Spiegato: perché i governi diffidano di Huawei? - Gennaio 2022

Il colosso cinese delle telecomunicazioni è al centro dell'ennesima polemica, che è costata il lavoro a un ministro britannico. Cosa c'è nell'azienda che continua a causare problemi di sicurezza nei paesi di tutto il mondo?

Spiegato: perché i governi diffidano di Huawei?Il fondatore di Huawei Ren Zhengfei con il presidente cinese Xi Jinping negli uffici londinesi del colosso tecnologico.

Una controversia che ha coinvolto l'azienda cinese di apparecchiature per l'elettronica e le telecomunicazioni Huawei ha rivendicato il lavoro di ministro del governo britannico questo mese, l'ultimo di molti incidenti che riflettono il sospetto con cui l'azienda è vista in tutto il mondo.

Huawei, con sede a Shenzhen, è stata fondata nel 1987 da Ren Zhengfei, un ingegnere che aveva prestato servizio nell'Esercito Popolare di Liberazione Cinese (PLA).



Cosa è successo nel Regno Unito?

Il primo ministro Theresa May ha licenziato il segretario alla Difesa Gavin Williamson per le informazioni trapelate alla stampa su una riunione governativa top secret relativa a Huawei. Williamson ha negato di aver fatto trapelare le informazioni. Le informazioni trapelate sono state pubblicate alla fine del mese scorso sul The Telegraph di Londra, che ha riferito che May aveva dato il via libera a un gigante cinese delle telecomunicazioni per aiutare a costruire la nuova rete 5G britannica nonostante gli avvertimenti degli Stati Uniti e di alcuni dei suoi ministri più anziani che pone. un rischio per la sicurezza nazionale. Il rapporto afferma che al Consiglio di sicurezza nazionale (NSC) del Regno Unito, presieduto da May, ha annullato le preoccupazioni espresse dai colleghi di governo di alto livello.



A seguito del rapporto, May ha ordinato un'inchiesta sulla perdita sotto il segretario di gabinetto Sir Mark Sedwill. Questo è stato seguito dal licenziamento di Williamson. Il deputato Jacob Rees-Mogg ha affermato: L'intera storia qui non riguarda una fuga di notizie, si tratta di entrare o meno a letto con la società cinese Huawei contro il parere degli Stati Uniti e degli australiani che hanno deciso di non farlo. .

Su cosa si basano i sospetti su Huawei?

Questi derivano dal fatto che è stata fondata da un ingegnere che ha lavorato in precedenza nel PLA ed è anche membro del Partito Comunista Cinese. Il giornalista Richard McGregor, l'autore di The Party: The Secret World of China’s Communis Rulers, aveva affermato che Huawei ha ricevuto il sostegno dello stato in momenti cruciali del suo sviluppo.



Le preoccupazioni riguardano un rischio per la sicurezza percepito da Huawei nei paesi in cui opera. Ad esempio, secondo un rapporto di Bloomberg che citava i documenti di briefing sulla sicurezza del 2009 e del 2011 di Vodafone, che utilizzava apparecchiature Huawei, Vodafone aveva identificato backdoor nascoste in il software che avrebbe potuto consentire a Huawei l'accesso non autorizzato alla rete fissa del vettore in Italia. Secondo il rapporto, Vodafone aveva chiesto a Huawei di rimuovere le backdoor nei router domestici nel 2011 e aveva ricevuto assicurazioni che i problemi erano stati risolti, ma ulteriori test hanno rivelato che le vulnerabilità della sicurezza rimanevano.

Qual è stato il consiglio degli Stati Uniti citato dal deputato britannico Rees-Mogg?

Il governo degli Stati Uniti ha bandito Huawei dalle reti del Paese e ha consigliato a Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda e Canada di fare lo stesso. Gli Stati Uniti affermano che gli stretti legami di Huawei con il governo cinese e il suo esercito lo rendono un rischio per la sicurezza nazionale.

Nel gennaio di quest'anno, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha presentato due accuse contro Huawei. Un'accusa, svelata nel distretto occidentale di Washington, è incentrata sul tentato furto di segreti della società statunitense T-Mobile da parte di Huawei. Dal 2012 al 2013, Huawei China, con l'aiuto di dipendenti negli Stati Uniti, avrebbe implementato uno schema per rubare il robot di test del telefono di T-Mobile.



Wilbur Ross, segretario al commercio degli Stati Uniti, parlando a gennaio delle accuse contro Huawei di frode bancaria e furto di segreti commerciali. (foto di New York)

L'altra accusa, svelata nel distretto orientale di New York, si concentra sui presunti tentativi di Huawei di aggirare le sanzioni statunitensi contro l'Iran. Accusa Huawei di gestire una società con sede a Hong Kong, Skycom, come sussidiaria non ufficiale per ottenere beni, tecnologia e servizi di origine statunitense altrimenti vietati, compresi i servizi bancari.

La scorsa settimana, il funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti responsabile del 5G, Robert Strayer, ha affermato: Mettere Huawei o altri fornitori non affidabili in qualsiasi parte della rete di telecomunicazioni 5G è un rischio. Ha aggiunto che se altri paesi inseriscono e consentono a fornitori non affidabili di costruire e diventare fornitori per le loro reti 5G, dovremo rivalutare la nostra capacità di condividere informazioni ed essere interconnessi con loro nei modi in cui lo siamo oggi.

In quale altro luogo Huawei ha avuto problemi?

Lo scorso dicembre, il chief financial officer di Huawei, Meng Wanzhou, è stato arrestato dalle autorità canadesi su richiesta degli Stati Uniti, con i quali ha un trattato di estradizione. Circa una settimana dopo, è emerso che un mandato di arresto era stato emesso nell'agosto 2018 dal tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto orientale di New York. Il mandato si basava su accuse di cospirazione per frodare banche che avevano sdoganato denaro che si diceva fosse per Huawei ma in realtà era per Skycom, descritta come la controllata non ufficiale, che avrebbe tentato di vendere attrezzature statunitensi all'Iran nonostante gli Stati Uniti e l'Unione europea divieti.




patrimonio netto di eric butterbean

Tra gli altri paesi, Nuova Zelanda e Australia hanno bloccato l'uso delle apparecchiature Huawei nel lancio delle reti 5G. Nell'aprile 2018 sono state annunciate normative statunitensi che vietavano alle aziende governative di acquistare da qualsiasi azienda ritenuta una minaccia alla sicurezza. Nel luglio 2018, gli Stati Uniti hanno revocato il divieto alla società cinese ZTE come parte di un accordo, mentre continua il divieto sulle apparecchiature Huawei.

Nell'agosto 2018, il governo australiano ha vietato a Huawei e ZTE di fornire apparecchiature di telecomunicazione per la rete 5G, adducendo problemi di sicurezza nazionale. A novembre, anche i servizi di sicurezza della Nuova Zelanda hanno impedito a Huawei di fornire kit di rete mobile a una società locale per motivi di sicurezza nazionale. Nel Regno Unito, il fornitore di servizi di telecomunicazioni BT ha confermato lo scorso anno che sta rimuovendo le apparecchiature Huawei dalle aree chiave della sua rete 4G, a seguito delle preoccupazioni dell'MI6.



A che punto è l'India in questa controversia?

In India, c'è stata confusione tra gli operatori di telecomunicazioni su cosa fare con Huawei quando passano alle reti 5G. Le apparecchiature di rete Huawei sono state utilizzate da Vodafone Idea e Airtel in molti ambienti, ma la società cinese non ha ancora ricevuto un cenno sulle prove del 5G. Huawei e ZTE sono stati inizialmente esclusi dalla partecipazione alle prove.

Quanto è grande Huawei a livello globale?

Oggi è il secondo produttore di smartphone al mondo, vendendo più di Apple e dietro solo a Samsung. Ha superato Apple nel primo trimestre del 2019, secondo la società di ricerca Counterpoint, che ha affermato che Huawei ha spedito 59,1 milioni di smartphone. Samsung ha mantenuto il primo posto con 72,0 milioni di unità.

Huawei in India

Huawei ha messo piede in India nel 2000, lavorando con operatori di telecomunicazioni per fornire loro apparecchiature di rete. Sebbene il segmento fosse affollato da altre aziende come Ericsson e Nokia Networks, il boom che stava per verificarsi nel settore delle telecomunicazioni indiano gli ha permesso di ospitare anche Huawei. Il primo centro di ricerca e sviluppo di Huawei al di fuori della Cina è stato creato in India, uno dei più grandi al di fuori del suo territorio. Dieci anni dopo aver iniziato le operazioni di rete in India, Huawei ha lanciato la sua prima linea di smartphone nel 2010. Tuttavia, i suoi dispositivi, che ora sono venduti con il marchio Honor, hanno registrato vendite lente rispetto alle controparti cinesi come Xiaomi, Oppo e Vivo. Il marchio è entrato per la prima volta nelle prime cinque posizioni nel mercato indiano degli smartphone nel trimestre gennaio-marzo del 2018.