Da Nehru a Manmohan Singh, cinque PM indiani che si sono rivolti al Congresso degli Stati Uniti prima di Narendra Modi - Gennaio 2022

Indian Express cura i punti principali di cinque discorsi del primo ministro indiano ai membri del Congresso e alle donne del Congresso degli Stati Uniti, annotandoli con il contesto in cui sono stati pronunciati.

Narendra Modi, visita modi negli Stati Uniti, congresso degli Stati Uniti di Modi, indirizzo del congresso degli Stati Uniti di modi, PV Narasimha Rao, Jawaharlal Nehru, Rajiv Gandhi, Atal Bihari Vajpayee, Manmohan Singh, indirizzo Modi del Parlamento degli Stati Uniti, tour degli Stati Uniti di Modi, notizie dallL'8 giugno, Narendra Modi diventerà il sesto Primo Ministro indiano a parlare ai legislatori statunitensi a Capitol Hill a Washington DC.

L'8 giugno, Narendra Modi diventerà il sesto Primo Ministro indiano a parlare ai legislatori statunitensi a Capitol Hill a Washington DC. Visti dal punto di vista del 2016, i discorsi dei cinque primi ministri a cui è stato concesso l'onore in precedenza offrono un'istantanea straordinaria della traiettoria delle relazioni India-USA negli ultimi 60 anni - da Jawaharlal Nehru che, il 13 ottobre 1949, dichiarò la conservazione della pace mondiale e l'allargamento della libertà umana al centro della politica estera indiana, a Manmohan Singh che il 19 luglio 2005 ha promesso agli Stati Uniti e al mondo: Non siamo mai stati, e non saremo mai, una fonte di proliferazione di tecnologie sensibili.

Immagine di Nehru che si rivolge alla Camera dei Rappresentanti, pubblicata nellImmagine di Nehru che si rivolge alla Camera dei Rappresentanti, pubblicata nell'edizione del New York Times del 14 ottobre 1949. (Fonte: The New York Times Archives)

Jawaharlal Nehru: Un viaggio di scoperta, 13 ottobre 1949



Sono venuto qui in un viaggio alla scoperta della mente e del cuore dell'America e per mettere davanti a voi la nostra mente e il nostro cuore. Così possiamo promuovere quella comprensione e quella cooperazione che, ne sono certo, entrambi i nostri paesi desiderano ardentemente.



Ci rendiamo conto che l'auto-aiuto è la prima condizione di successo per una nazione, non meno che per un individuo. Siamo consapevoli che il nostro deve essere lo sforzo primario e non cercheremo aiuto a nessuno per sottrarci a qualsiasi parte della nostra responsabilità. Ma sebbene il nostro potenziale economico sia grande, la sua conversione in ricchezza finita richiederà molti aiuti meccanici e tecnologici.

Pertanto, accoglieremo con gioia tale aiuto e cooperazione a condizioni di reciproco vantaggio... Ma non cerchiamo alcun vantaggio materiale in cambio di alcuna parte della nostra libertà conquistata a fatica.



[articolo correlato]

CONTESTO:La Camera della Camera era in fase di ristrutturazione e Nehru ha tenuto un ricevimento nella Sala del Comitato dei modi e dei mezzi nell'edificio degli uffici della nuova casa (in seguito ribattezzato Longworth) per 15 minuti. Si è poi recato al Senato, riunito provvisoriamente nella Vecchia Camera della Corte Suprema, per tenere lo stesso discorso. Le relazioni tra India e Stati Uniti, allora guidate dal presidente Harry S Truman, erano in una fase nascente. La politica di non allineamento di Nehru e le opinioni socialiste furono generalmente accolte con scetticismo a Washington DC.

La prima pagina dellLa prima pagina dell'edizione del New York Times del 14 giugno 1985. (Fonte: NYT Archive)

Rajiv Gandhi: Benvenuto a tutta la cooperazione che otteniamo, 13 giugno 1985



Sono stato eletto Primo Ministro dell'India in un momento in cui la nostra nazione è pronta per una nuova ondata di crescita. I nostri leader negli ultimi 30 anni hanno stabilito solide fondamenta su cui ora dobbiamo costruire. L'India è un paese vecchio, ma una nazione giovane; e come i giovani di tutto il mondo, siamo impazienti.

Sono giovane e ho un sogno. Sogno un'India forte, autosufficiente e in prima linea tra le nazioni del mondo al servizio dell'umanità. Mi impegno a realizzare quel sogno attraverso la dedizione, il duro lavoro e la determinazione collettiva delle nostre persone. Daremo il benvenuto a tutta la cooperazione che possiamo ottenere.

CONTESTO:L'India era vista come vicina al blocco sovietico, sebbene sostenesse il non allineamento. Con il presidente Ronald Reagan, le differenze riguardavano principalmente l'armamento del Pakistan. La visita di Rajiv è stata un enorme successo; Il segretario di Stato George P Shultz ha affermato di aver superato tutte le aspettative. In un commento sul New York Times, Bernard Weinraub ha citato un funzionario dell'amministrazione Reagan dicendo: C'è un contrasto giorno e notte tra Rajiv e sua madre... Questo tizio ha una mente aperta. Reagan e la signora Gandhi appartenevano più o meno alla stessa generazione e l'ironia è che Reagan ha rapporti con Rajiv molto più di quelli che aveva con la signora Gandhi. I semi dei trasferimenti di alta tecnologia e della cooperazione spaziale sono stati seminati durante il periodo di Rajiv.



Rao si rivolge alla seduta congiunta del Congresso. Il presidente della Camera Tom Foley è in fondo a sinistra. (Archivio espresso)Rao si rivolge alla seduta congiunta del Congresso. Il presidente della Camera Tom Foley è in fondo a sinistra. (Archivio espresso)

PV Narasimha Rao: Threshold Of Bold New Era, 18 maggio 1994

Gli Stati Uniti e l'India hanno imparato molto gli uni dagli altri nel corso della storia. Le distanze non contavano. In effetti, le distanze non hanno mai avuto importanza nella trasmissione delle idee perché il loro mezzo è la mente.



Poi venne la Guerra Fredda. Quella grande opportunità sembrava scivolarci tra le dita anche se cercavamo di tenerla tra le mani. Oggi dobbiamo preoccuparci delle dita.

Essendo rappresentanti transitori e vincolati dei nostri popoli, tu ed io non abbiamo né il tempo né la necessità di rivedere ciò che non desideriamo ripetere. È il futuro a cui dobbiamo pensare, anzi, preoccuparci. E, naturalmente, le dita. Le dita sono semplicemente democrazia e sviluppo. Dalla mia esperienza personale, non ho dubbi che questa sia una combinazione estremamente difficile e altrettanto essenziale, dal punto di vista dell'India.

Le relazioni indo-americane sono alle soglie di una nuova era audace.

Poiché l'India è pronta a contribuire alla prosperità e alla pace globali nel prossimo secolo, non vediamo l'ora di continuare la nostra partnership con l'America e con il popolo americano. L'India è uno dei paesi in via di sviluppo in cui il processo di sviluppo è saldamente radicato. Ci siamo resi conto che non sono possibili soluzioni rapide e che non c'è sostituto per il duro lavoro con il pieno coinvolgimento delle persone.

CONTESTO:L'Unione Sovietica era crollata, la Guerra Fredda era finita e l'India aveva svelato un programma radicale di riforme economiche. È stato un momento di grandi opportunità e speranze e, giustamente, Rao ha parlato della necessità di guardare al futuro senza il bagaglio del passato. Il presidente Bill Clinton era da alcuni mesi nel suo primo mandato quando Rao ha visitato.

Vajpayee si rivolge alla sessione congiunta del Congresso a Capitol Hill. (Archivio espresso)Vajpayee si rivolge alla sessione congiunta del Congresso a Capitol Hill. (Archivio espresso)

Atal Bihari Vajpayee: Rimuoviamo l'esitazione, 14 settembre 2000


Jules Wainstein età

Se vogliamo... un'Asia democratica, prospera, tollerante, pluralista, stabile... dove i nostri interessi vitali sono al sicuro, allora è necessario riesaminare i vecchi presupposti... Negli anni a venire, un'India forte, democratica ed economicamente prospera, stare al crocevia di tutte le maggiori zone culturali ed economiche dell'Asia, sarà un indispensabile fattore di stabilità nella regione.

I problemi di sicurezza hanno gettato un'ombra sulla nostra relazione. Credo che questo non sia necessario. Abbiamo molto in comune e nessuno scontro di interessi.

L'India comprende le tue preoccupazioni. Non desideriamo svelare i tuoi sforzi di non proliferazione. Desideriamo che tu comprenda i nostri problemi di sicurezza. Rimuoviamo l'ombra di esitazione che si trova tra noi e la nostra visione comune.

CONTESTO:Il governo di Vajpayee aveva effettuato un test nucleare solo due anni fa, invitando a una serie di sanzioni globali. Ma in India si stava svelando una nuova fase di riforme economiche, il settore IT era in piena espansione e la crescita stava riprendendo. Vajpayee, il secondo Primo Ministro in visita sotto la presidenza di Clinton, ha parlato con visione e convinzione.

Il vicepresidente Dick Cheney stringe la mano a Singh dopo il suo discorso. A sinistra è il presidente della Camera Dennis Hastert. (Foto della Casa Bianca di David Bohrer)Il vicepresidente Dick Cheney stringe la mano a Singh dopo il suo discorso. A sinistra è il presidente della Camera Dennis Hastert. (Foto della Casa Bianca di David Bohrer)

Manmohan Singh: Deve combattere il terrore ovunque, 19 luglio 2005

Il presidente Bush ed io siamo arrivati ​​a un'intesa nel trovare modi e mezzi per consentire la cooperazione (energia nucleare civile) ... Il track record dell'India nella non proliferazione nucleare è impeccabile. Abbiamo aderito scrupolosamente a ogni regola e canone... anche se abbiamo assistito a una proliferazione nucleare incontrollata nel nostro vicinato... Non siamo mai stati, e non saremo mai, una fonte di proliferazione di tecnologie sensibili.

Gli Stati Uniti e l'India devono collaborare in tutte le sedi possibili per contrastare tutte le forme di terrorismo. Non possiamo essere selettivi in ​​questo campo. Dobbiamo combattere il terrorismo ovunque esista, perché il terrorismo ovunque minaccia la democrazia ovunque.

CONTESTO:Con il fiorire delle relazioni economiche, l'India e gli Stati Uniti hanno preso provvedimenti per stabilire legami a un livello strategico più elevato. Il presidente George W. Bush ha offerto all'India un accordo sul nucleare civile, il cui accordo quadro è stato firmato un giorno prima del discorso di Singh al Congresso e che è stato finalmente concluso nel 2008.