprie navi da guerra dopo essersi avvicinate a tre navi militari statunitensi nello Stretto. Nel giugno 2008, l'allora comandante in capo delle Guardie rivoluzionarie, Mohammad Ali Jafari, disse che l'Iran avrebbe imposto controlli sulle navi nello Stretto se fosse stato attaccato.

Nel luglio 2010, la petroliera giapponese M Star è stata attaccata nello Stretto. Un gruppo militante chiamato Abdullah Azzam Brigades, che è legato ad al Qaeda, ha rivendicato la responsabilità. Nel gennaio 2012, l'Iran ha minacciato di bloccare lo Stretto in rappresaglia per le sanzioni statunitensi ed europee che miravano ai suoi proventi petroliferi nel tentativo di fermare il programma nucleare di Teheran.

Nel maggio 2015, navi iraniane hanno sparato colpi contro una petroliera battente bandiera di Singapore che, a suo dire, ha danneggiato una piattaforma petrolifera iraniana, provocando la fuga della nave. Ha anche sequestrato una nave portacontainer nello Stretto.

Nel luglio 2018, il presidente Hassan Rouhani ha suggerito che l'Iran potrebbe interrompere i flussi di petrolio attraverso lo Stretto in risposta alle richieste degli Stati Uniti di ridurre a zero le esportazioni di petrolio dell'Iran. Un comandante delle Guardie rivoluzionarie ha anche affermato che l'Iran bloccherebbe tutte le esportazioni attraverso lo Stretto se le esportazioni iraniane venissero fermate.