Spiegazione: perché la regina Elisabetta II non torna a Buckingham Palace dopo la sua pausa estiva? - Giugno 2022

Buckingham Palace è la sede amministrativa del monarca del Regno Unito. È così dal 1837 quando la regina Vittoria salì al trono.

Queen Elizabeth, Buckingham Palace, Queen Elizabeth Windson Castle, Indian Express(Foto/File AP)

Mentre il mondo è alle prese con la pandemia di coronavirus, la regina Elisabetta è pronta a fare del castello di Windsor la sua casa principale enon tornare a Buckingham Palaceper il prossimo futuro.

Secondo un rapporto inIl Sunday Times, la regina di solito torna a Buckingham Palace a Londra entro ottobre dopo la sua pausa estiva in Scozia. Quest'anno, tuttavia, sarebbe tornata al Castello di Windsor, nella contea inglese del Berkshire, dove si era isolata insieme a suo marito, il principe Filippo e un piccolo gruppo di dipendenti.



L'assenza della regina da Buckingham Palace è significativa dato che è probabile che sia la più lunga in cui sarà via nel suo regno di 68 anni. Buckingham Palace è la sede amministrativa del monarca del Regno Unito, e lo è dal 1837 quando la regina Vittoria salì al trono. L'unica volta che il monarca se ne è andato è stato per brevi periodi, in momenti di crisi o risentimento, o le fughe annuali dell'attuale regina, quando trascorre il tempo e svolge funzioni cerimoniali dal castello di Windsor.



Buckingham Palace prima della regina Vittoria

Il grande edificio decorato e gli ampi giardini di Buckingham Palace sono stati un luogo importante per gli affari cerimoniali e politici del Regno Unito. Prima della sua occupazione come sede amministrativa della monarchia, era il Palazzo di San Giacomo, situato a circa un quarto di miglio di distanza, che serviva allo scopo.


Christopher Rich moglie

Il sito in cui si trova Buckingham Palace è stato di proprietà della monarchia britannica per più di 400 anni. Nel XVI secolo, il re Giacomo I aveva acquistato la terra per usarla come giardino per i reali. Aveva anche un boschetto di quattro acri di gelsi, che sperava di utilizzare per la produzione della seta.



Nel 1698, una villa in mattoni rossi in questo appezzamento di terreno fu venduta a un uomo di nome John Sheffield, che in seguito fu nominato 'Duca di Buckingham'. È dopo di lui che la casa prese il nome.

Queen Elizabeth, Buckingham Palace, Queen Elizabeth Windson Castle, Indian ExpressLa regina Elisabetta salì al trono nel 1952. (Reuters foto/file)

Fu re Giorgio III, nonno della regina Vittoria, ad acquistare la Buckingham House dagli eredi del duca di Buckingham nel 1761. Poco dopo la nascita del loro primo figlio, re Giorgio III e la sua consorte, la regina Carlotta, fondarono St. Jame's Palazzo troppo piccolo per il loro uso. Successivamente, Buckingham House passò alla proprietà reale. Fu scelto principalmente come dote per la regina Carlotta, ma il re e la regina iniziarono ad apprezzarlo così tanto che divenne la loro residenza londinese, scrive lo storico H. Clifford Smith nel suo articolo 'Buckingham Palace', pubblicato nel 1953. Il precursore dell'attuale palazzo divenne noto come 'Queen's House, ma i tribunali continuarono a essere tenuti a St. James Palace', ha aggiunto.

Dopo la morte di Giorgio III, suo figlio Giorgio IV, salito al trono all'età di 60 anni, favorì il comfort della casa di Buckingham e volle farne la residenza reale. Di conseguenza, assunse l'architetto John Nash per ampliare e rinnovare l'edificio.



Tuttavia, suo fratello e successore Guglielmo IV non era interessato a risiedere a Buckingham Palace e preferì invece la Clarence House, che è collegata a St. James Palace. Anche quando la Camera del Parlamento fu distrutta da un incendio nel 1830 e a Guglielmo IV fu offerto Buckingham Palace per la sua legislatura, si era gentilmente rifiutato.

Dopo la sua morte nel 1837, sua nipote, la regina Vittoria, assunse la corona e divenne il primo monarca a fare di Buckingham Palace la sua residenza ufficiale. Da allora, il palazzo ha mantenuto la sua statura.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime



Buckingham Palace come sede dei reali

Sebbene Buckingham Palace sia rimasto la residenza ufficiale della regina Vittoria fino alla sua morte nel 1901, c'erano molti aspetti del palazzo che voleva ristrutturare o ampliare per soddisfare le esigenze della sua famiglia in crescita. Ad esempio, subito dopo che lei e suo marito, il principe Alberto, si sono trasferiti, si dice che si siano resi conto che il palazzo rimaneva troppo freddo spesso, mancava di un'adeguata ventilazione ed era anche piuttosto sporco. Nel corso degli anni, il principe Alberto si dedicò alla ristrutturazione del palazzo. Man mano che la famiglia cresceva di dimensioni, furono aggiunte nuove ali, balconi e altri esterni.

Dopo la morte del principe Alberto nel 1861, la regina vedova si è effettivamente isolata, rifiutandosi di partecipare a quasi tutte le cerimonie reali e le occasioni sociali. Durante il 1860, trascorreva spesso lunghi periodi di tempo al Castello di Windsor, al Castello di Balmoral in Scozia e alla Osborne House a East Cowes. Durante questo periodo, Buckingham Palace fu quasi trascurato. Nel 1864, in un momento in cui la monarchia era oggetto di molte critiche per l'assenza della regina dalla vita pubblica, fu trovata una nota appuntata sulla ringhiera fuori Buckingham Palace che diceva: Questi grandi locali saranno affittati o venduti, in conseguenza del tardo l'attività in declino dell'occupante.



Queen Elizabeth, Buckingham Palace, Queen Elizabeth Windson Castle, Indian ExpressLa regina Elisabetta II passeggia nel parco privato del Castello di Windsor, in Inghilterra, con quattro dei suoi cani, (in senso orario da sinistra in alto) Willow, Vulcan, Candy e Holly, nel 2016. (AP Photo/File)

Alla fine, anche se l'opinione pubblica ha convinto la regina Vittoria a tornare, è rimasta il più possibile lontana. Le funzioni cerimoniali si svolgevano al Castello di Windsor mentre Buckingham Palace rimaneva chiuso per gran parte dell'anno.

Sotto i successori della regina Vittoria, re Edoardo VII, re Giorgio V e re Giorgio VI, la vita a Buckingham Palace fu ripresa e furono aggiunte anche grandi caratteristiche architettoniche. Durante la seconda guerra mondiale, re Giorgio VI e la sua regina rimasero a palazzo, anche se trascorrevano le serate con le figlie, Elisabetta e Margherita, al castello di Windsor, dove erano state trasferite per motivi di sicurezza.

Prima che Elisabetta II salisse al trono nel 1952, viveva con suo marito, il principe Filippo, a Clarence House. Un episodio del dramma storico 'The Crown', scritto dal drammaturgo Peter Morgan e basato sul regno della regina, illustra molto bene il significato di Buckingham Palace. Dopo che la giovane regina Elisabetta II (interpretata da Claire Foy) ha informato il primo ministro Winston Churchill (John Lithgow), dell'intenzione di lei e di suo marito di rimanere a Clarence House, viene presto informata della decisione del governo contro la sua volontà. La casa del sovrano del Regno Unito è Buckingham Palace, spiega al marito (interpretato da Matt Smith), mentre gli spiega perché devono trasferirsi da Clarence House. Continua ad essere d'accordo con lui sul fatto che odia il posto, ma decide di assecondarlo poiché è un consiglio schiacciante da parte del governo. Ovviamente, dobbiamo ricordare che la serie Netflix è stata in una certa misura romanzata. Tuttavia, l'episodio fornisce indicazioni su cosa significhi Buckingham Palace per la monarchia britannica.

Da non perdere da Explained |Come l'asta degli effetti personali di Gandhi ha creato polemiche negli ultimi anni

L'assenza della regina da Buckingham Palace va letta anche nel contesto del fatto che la pandemia di coronavirus ha causato ingenti perdite alle entrate del Royal Collection Trust, la cui principale fonte di reddito è il turismo. La fiducia ha recentemente annunciato che quest'anno subirà una perdita di circa 30 milioni di sterline, poiché i palazzi continuano a rimanere chiusi al pubblico. Di conseguenza, ha anche portato a tagli di posti di lavoro nei palazzi.