Spiegazione: Primo premio per l'economia del lavoro - Potrebbe 2022

I vincitori del Premio Sveriges Riksbank per le scienze economiche in memoria di Alfred Nobel hanno fornito approfondimenti sul rapporto tra istruzione e guadagni futuri, e tra salario minimo e occupazione

Premio Nobel per l(Da sinistra a destra) David Card, Joshua D Angrist e Guido W Imbens. (Ill. Niklas Elmehed Premio Nobel per la divulgazione)

Lunedì, la Royal Swedish Academy of Sciences ha assegnato il Premio Sveriges Riksbank per le scienze economiche in memoria di Alfred Nobel 2021 - spesso erroneamente indicato come il Premio Nobel per l'economia -a tre economisti statunitensi.Una metà del premio è andata a David Card, che insegna all'Università della California a Berkeley, e l'altra metà insieme a Joshua D Angrist del MIT e Guido W Imbens della Stanford University. Il montepremi di 10 milioni di corone svedesi (8,60 crore di rupie) sarà diviso di conseguenza. Imbens, che ha risposto alla chiamata dell'Accademia, è stato particolarmente entusiasta di aver ricevuto il premio insieme ai suoi amici di lunga data; non era solo il supervisore del dottorato di Imbens, ma anche l'uomo migliore al suo matrimonio.

Premio Nobel per la pace 2021| Chi sono i giornalisti indipendenti che hanno difeso la libertà di espressione?

Causa effetto




patrimonio netto di lena inebriante

La citazione afferma: I vincitori di quest'anno ci hanno fornito nuove informazioni sul mercato del lavoro e hanno mostrato quali conclusioni su causa ed effetto possono essere tratte da esperimenti naturali. Il loro approccio si è diffuso in altri campi e ha rivoluzionato la ricerca empirica.



Per capire, bisogna guardare ad alcune delle domande più importanti nella società odierna: l'immigrazione influisce sui salari e sui livelli di occupazione? Gli investimenti nell'istruzione scolastica migliorano i guadagni futuri degli studenti? L'aumento dei salari minimi porterà a livelli di occupazione inferiori?

Tutte queste domande sono state rilevanti e continuano ad esserlo nel tempo e nelle aree geografiche. Ma ciò che è particolarmente difficile nel rispondere a una domanda del genere è l'incapacità di creare uno studio di controllo randomizzato in cui si privano alcuni bambini dell'istruzione scolastica e la si fornisce ad altri per accertare la risposta.



Premio Nobel per la Fisica| Primo Nobel per la scienza del clima

È qui che si sono distinti i vincitori di quest'anno. Hanno trovato modi per tagliare le correlazioni spesso osservate e hanno stabilito se mostravano o meno causalità. A dire il vero, la correlazione è semplicemente il verificarsi di due eventi insieme, ma la semplice correlazione non implica la causalità (che richiede una chiara comprensione del fatto che un evento causa l'altro).

L'associazione tra istruzione e reddito

Carta: salari e posti di lavoro

L'uso da parte di Card dei cosiddetti esperimenti naturali (situazioni che sorgono nella vita reale che assomigliano a esperimenti randomizzati) è stato sia rivelatore che esemplare.



Ad esempio, è opinione comune che l'aumento dei salari minimi porti a una diminuzione dell'occupazione. L'argomento è che salari più alti aumenteranno i costi per le aziende e porteranno i datori di lavoro ad assumere meno persone. Ma è vero che salari più alti fanno diminuire l'occupazione? Oppure è vero che solo perché le due cose sono state viste accadere più volte, si è erroneamente iniziato a credere che salari più alti portino a una minore occupazione?

Card ha utilizzato un esperimento naturale per testare questa presunta vittima. Nel 1992, il salario minimo orario nel New Jersey è stato aumentato da $ 4,25 a $ 5,05. Card, insieme ad Alan Krueger, ha studiato l'effetto sull'occupazione nel New Jersey e lo ha confrontato con l'occupazione nelle aree limitrofe della Pennsylvania orientale. I risultati hanno mostrato, tra le altre cose, che l'aumento del salario minimo non porta necessariamente a un minor numero di posti di lavoro, ha osservato la Royal Swedish Academy. Gli studi di Card dei primi anni '90 hanno sfidato la saggezza convenzionale, portando a nuove analisi e approfondimenti aggiuntivi, affermano.

Premio Nobel per la chimica| Un'idea semplice che ha catalizzato reazioni rivoluzionarie

Angrist, Imbens: educazione, paga



Angrist e Imbens sono stati riconosciuti per i loro contributi metodologici all'analisi delle relazioni causali. Hanno aiutato a dare un senso ai dati di tali esperimenti naturali. Questo è fondamentale perché, a differenza di uno studio clinico o di uno studio di controllo randomizzato, in un esperimento naturale un ricercatore non ha il controllo dell'esperimento. rendendo difficile trarre conclusioni precise e consolidare i nessi causali.

Ad esempio, l'estensione dell'obbligo scolastico di un anno per un gruppo di studenti (ma non per un altro) può avere o meno effetto su tutti i gruppi allo stesso modo. Alcuni studenti avrebbero comunque continuato a studiare e, per loro, il valore dell'istruzione spesso non è rappresentativo dell'intero gruppo. Quindi, è anche possibile trarre conclusioni sull'effetto di un anno in più a scuola? gli appunti dell'Accademia. A metà degli anni '90, il duo ha risolto questo problema metodologico, dimostrando come si possano trarre conclusioni precise su causa ed effetto da esperimenti naturali.



Il contesto indiano

La metodologia, la ricerca e le scoperte di questi economisti risalgono all'inizio e alla metà degli anni '90 e hanno già avuto un'enorme influenza sulla ricerca intrapresa in diversi paesi in via di sviluppo come l'India.

Ad esempio, anche in India si ritiene comunemente che salari minimi più elevati siano controproducenti per i lavoratori. È interessante notare che l'anno scorso, sulla scia dei blocchi indotti dal Covid, diversi stati, tra cui l'Uttar Pradesh, avevano sommariamente sospeso diverse leggi sul lavoro, comprese quelle che regolano i salari minimi, sostenendo che una tale mossa aumenterà l'occupazione.

Principali economisti del lavoro come il professor Ravi Srivastava, direttore del Center for Employment Studies in Institute for Human Development, e Radhicka Kapoor, membro dell'Indian Council for

La ricerca sulle relazioni economiche internazionali si era opposta a tale deregolamentazione l'anno scorso.

Premio Nobel per la fisiologia| Nobel per aver decifrato la scienza del tatto

I loro studi hanno fornito una giustificazione per l'aumento dei salari minimi negli Stati Uniti, una questione su cui la fratellanza economica era molto divisa. L'ho usato con altri studi per giustificare un salario minimo nazionale per l'India, ha detto Srivastava.

Kapoor ha affermato che il principale apprendimento dal lavoro di Card è che i salari minimi possono essere aumentati in India senza preoccuparsi di ridurre l'occupazione. Ha sottolineato che i salari minimi in India sono molto bassi. Il salario minimo nazionale, per esempio, è di appena 180 rupie al giorno.

Ora, l'India ha un codice sui salari minimi; si estenderà ai lavoratori del settore non organizzati. Quindi, aumentare i salari minimi è molto importante per migliorare i redditi anche nel settore non organizzato, ha affermato. Questo (apprendere che l'aumento dei salari minimi non frena l'occupazione) è particolarmente importante visti i vincoli della domanda aggregata che esistono nell'economia indiana, specialmente tra coloro che si trovano nella parte inferiore della distribuzione del reddito.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta