Spiegazione: perché potrebbe essere una buona idea mantenere la temperatura dell'aria condizionata sopra i 24 gradi quest'estate? - Luglio 2022

Il coronavirus (Covid-19) può diffondersi o essere controllato da sistemi di riscaldamento, ventilazione o condizionamento? Ecco cosa dicono le linee guida emanate dal governo.

Spiegazione: perché potrebbe essere una buona idea mantenere la temperatura dellSecondo ISHRAE, l'azione migliore per limitare il rischio di infezione per via aerea era quella di ventilare gli ambienti interni con aria esterna.

Durante la pandemia di Covid-19, il governo ha emesso un avviso per impostare i condizionatori d'aria tra 24 gradi Celsius e 30 gradi Celsius e mantenere l'umidità relativa tra il 40 e il 70%. Il Dipartimento centrale dei lavori pubblici (CPWD) ha emesso l'avviso ai suoi funzionari in un memorandum d'ufficio per affrontare le preoccupazioni associate alla diffusione della malattia attraverso i condizionatori d'aria e i sistemi di ventilazione.

Le linee guida sono state formulate dalla Indian Society of Heating Refrigerating and Air Conditioner Engineers (ISHRAE) tenendo conto delle regioni climatiche del subcontinente indiano. Secondo ISHRAE, l'azione migliore per limitare il rischio di infezione per via aerea era quella di ventilare gli ambienti interni con aria esterna.



Impostazione della temperatura e dell'umidità durante il Covid-19

Le linee guida affermano: Impostare la temperatura della stanza tra 24 gradi Celsius e 30 gradi Celsius. Mantenere l'umidità relativa tra il 40% e il 70%. (Nei climi umidi impostare la temperatura più vicina a 24 gradi Celsius per la deumidificazione e nei climi secchi più vicini oa 30 gradi Celsius e utilizzare i ventilatori per aumentare il movimento dell'aria).



Cita uno studio che ha riscontrato che la trasmissione di Covid-19 in 100 città della Cina è inferiore a temperature elevate e umidità elevata. ( Non perdere la nostra spiegazione: il caldo estivo ucciderà il coronavirus? )


Genevieve Goings sposato

Studi condotti a vari livelli di umidità relativa hanno dimostrato che l'utilizzo di metodi di coltura virale a basse temperature (7-8 gradi Celsius) erano ottimali per la sopravvivenza dell'influenza nell'aria, con la sopravvivenza del virus che diminuisce progressivamente a temperature moderate (20,5-24 gradi Celsius) e diminuisce ulteriormente a temperature più elevate ( temperature superiori a 30 gradi Celsius), ha affermato.



Cita anche uno studio che ha dimostrato che il SARS-CoV-2 può vivere per 14 giorni su una superficie a 4 gradi Celsius, un giorno a 37 gradi Celsius e morirà in 30 minuti a 56 gradi Celsius.

L'umidità, ha detto, può influenzare l'infettività – la facilità con cui possono verificarsi le infezioni – del virus attraverso la respirazione. In un ambiente secco, o quando c'è poca umidità, è più facile che particelle estranee invadano il corpo. Pertanto, un'umidità relativa di almeno il 40% è considerata la soglia.

Quando respiriamo aria secca, la mucosa dei polmoni si secca. Il fluido che riveste le cellule diventa più viscoso e i piccoli peli chiamati ciglia, che proteggono i nostri polmoni dall'insediamento profondo di particelle vitali e non vitali, non possono funzionare e le particelle si depositano più profondamente nei polmoni, afferma. Se consideriamo il trasporto di ossigeno e CO2 e il sangue, è solo una membrana cellulare che separa lo spazio aereo dal sangue. Quindi, se qualcosa passa dai nostri polmoni nel sangue, ci infettiamo.



Si riferisce anche a studi che indicano che un'umidità relativa dell'80% e oltre può neutralizzare il virus.