Spiegato: perché le riviste sanitarie hanno chiesto un'azione per il clima - Febbraio 2023

Gli editori hanno esortato i governi a trattare i cambiamenti climatici con lo stesso tipo di urgenza che è stato mostrato nell'affrontare la pandemia di Covid-19.

cambiamento climatico, riviste mediche cambiamento climatico, riscaldamento globale, azione per il cambiamento climatico, editoriale sul cambiamento climatico, cambiamento climatico, attualità, notizie di attualità, indiano espresso, indiano espressoUn pompiere cerca di spegnere le fiamme durante un incendio boschivo il mese scorso sull'isola di Evia, a circa 176 km a nord di Atene, in Grecia. (AP)

In uno sforzo unico nel suo genere, gli editori di oltre 220 importanti riviste sanitarie di tutto il mondo hanno pubblicato un editoriale congiunto chiedendo ai governi di intraprendere un'azione climatica immediata e più ambiziosa per impedire che le temperature globali aumentino oltre 1,5°C rispetto ai tempi preindustriali. Gli editori hanno esortato i governi a trattare i cambiamenti climatici con lo stesso tipo di urgenza che è stato mostrato nell'affrontare la pandemia di Covid-19.



La scienza è inequivocabile: un aumento globale di 1,5°C al di sopra della media preindustriale e la continua perdita di biodiversità rischiano danni catastrofici alla salute che sarà impossibile invertire, hanno affermato i redattori.

Le preoccupazioni sollevate





L'editoriale ha evidenziato l'escalation degli impatti sulla salute dei cambiamenti climatici e ha sottolineato che questi impatti colpiscono in modo sproporzionato i più vulnerabili, compresi i bambini, le popolazioni anziane, le minoranze etniche, le comunità più povere e quelle con problemi di salute di base.

Cresce la preoccupazione che aumenti della temperatura sopra 1,5°C stiano cominciando a essere visti come inevitabili, o addirittura accettabili, per i potenti membri della comunità globale... Un'azione insufficiente significa che è probabile che gli aumenti della temperatura superino di gran lunga i 2°C, un catastrofico risultati per la salute e la stabilità ambientale... Si può e si deve fare di più ora... e negli anni che seguiranno, ha affermato.



Molti governi hanno affrontato la minaccia della pandemia di Covid-19 con finanziamenti senza precedenti. La crisi ambientale richiede una risposta di emergenza simile, ha affermato.

Perché riviste di salute



Il cambiamento climatico ha diversi impatti negativi sulla salute, sia diretti che indiretti. Le malattie legate al calore innescate da eventi di caldo estremo, che sono in aumento a causa del cambiamento climatico, sono un esempio degli impatti diretti sulla salute dei cambiamenti climatici. Si prevede che il cambiamento dei modelli di raccolto, il calo dei raccolti, la scarsità d'acqua e le precipitazioni estreme avranno anche conseguenze sulla salute. La scarsità di cibo e la conseguente malnutrizione sono considerati i principali effetti collaterali dell'aumento delle temperature.


patrimonio netto deion sanders

L'Organizzazione mondiale della sanità stima che circa 250.000 morti in eccesso potrebbero essere causate da fattori indotti dai cambiamenti climatici - malnutrizione, malaria, diarrea e stress da caldo - tra il 2030 e il 2050.



In effetti, l'editoriale congiunto sottolinea che le temperature più elevate hanno portato a un aumento della disidratazione e della perdita della funzione renale, tumori maligni dermatologici, infezioni tropicali, esiti negativi sulla salute mentale, complicanze della gravidanza, allergie e morbilità e mortalità cardiovascolare e polmonare.


quanto vale Mike Epps

Anche in Spiegato| Perché la pioggia al vertice della Groenlandia è motivo di preoccupazione

Perché ora



L'editoriale congiunto sulle riviste sanitarie arriva settimane prima della COP26, la 26a edizione della conferenza annuale delle Nazioni Unite sul clima, a Glasgow. Prima di ciò, a Kunming, in Cina, è in programma un simile incontro delle Nazioni Unite sulla biodiversità. L'editoriale fa parte dell'esercizio per dare slancio a decisioni concrete e ambiziose in questi incontri.

Tali esercizi sono normali nel periodo che precede questi grandi incontri. Nelle settimane e nei mesi che precedono il vertice sul clima, di solito c'è molta attività. I paesi svelano nuovi piani e impegni, ONG e istituti di ricerca pubblicano numerosi rapporti e si svolgono studi, proteste e manifestazioni, tutti volti a creare una pressione sufficiente sui negoziatori per raggiungere accordi più ambiziosi.



Tutto ciò alimenta il processo decisionale e, in una certa misura, influenza anche l'esito finale di questi incontri.

L'enfasi dell'editoriale sulla necessità di mantenere l'aumento globale delle temperature a 1,5°C – non solo 2°C – è in linea con il crescente clamore per fare pressione sui governi affinché non abbandonino gli 1,5°C. Il recente rapporto dell'IPCC aveva affermato che l'obiettivo di 1,5°C sarebbe stato probabilmente raggiunto in meno di due decenni.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

Condividi Con I Tuoi Amici: