Verifica dei fatti: Articolo 35, Carta delle Nazioni Unite - Come l'India ha affrontato l'invasione pakistana di J&K - Gennaio 2022

Amit Shah ha affermato che se Nehru avesse portato la questione alle Nazioni Unite ai sensi dell'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, invece dell'articolo 35, il risultato sarebbe stato diverso.

Verifica dei fatti: Articolo 35, Carta delle Nazioni Unite - Come lMumbai: il ministro degli interni Amit Shah parla a una manifestazione a Mumbai, domenica 22 settembre 2019. (PTI Photo)

A Mumbai domenica, il ministro degli interni dell'Unione Amit Shahha ritenuto responsabile il primo Primo Ministro indiano Jawaharlal Nehruper l'esistenza del Kashmir occupato dal Pakistan poiché aveva dichiarato un cessate il fuoco prematuro alle ostilità dopo che il Pakistan aveva invaso il Kashmir nell'ottobre 1947. Ha detto che Nehru aveva portato la questione alle Nazioni Unite ai sensi dell'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, invece dell'articolo 35, l'esito sarebbe stato diverso.

Il cessate il fuoco




quanto vale la pietra emma

Il cessate il fuoco è stato mediato da una missione delle Nazioni Unite. Secondo i registri delle Nazioni Unite, il 1 gennaio 1948, il governo dell'India ha riferito al Consiglio di sicurezza i dettagli di una situazione esistente tra India e Pakistan a causa dell'aiuto che gli invasori, costituiti da cittadini del Pakistan e membri delle tribù del territorio immediatamente confinante con il Pakistan su del nord-ovest, attingevano dal Pakistan per operazioni contro Jammu e Kashmir. Sottolineando che J&K aveva aderito all'India, il governo dell'India ha ritenuto che la concessione di questa assistenza da parte del Pakistan fosse un atto di aggressione contro l'India... Il governo dell'India, ansioso di procedere secondo i principi e gli obiettivi della Carta, ha portato la situazione all'attenzione del Consiglio di sicurezza ai sensi dell'articolo 35 della Carta.



Il Pakistan lo negò il 15 gennaio 1948 e disse che la denuncia dell'India ai sensi dell'articolo 35 conteneva una minaccia di attacco diretto contro di essa. Con lo stesso articolo, il Pakistan portava all'attenzione del Consiglio di Sicurezza una situazione esistente tra India e Pakistan che aveva già dato luogo a controversie tendenti a mettere in pericolo il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale e accusava l'India di genocidio dei musulmani, mancata attuazione di accordi tra i due paesi, l'occupazione illegale di Junagadh e le azioni dell'India in Jammu e Kashmir.

Articolo 35



Gli articoli 33-38 si trovano nel capitolo 6 intitolato Pacific Settlement of Disputes. Questi sei articoli stabiliscono che se le parti di una controversia che ha il potenziale per mettere in pericolo la pace e la sicurezza internazionale non sono in grado di risolvere la questione attraverso negoziati tra di loro, o con qualsiasi altro mezzo pacifico, o con l'aiuto di un'agenzia regionale, il Consiglio di Sicurezza può intervenire, con o senza l'invito dell'una o dell'altra delle parti coinvolte, e raccomandare procedure o metodi di raccomandazione appropriati. In particolare, l'articolo 35 dice solo che qualsiasi membro delle Nazioni Unite può portare una controversia al Consiglio di sicurezza o all'Assemblea generale.


quanto guadagna dave hester

Articolo 51

Questo articolo si trova nel capitolo 7 intitolato Azione in relazione a minacce alla pace, violazioni della pace e atti di aggressione. Il capitolo presuppone che il Consiglio di sicurezza sia già al corrente della situazione.



L'articolo 51 afferma essenzialmente che un membro delle Nazioni Unite ha il diritto intrinseco all'autodifesa individuale o collettiva se attaccato, fino al momento in cui il Consiglio di sicurezza non abbia adottato le misure necessarie per mantenere la pace e la sicurezza internazionali. Dice che l'esercizio di questo diritto deve essere immediatamente riferito al Consiglio di Sicurezza dal membro, e non pregiudica in alcun modo l'autorità e la responsabilità del Consiglio di Sicurezza ai sensi della presente Carta di intraprendere in qualsiasi momento le azioni che ritenga necessarie in al fine di mantenere o ripristinare la pace e la sicurezza internazionali.


casa di klay thompson

Il risultato

La decisione di istituire una Missione delle Nazioni Unite è stata presa il 20 gennaio. Le Nazioni Unite hanno invocato l'articolo 34 per dare mandato alla missione di indagare sui fatti della situazione e di esercitare qualsiasi influenza di mediazione... che possa appianare le difficoltà.



Anche il titolo dell'agenda davanti al Consiglio di sicurezza è stato cambiato dalla questione Jammu e Kashmir alla questione India-Pakistan. La Missione di cinque membri, che aveva membri nominati da India e Pakistan, e altri tre, alla fine ha mediato la cessazione delle ostilità dal 1 gennaio 1949 e l'istituzione di una linea di cessate il fuoco il 27 luglio 1949, che ha lasciato il Pakistan con le aree di Jammu e Kashmir che quel giorno erano sotto il suo controllo. Fu questa linea di cessate il fuoco che venne chiamata la Linea di Controllo nell'Accordo di Simla del 1972.